IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

mercoledì 29 luglio 2015

Inglorious Cinephiles a NewsCinema ON AIR - 3° Puntata


Giovedì scorso è andata in onda la terza puntata della nuova rubrica NewsCinema ON AIR. Abbiamo parlato del Giffoni Film Festival, "Ant-Man", "Pixels", il nuovo film dello Studio Ghibli e altro ancora. Oltre a me, Giordano Caputo, di Inglorious Cinephiles, erano presenti anche Letizia Rogolino e Carlo Andriani di NewsCinema, Elena Ela e Stefano Lo Verme di Movieplayer.
Se ci avete perso e volete recuperarci, qui sotto potete trovare il link della puntata.

Terza Puntata:

Venezia 72 - Tutti I Film In Programma


Inizierà il 2 settembre prossimo la 72a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e Inglorious Cinephiles, dopo due anni consecutivi, non sarà presente al Lido per dire la sua in tempo reale. Tuttavia ciò non ci impedisce di parlare comunque del festival, a cominciare da oggi, giornata in cui sono stati presentati tutti i film in programmazione.

Concorso:

11 MINUT (11 MINUTES) di JERZY SKOLIMOWSKI
ABLUKA (FRENZY) di EMIN ALPER
ANOMALISA di CHARLIE KAUFMAN e DUKE JOHNSON
L'ATTESA di PIERO MESSINA
BEASTS OF NO NATION di CARY FUKUNAGA
BEHEMOTH di ZHAO LIANG
A BIGGER SPLASH di LUCA GUADAGNINO
EL CLAN di PABLO TRAPERO
THE DANISH GIRL di TOM HOOPER
DESDE ALLÁ di LORENZO VIGAS
THE ENDLESS RIVER di OLIVER HERMANUS
EQUALS di DRAKE DOREMUS
FRANCOFONIA di ALEKSANDR SOKUROV
HEART OF A DOG di LAURIE ANDERSON
L'HERMINE di CHRISTIAN VINCENT
LOOKING FOR GRACE di SUE BROOKS
MARGUERITE di XAVIER GIANNOLI
PER AMOR VOSTRO di GIUSEPPE M. GAUDINO
RABIN, THE LAST DAY di AMOS GITAI
REMEMBER di ATOM EGOYAN
SANGUE DEL MIO SANGUE di MARCO BELLOCCHIO

Fuori Concorso:

THE AUDITION di MARTIN SCORSESE (Cortometraggio)
BLACK MASS di SCOTT COOPER
LA CALLE DE LA AMARGURA di ARTURO RIPSTEIN
DE PALMA di NOAH BAUMBACH e JAKE PALTROW
L'ESERCITO PIÙ PICCOLO DEL MONDO di GIANFRANCO PANNONE
EVEREST di BALTASAR KORMÁKUR (Film Di Apertura)
GO WITH ME di DANIEL ALFREDSON
HUMAN di YANN ARTHUS-BERTRAND
IN JACKSON HEIGHTS di FREDERICK WISEMAN
JANIS di AMY BERG
LAO PAO ER (MR SIX) di HU GUAN
NA RI XIAWU (AFTERNOON) di TSAI MING-LIANG
NON ESSERE CATTIVO di CLAUDIO CALIGARI
SOBYTIE (THE EVENT) di SERGEI LOZNITSA
SPOTLIGHT di THOMAS MCCARTHY
GLI UOMINI DI QUESTA CITTÀ IO NON LI CONOSCO di FRANCO MARESCO
LA VIE ET RIEN D'AUTRE di BERTRAND TAVERNIER
WINTER ON FIRE di EVGENY AFINEEVSKY

Orizzonti:

CHAHARSHANBEH, 19 ORDIBEHESHT (WEDNESDAY, MAY 9) di VAHID JALILVAND
THE CHILDHOOD OF A LEADER di BRADY CORBET
A COPY OF MY MIND di JOKO ANWAR
FREE IN DEED di JAKE MAHAFFY
GABRIEL MASCARO - BOI NEON MAN DOWN di DITO MONTIEL
KRIGEN (A WAR) di TOBIAS LINDHOLM
INTERRUPTION di YORGOS ZOIS
ITALIAN GANGSTER di RENATO DE MARIA
LAMA AZAVTANI (WHY HAST THOU FORSAKEN ME?) di HADAR MORAG
MADAME COURAGE di MERZAK ALLOUACHE
MATE-ME POR FAVOR di ANITA ROCHA DA SILVEIRA
UN MONSTRUO DE MIL CABEZAS di RODRIGO PLÁ
MOUNTAIN di YAELLE KAYAM
PECORE IN ERBA di ALBERTO CAVIGLIA
TAJ MAHAL di NICOLAS SAADA
TEMPÊTE di SAMUEL COLLARDEY
VISAARANAI (INTERROGATION) di VETRI MAARAN

Sicario - Trailer Ufficiale Italiano


Arriva il primo trailer italiano di "Sicario", il nuovo film del regista Denis Villeneuve ("Prisoners"), presentato in concorso all'ultimo festival di Cannes. La pellicola vede al suo interno un cast composto da Benicio Del Toro, Emily Blunt, Josh Brolin e Jon Bernthal e uscirà in Italia il prossimo 24 settembre 2015.

Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
In una zona di confine tra Stati Uniti e Messico, dove la legge non conta, Kate (Emily Blunt) è un’agente dell’FBI giovane e idealista, arruolata dal funzionario di una task force governativa per la lotta alla droga (Josh Brolin) per compiere una missione speciale. Sotto la guida di un ambiguo e impenetrabile consulente (Benicio Del Toro) la squadra parte per un viaggio clandestino, costringendo Kate a mettere in discussione tutto ciò in cui crede per riuscire a sopravvivere.

Hunger Games: Il Canto della Rivolta | Parte 2 - Trailer Italiano Ufficiale


Disponibile il trailer italiano ufficiale di "Hunger Games: Il Canto della Rivolta | Parte 2", il nuovo capitolo della saga tratta dai romanzi di Suzanne Collins, diretto da Francis Lawrence, con Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Donald Sutherland, Liam Hemsworth e Sam Claflin, al cinema dal 19 novembre 2015.

Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Accompagnata dai suoi più cari amici - inclusi Gale, Finnick e Peeta - Katniss va in missione con la squadra del Distretto 13, dove rischierà la vita per liberare i cittadini di Panem e attentare alla vita del Presidente Snow, sempre più ossessionato dal pensiero di distruggerla. Le trappole mortali, i nemici e scelte morali che aspettano Katniss la metteranno alla prova più di qualsiasi arena in cui abbia combattuto.

lunedì 27 luglio 2015

Ex Machina - La Recensione

Ci sono dei tasselli che non combaciano in "Ex Machina", l'esordio alla regia dello sceneggiatore Alex Garland, dei passaggi in cui l'antropologia posta al centro e tanto cara al suo autore, sfuma inesorabilmente, riordinando i connotati di un thriller fantascientifico e psicologico, dagli atteggiamenti ambiziosi, a qualcosa di assai meno incisivo e convincente.

Che il premio vinto in azienda dal dipendente inappuntabile Domhnall Gleeson fosse qualcos'altro rispetto alla semplice interazione con un robot-donna dalle fattezze umane e l'intelligenza artificiale avanzatissima, lo si capisce immediatamente in pochissimi istanti, da quando il Mozart della programmazione informatica, Oscar Isaac, creatore dell'esperimento, fa capolino dalla cucina della sua dimora blindata e isolata dal mondo e cerca di indovinare cosa sta passando in quel preciso momento nella testa del suo dipendente impacciato. Il suo è un atteggiamento borioso, sovrastante, deciso a mantenere le distanze, ma con la pretesa di instaurare anche un legame amichevole e diretto con il nuovo ospite. Un atteggiamento che però suona, altresì, come un avvertimento, un'allerta: quella di rimanere concentrato e di stare in guardia, perché le menti con cui entrerà in contatto in quel luogo saranno sempre almeno un passo avanti a lui e qualora non sarà così faranno in modo che quel passo indietro, volente o nolente, lui lo esegua ugualmente.

Un poker senza carte né tavolo verde, dunque, in cui il pollo sa di essere pollo, ma per difendersi deve scoprire chi è il cacciatore: se l'uomo, suo simile, o la macchina da lui creata. Eppure in questa partita i due organizzatori non sembrano neppure tanto nemici, anzi, in qualche modo appaiono interessati a scoprire da che parte si schiererà la vittima, per cui entrambi barano diversamente, mischiando le carte e studiando reazioni. L'unica soluzione allora resta quella delle parole, delle espressioni, dei gesti, provare a tradurli nonostante siano eseguiti a regola d'arte sia da una parte che dall'altra, quell'altra che forse non a caso è stata costruita non uomo, ma donna, per di più pensante e affascinante.
Da questo meraviglioso spettacolo di finzione, di maschere e di simulazione Garland è attratto, catturato (come noi), ma tuttavia non pare riuscirlo a moderare a pieno servizio come forse dentro di sé sperava. E così, inaspettatamente, quando si accorge del peso grosso ingestibile sulla sua schiena, decide di ovviare lasciando crollare distrattamente tutto a terra, proprio durante quell'ultima manche attesissima che avrebbe dovuto sciogliere le riserve e stabilire i vincitori e i vinti.

Sceglie la soluzione più semplice "Ex Machina" come epilogo, quella che manda all'aria qualsiasi retaggio psichico e comportamentale per una poetica sciupa e scarna sulla sopravvivenza, una di quelle, per intenderci, facilmente calcolabile in fase di visione, ma scartata, perché, persino da parte nostra, non accettabile e scialba.

Trailer:

Revenant: Il Redivivo - Teaser Trailer Ufficiale Italiano


Arriva il primo teaser trailer italiano di "Revenant: Il Redivivo", il nuovo lavoro di Alejandro González Iñárritu con Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Domhnall Gleeson e Will Poulter. La pellicola è ancora in fase di produzione, ma uscirà in America il 25 dicembre prossimo, mentre qui in Italia non è ancora stata definita una data d'uscita.

Teaser Trailer Italiano:

giovedì 23 luglio 2015

Pixels - La Recensione

Quello che doveva essere un filmato girato scherzosamente durante un torneo di videogames anni ottanta, da inviare nello spazio alla ricerca di nuove forme di vita, viene travisato dagli alieni come minaccia di guerra nei loro confronti e utilizzato per realizzare delle versioni maligne di quei stessi videogames, da spedire sulla terra trentacinque anni più tardi con lo scopo di eliminare la razza umana.
Galaga, Centipede, Pac-Man, Donkey Kong. Delle solite minacce inviate dallo spazio sul nostro pianeta queste sono decisamente le più simpatiche e elettrizzanti, se non fosse per la loro tendenza a trasformare in pixel qualsiasi cosa colpiscano o mangino. Le regole per contrastarli tuttavia esistono e corrispondono rigorosamente a quelle della sala giochi, ragion per cui al governo degli Stati Uniti d'America non resta che mettere da parte il suo esercito ed affidarsi alle abilità di un team di nerd espertissimi in materia.

Una delle idee più geniali partorite al cinema negli ultimi anni, talmente geniale che vederla accomunata ad un attore come Adam Sandler (anche produttore), sembrava quasi una visione surreale o un errore di valutazione. A tenere alte le speranze di "Pixels", però, c'era un regista come Chris Columbus, nome tutt'altro che sconosciuto, per nulla destinato a svolgere un compitino e abbastanza esperto da contenere al massimo le incursioni eccessivamente fuori luogo del Sandler ultimo, il più fastidioso. Questo almeno sulla carta.
Eppure, tra carta e realtà a volte esistono confini nulli, assenti, eliminati da ragionamenti talmente ponderati e eseguiti su punti fermi, da rivelarsi precisi al millimetro, simili a delle previsioni. E per "Pixels" funziona così, una pellicola realizzata scrupolosamente come ognuno di noi sperava e avrebbe voluto, a cui non si potrebbe chiedere nient'altro se non un bis e poi un altro ancora. Un divertissement, chiaramente, che porta con sé lo spirito dei migliori lavori anni ottanta, nel tentativo di lucidarlo e laccarlo ulteriormente, senza perderne l'essenza. Columbus ne tiene strette le fila, fa ciò che sa fare meglio, evitando di calcare troppo la mano e richiamando l'ordine a tempo debito, mentre il trio di protagonisti, strappa risate a grappoli (alcune anche di gusto), sfruttando dei lampi di sceneggiatura e, soprattutto, la situazione irrazionale a cui deve far fronte.

Ma il godimento principe, come prevedibile, resta affidato al rispolvero dei classici ludici e televisivi (e iconici) richiamati all'appello, un ritorno al vintage a cui non serve (per fortuna) aprire dibattiti o paragoni intenti a chiamare in causa la situazione attuale. Perché "Pixels" è nostalgico e con la materia riportata in vita ha solo voglia di rientrarci in contatto, di rivederla più in forma che mai, di giocarci ancora, un'ultima volta, attraverso un'esperienza totale, ai limiti del reale, capace di restituire la stessa gioia e le stesse emozioni provate quel mucchio di anni fa quando qualcuno, forse, sognava di sposarsi con una super-eroina virtuale o di avere in casa un Q*bert domestico, dolce e tenero con cui parlare e divertirsi.

Una rivincita dei nerd megagalattica, in sintesi, con la pretesa di riscattare complessivamente la figura del nerd una volta per tutte e celebrarla al massimo. Un lavoro d'intrattenimento confezionato ad hoc, con presidenti di governo improbabili, eroi inverosimili e cattivi meravigliosi. La proiezione di quello che potrebbe essere il mondo se immaginato da chi, anziché fare altro, ama giocare per ore e ore di fronte a una consolle.

Trailer:

007: Spectre - Trailer Ufficiale Italiano


Disponibile il fantastico, nuovo, trailer italiano di "007: Spectre", il nuovo film di James Bond diretto da Sam Mendes con Daniel Craig, Ralph Fiennes, Ben Whishaw, Naomie Harris, Rory Kinnear, Christoph Waltz, Léa Seydoux, Monica Bellucci, David Bautista e Andrew Scott. La pellicola uscirà al cinema a novembre 2015.

Trailer Ufficiale Italiano:

Ant-Man - La Recensione

Di Edgar Wright si intravedono alcune reminiscenze, bozze, appuntate per essere poi approfondite ed ampliate, se solo il "sistema", almeno, glie lo avesse permesso.
Va da sé, quindi che il più grande errore di "Ant-Man", oltre a quello di non aver lasciato carta bianca a Wright, assecondandolo in tutto e per tutto, sia quello di non aver archiviato e riscritto completamente lo script dopo l'entrata al timone di Peyton Reed, un regista sicuramente più malleabile, ma con poca, decisamente pochissima, personalità.

Quello che è stato quindi un diverbio di pre-produzione, anziché passare alle spalle, mette le radici e cammina come una formica per l'intero tratto della pellicola. Un continuo andare a cercare di svolgere il lavoro di qualcun altro, con il tentativo di farlo sembrare il più possibile uguale a come sarebbe stato se quell'altro l'avesse svolto in prima persona (ovviamente assumendo il controllo laddove prima c'era opposizione). Un compito estremo e scarsamente remunerativo, persino più complicato di quello che dovrebbe rendere un super-eroe ristretto e minuscolo, all'altezza degli imponenti e mitici Avengers. Eppure, guarda un po', la simpatia per entrare nelle grazie degli spettatori a Paul Rudd non manca, seppur più ricercata e meno a schiaffo di quella, per esempio, esercitata da Robert Downey Jr. con Tony Stark. Peccato venga messa al servizio di un racconto la cui spina dorsale sembra sia eretta a fatica, costantemente al limite tra equilibrio precario e crollo totale, manovrata con apprensione e annodata, nel terzo atto, a quella che pare a tutti gli effetti una riproposizione del primo "Iron-Man" con sfumature annesse.
Vedere per l'ennesima volta una pellicola Marvel terminare allora con un finale di seconda mano, speculare a quanto già visto, e neppure troppo apprezzato, è una scelta a dir poco scadente e incomprensibile, considerato poi che a detta di Joss Whedon, le idee pensate da Wright per "il suo" "Ant-Man" erano talmente interessanti da poterlo lanciare come miglior progetto mai realizzato su un cine-comic.

A Reed perciò gli si può concedere unicamente il contentino di aver salvato al meglio la baracca, di aver evitato il disastro, portando a casa tuttavia una pellicola che pur essendo discreta ha quel sapore di né carne, né pesce che non accontenta nessuno e non fa né vincitori, né vinti.
Ma come detto delle reminiscenze di ciò che poteva essere e non è stato in "Ant-Man" ci sono, rappresentate da quei geni, mantenuti e coltivati, con la pretesa di modellarli e di adattarli a qualcosa a loro fermamente discorde. Si percepisce, dunque, il taglio e l'atmosfera di un'opera distantissima dalle solite riconducibili ai super-eroi, appartenente al genere della commedia e divertente più di quanto, al contrario, sappia essere esaltante negli spaccati dedicati ai combattimenti e alle scene d'azione. Un concetto rivoluzionario accettato moderatamente e poi respinto nella sua versione definitiva, probabilmente perché nettamente in contrasto con quei calcoli standard a cui difficilmente è concesso di farsi da parte, rischiando. Un concetto, insomma, forse troppo british, dannoso alla politica autoritaria e spietata delle major, che sebbene in questo caso siano state meno severe, non hanno esitato a tenere duro il pugno e moderare i rischi.

Da queste parti, però, della politica delle major ci interessa poco, mentre enorme attrazione ci piace avere verso i concetti british e rivoluzionari in generale. Per cui a noi dispiace significativamente che l'"Ant-Man" di Wright non abbia visto luce, dispiace così tanto da fantasticare in qualche ribaltamento inaspettato che possa convogliare in una pace estrema e in una versione 2.0 (il sequel?) della sua creatura, magari in futuro.
Un futuro, speriamo, dove politiche e calcoli non avranno più la meglio sugli azzardi e dove noi potremmo godere di film non parzialmente ricalcati, ma bensì nuovi di zecca.
E se dovessero essere lo stesso né carne, né pesce beh, pazienza.

Trailer:

sabato 18 luglio 2015

Pan: Viaggio Sull'Isola Che Non C'è - Nuovo Trailer Italiano Ufficiale


Disponibile il nuovo trailer italiano di "Pan: Viaggio Sull'Isola Che Non C'è", il nuovo film di Joe Wright con Levi Miller, Hugh Jackman, Rooney Mara, Amanda Seyfried e Garrett Hedlund al cinema dal 12 novembre 2015.

Nuovo Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Peter (Levi Miller) è un dodicenne biricchino con una insopprimibile vena ribelle, ma nel triste orfanotrofio di Londra dove ha vissuto tutta la vita queste qualità non sono ben viste. In una notte incredibile Peter viene trasportato dall'orfanotrofio dentro un mondo fantastico, popolato da pirati, guerrieri e fate, chiamato Neverland e lì si ritrova a vivere straordinarie avventure e a combattere battaglie all'ultimo sangue nel tentativo di svelare l’identità segreta di sua madre, che lo aveva abbandonato tanto tempo prima, ed anche il suo posto in questa terra magica. In una squadra formata dalla guerriera Giglio Tigrato (Rooney Mara) e dal suo nuovo amico di nome James Hook (Garrett Hedlund), Peter deve sconfiggere lo spietato pirata Barbanera (Hugh Jackman) per salvare Neverland e scoprire il suo vero destino: diventare l’eroe che sarà conosciuto per sempre con il nome di Peter Pan.

Inglorious Cinephiles A NewsCinema ON AIR - 2° Puntata


Giovedì scorso abbiamo esordito con la seconda puntata della nuova rubrica cinematografica live ideata da NewsCinema. Questa volta gli argomenti sul piatto sono stati
"Inside Out", "True Detective" ed i trailer più interessanti mostrati al Comic-Con di San Diego. Oltre a me, Giordano Caputo, di Inglorious Cinephiles, erano presenti anche Letizia Rogolino e Carlo Andriani di NewsCinema e Rosa Maiuccaro di DaringToDo e Stefano Lo Verme di Movieplayer.
Se ci avete perso e volete recuperarci, qui sotto potete trovare il link della puntata.

Seconda Puntata:

venerdì 17 luglio 2015

Minions - La Recensione

Il rischio era quello di trovarsi di fronte ad un progetto simile a "I Pinguini Di Madagascar", quindi di fronte a uno spin-off inutile, realizzato esclusivamente per motivi di marketing e collocabile al massimo sotto il ramo home-video, sicuramente non cinematografico.
Per fortuna però le cose sono andate diversamente, verso il meglio, perché "Minions", pur non tenendo il passo del seme da cui deriva, ovvero "Cattivissimo Me", sa compiere il suo dovere ed in certe occasioni guadagnarsi addirittura dei timidi applausi.

Diciamo la verità, scrivere una pellicola d'animazione classica su dei mostriciattoli che parlano un linguaggio incomprensibile - un misto tra, inglese, spagnolo, italiano e altro ancora - non era una missione poi tanto semplice, specie se queste creature poi, tendono a servire sempre qualcun altro e non ad agire autonomamente. Il colpo di genio allora è quello di pensare a questa come fosse un documentario, come fosse il racconto di una specie sconosciuta iniziato agli antipodi e scandito secondo vari periodi: un po' come accade nei migliori canali televisivi del genere, ma riuscendo comunque ad aprire alcune parentesi, indispensabili a non perdere attinenza con quegli intenti primari stabiliti.
Perché nonostante la partenza e l'impostazione, "Minions", non vuole assolutamente sembrare altro se non un lungometraggio animato, caratteristica fondamentale che a tempo debito gli impone di spiegare le ali e di cambiare completamente il suo ritmo e la sua fisionomia. Dopo un breve riassunto su Storia, usi e costumi quindi, la necessità di trovare un leader per cui lavorare, in grado di restituirgli la gioia di vivere, diventa la miccia agitatrice che sposta gli equilibri e da il via allo spettacolo, quello in cui agli sketch susseguiti a raffica va ad immettersi una trama dal filo più o meno logico e costante.

Utilizza bene i suoi protagonisti "Minions", in particolare Stuart, Kevin e Bob, ognuno distinguibile dall'altro per peculiarità, aspetto e comportamento. Un trio ben assortito, simpatico e micidiale, specialmente quando viene spedito alla corte di Buckingham Palace e messo accidentalmente al potere (temporaneo) della città di Londra.
Tuttavia la pellicola diretta da Pierre Coffin e Kyle Balda funziona meglio nelle trovate e nelle gag estemporanee, quelle staccate dallo scheletro narrativo, il quale dopo una prima parte piuttosto ordinata e brillante, perde leggermente la bussola e si lascia andare ad una seconda assai più scomposta e slacciata. L'epilogo e gli stravolgimenti, rispetto al prologo e alla sua evoluzione, sono infatti abbastanza telefonati, prevedibili e insaporiti solo dalla potenza inossidabile e comica dei protagonisti giallastri onnipresenti: prontissimi loro quanto è il turno di indolcirsi il pubblico e di strappare risate.

Una furbizia presente nel DNA dei protagonisti e del quale lo spettatore si rende immediatamente conto, ma che, a prescindere, non impedisce a "Minions" di guadagnare la simpatia, la tenerezza e l'affetto di tutte quelle famiglie che di queste creature dolci, così come pericolosissime, farebbero volentieri il pieno senza lasciarsele più sfuggire.
Il tutto nonostante le disastrose conseguenze...‎

Trailer:

giovedì 16 luglio 2015

Fant4stic: I Fantastici Quattro - Secondo Trailer Ufficiale


Uscirà il prossimo 10 settembre il reboot di "Fant4stic: I Fantastici Quattro", riproposizione contemporanea dell’originale fumetto Marvel diretta da Josh Trank con Miles Teller, Kate Mara, Michael B. Jordan, Jamie Bell e Toby Kebbell, di seguito il secondo trailer ufficiale.


Secondo Trailer Ufficiale:

mercoledì 15 luglio 2015

Suicide Squad - First Look dal Comic-Con


Direttamente dal Comic-Con arrivano anche le prime immagini di "Suicide Squad" il film diretto da David Ayer con Jared Leto nei panni del Joker e Will Smith, Margot Robbie, Jai Courtney, Viola Davis, Cara Delevingne. L'uscita italiana è prevista per il 17 agosto 2016.

Comic-Con First Look:

lunedì 13 luglio 2015

Spy - La Recensione

Insiste con Melissa McCarthy il regista Paul Feig, l'attrice comica contemporanea eletta a pieni voti nuova icona americana. Gli affida il ruolo principale nella sua nuova commedia ,"Spy", milionesimo tentativo di parodiare quel cinema di Spie capitanato dall'agente segreto, 007: James Bond.

Di James Bond, fortunatamente o purtroppo, però "Spy" può vantare solo i titoli di testa, e un Jude Law un po' troppo divertito da quel ruolo che poteva essere, perché no, una sua aspirazione comprensibile e personale. Sia lui che Jason Statham (lui si, divertentissimo) tuttavia sono rilegati ad essere unicamente delle spalle, quelle a cui la McCarty deve aggrapparsi all'occorrenza per mettersi in mostra o per riprendere fiato.
Nella storia di una normalissima e comunissima analista dipendente della CIA, decisa a scendere sul campo per vendicare una missione andata in malora infatti c'è un tentativo, non esattamente riuscito, di sprigionare a più riprese il talento comico pesante ed esplosivo di un'attrice richiesta insistentemente in America, ma forse incapace di affermarsi con stessa decisione e consenso all'infuori. Se allora Statham funziona nel suo essere agente aggressivo, furioso e dannatamente imbranato e stesso discorso vale per l'elegante, bello e bramato Law, a poco servono i ripetuti cambi d'abito, battute e scene assurde con cui Feig intende far brillare la sua musa e dare quel tocco frizzante a una sceneggiatura che, contro ogni pronostico, fatica a generare sorrisi e non produce risate.

L'intera operazione, così, è destinata ad assumere una piega diametralmente opposta a ciò che i programmi avevano stampato sulla carta. Zoppica dall'inizio alla fine, dunque, "Spy" e quando prova a camminare correttamente è solo perché ad aiutarlo subentra la bellezza irresistibile di Rose Byrne o la presenza dei due uomini citati in precedenza. Indicazioni che obiettivamente, non aiutano a comprendere i ragionamenti secondo i quali la McCarthy, negli ultimi anni, sia dovuta passare da buona spalla a personaggio di punta definitivo, ma a questo punto, viene da pensare che sia solo una questione di cultura e di un gusto umoristico variabile da zona a zona.

Di operazioni simili comunque ricordiamo con molto più piacere ed assenso "Agente Smart: Casino Totale" di Peter Segal, dove Steve Carell sapeva ovviare a uno scheletro piuttosto blando di scrittura con un carisma e un talento nel far ridere che sicuramente manca sia a "Spy" che a colei che doveva essere colonna portante.
Ed in quel caso il fattore esportazione era decisamente relativo.

Trailer:

Batman v Superman: Dawn Of Justice - Trailer Ufficiale Sottotitolato


Disponibile, post-ComicCon, il nuovo trailer ufficiale, sottotitolato, di "Batman v Superman: Dawn Of Justice" sequel de "L'Uomo D'Acciaio" diretto ancora da Zack Snyder e interpretato da Ben Affleck, Henry Cavill, Amy Adams, Diane Lane, Jeremy Irons, Laurence Fishburne, Gal Gadot e Jesse Eisenberg. La pellicola uscirà al cinema nel 2016.

Trailer Ufficiale Sottotitolato:

The Walk - Trailer Italiano Ufficiale


E' il turno anche di Robert Zemeckis che ritorna al cinema con "The Walk", la storia vera di un giovane sognatore, il funambolo Philippe Petit, che ha compiuto un’impresa passata alla storia: passeggiare fra le Torri Gemelle del World Trade Center in equilibrio su un filo d’acciaio. Interpretata da Joseph Gordon-Levitt, la pellicola uscirà in Italia ad Ottobre 2015.

Trailer Italiano Ufficiale:

Southpaw: L'Ultima Sfida - Trailer Italiano Ufficiale


Disponibile il trailer italiano di "Southpaw: L'Ultima Sfida" il nuovo film di Antoine Fuqua con Jake Gyllenhaal, Forest Whitaker e Rachel McAdams in uscita il prossimo 3 settembre.

Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Detroit ai giorni nostri. Billy “The Great” Hope (Jake Gyllenhaal) è un campione di boxe. É un “Southpaw”, un pugile mancino, dallo stile aggressivo e brutale. É all'apice della sua carriera, ha una moglie che adora, Maureen (Rachel McAdams), e una figlia piccola. L’incontro con il suo rivale Miguel “Magic” Canto cambierà la sua vita per sempre. Durante una violenta rissa Maureen viene uccisa e da quel momento l’esistenza di Billy è sconvolta: la sua carriera è finita, la figlia è affidata ai servizi sociali. Billy deve ricominciare dal nulla, con l’aiuto e gli insegnamenti del vecchio pugile Tick (Forest Withaker). Giorno dopo giorno inizia la dura risalita…

Il Ponte Delle Spie - Trailer Italiano Ufficiale


Si riforma l'accoppiata Steven Spielberg e Tom Hanks nella pellicola diretta dal primo e interpretata dal secondo "Il Ponte Delle Spie", un thriller tratto da fatti realmente accaduti e ambientato al culmine della guerra fredda.
L'uscita nelle sale italiane è prevista per il 17 dicembre prossimo, ma per ora possiamo intanto vederci il trailer.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
James Donovan (Tom Hanks), un avvocato delle assicurazioni di Brooklyn, si trova coinvolto al centro della guerra fredda, quando la CIA gli da il compito di negoziare il rilascio di un pilota americano che è stato catturato.

Steve Jobs - Nuovo Trailer Italiano


Vi avevamo presentato il trailer originale qualche giorno fa, ma la Universal Pictures International Italy ha appena rilasciato una nuova versione italiana di "Steve Jobs", il nuovo film di
Danny Boyle con Michael Fassbender, Kate Winslet, Seth Rogen, Jeff Daniels, Katherine Waterston, Michael Stuhlbarg. La pellicola uscirà in Italia a gennaio 2016.

Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Ambientato nel backstage del lancio di tre prodotti iconici culminato nel 1998 con l'inaugurazione dell'iMac, Steve Jobs ci porta dietro le quinte della rivoluzione digitale per dipingere il ritratto intimo di un uomo geniale.

Everest - Trailer Italiano Ufficiale


Sarà il film che aprirà il prossimo festival di Venezia, stiamo parlando di "Everest" pellicola diretta da Baltasar Kormákur ("2 Guns", "Contraband") con Jason Clarke, Josh Brolin, John Hawkes, Robin Wright, Michael Kelly, Sam Worthington, Keira Knightley, Emily Watson e Jake Gyllenhaal. Di seguito potete vedere il primo trailer italiano prima di godervelo nelle sale dal 24 settembre 2015.

Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Ispirato agli incredibili eventi riguardanti il tentativo di raggiungere la vetta della montagna più alta al mondo, Everest documenta il formidabile viaggio di due diverse spedizioni spinte oltre i loro limiti da una delle tempeste di neve più feroci mai viste dal genere umano.
Con la loro tempra e il proprio coraggio messi a dura prova dagli elementi più impietosi del pianeta, gli scalatori dovranno superare ostacoli quasi invalicabili e la loro eterna ossessione diventerà una lotta all'ultimo respiro per la sopravvivenza.

Mission: Impossible | Rogue Nation - Nuovo Trailer Italiano


Disponibile il nuovo trailer italiano di "Mission: Impossible | Rogue Nation", il nuovo episodio della spettacolare saga con Tom Cruise, diretto da Christopher McQuarrie, a cui si affiancheranno stavolta Jeremy Renner, Simon Pegg, Ving Rhames, Alec Baldwin e Rebecca Ferguson dal 19 agosto al cinema.

Nuovo Trailer Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Ethan e il suo team affrontano la loro nuova missione impossibile, la più dura finora: eliminare il Sindacato, un'organizzazione criminale internazionale, altamente addestrata come loro e incaricata di distruggere la IMF.

sabato 11 luglio 2015

Inglorious Cinephiles a NewsCinema ON AIR


Nella giornata di ieri, ha esordito online la nuova rubrica cinematografica ideata dagli amici e colleghi di NewsCinema, una puntata pilota (a cui dovrebbero seguirne ulteriori) in cui si è parlato di cinema estivo e non solo. Oltre a me, Giordano Caputo, che rappresentavo questo sito, a discutere di "Terminator Genesys", "Giovani Si Diventa", "Magic Mike XXL", "Babadook" e tante altre notizie, Letizia Rogolino e Carlo Andriani di NewsCinema e Rosa Maiuccaro di DaringToDo.
Se ci avete perso e volete recuperarci, qui sotto potete trovare il link della puntata.

Pilot:

martedì 7 luglio 2015

Terminator Genesys - La Recensione

La materia che muove "Terminator Genesys" è la medesima responsabile del ritorno in pista della saga di "Jurassic Park". Del resto a Hollywood tutto vale quando è il turno di fare box-office e con certi marchi, neanche a dirlo, il rischio delle perdite si accorcia mentre le percentuali di riuscita si allargano.

A nessuno importa allora se per proseguire una saga, scesa in decadenza dopo l'abbandono di James Cameron, ci sia bisogno di andare a rinegoziare pesantemente l'intera leggenda già raccontata, riscriverla da zero insomma, sbarrando con una bella croce rossa quanto finora visto, accettato e adorato. Era l'unico modo per avanzare un discorso altrimenti chiuso, l'unico modo per non abbandonarsi a quel punto definitivo, inamovibile e l'unico modo per permettere ad Arnold Schwarzenegger di rimettersi in pista, riagganciando i suoi massimi e infiammando folle di adepti.
Visto sotto l'aspetto puramente esaltante e nulla a pretendere infatti "Terminator Genesys" funziona forse oltre ogni previsione: trova una scappatoia discreta per giustificare la sua venuta e rielabora gli eventi con la dovuta dose di azione, colpi di scena e umorismo pertinente alle origini. Tracce di uno sforzo e di un impegno sicuramente rilevanti e ammirevoli, mantenuti con resistenza e rispetto per la totalità dell'operazione, in particolare per quel che riguarda il ruolo di Schwarzenegger, cucito su misura e colmo di situazioni e di battute pensate per decantare il suo personaggio, ma con significati multipli che esplodono fino al mito dell'uomo che lo rappresenta.

Tendenzialmente molto buono, dunque, se non fosse per un epicità e per un estasi obiettivamente strozzate da ciò che nuove linee temporali e sceneggiatori all'avanguardia non potranno mai rintracciare, eguagliare o sormontare. La tecnologia fa i suoi progressi, è vero, le scene d'azione oggi sono molto più avanzate e amplificate di trent'anni fa eppure il colosso di Cameron resiste allo scorrere del tempo e - citando una battuta di Schwarzy - invecchia senza diventare obsoleto. Niente da rimproverare ad Alan Taylor, ci mancherebbe, la sua è una regia concentrata e ordinata che non cessa di mettere in mostra le sue qualità neppure quando le sequenze d'azione gli impongono di inserire il turbo e decollare, ma per un film che chiede ai suoi spettatori più fedeli di accettare un taglio netto con quanto accaduto in passato era necessario, magari, portare nella manica qualche asso in più - se possibile pesante - da sfoderare e lanciare.

Questo asso "Terminator Genesys" non ce l'ha e si accontenta perciò delle buone carte con cui tuttavia riesce a tenere banco e a non perdere a una partita dove chiunque lo dava per spacciato e sconfitto. Quando accadono miracoli sportivi di questo tipo solitamente si è abbastanza felici, rasserenati da un pronostico sovvertito e spazzato, in questo caso ciò, però, potrebbe dare il via libera ad altri sequel e, ad essere sinceri, da queste parti, non siamo assolutamente convinti che sia una buonissima idea.

Trailer:

sabato 4 luglio 2015

[SHORT] Sul Reale di Giordano Caputo


Già, ci sono ricascato ancora!
A quanto pare guardare i film non mi basta, io devo illudermi di poterli un giorno anche fare. Così dopo una pausa un po' troppo lunga ecco un mio nuovo cortometraggio, uno strano, in cui ci metto addirittura la faccia.

Sinossi:
Nel caos quotidiano, una domanda inopportuna scatena un dialogo particolare tra un uomo comune ed un altro completamente a lui opposto.
Oppure no!

E' stato un lavoro a cui ho voluto mettere mano da solo, per sperimentare e vedere alcune cose, se vi va, lo trovate qui sotto...

SUL REALE:

giovedì 2 luglio 2015

Creed - Trailer Originale Ufficiale


Disponibile il primo trailer ufficiale di "Creed" lo spin-off di "Rocky" con protagonista il figlio illegittimo di Apollo Creed. Diretto da Ryan Coogler, il film vedrà tornare Sylvester Stallone nei panni del suo leggendario personaggio per allenare il protagonista Michael B. Jordan e renderlo, chissà, un pugile uguale o migliore di quello che è stato suo padre.
La pellicola uscirà nelle nostre sale il prossimo 26 novembre.

Trailer Originale Ufficiale:

Steve Jobs - Trailer Originale Ufficiale


Arriva il primo trailer ufficiale di "Steve Jobs" il biopic scritto da Aaron Sorkin e diretto da Danny Boyle ispirato alla vita di papà Apple. Ad interpretare Steve Jobs, Michael Fassbender, affiancato da un cast meraviglioso in cui figurano Seth Rogen, Kate WinsletJeff Daniels, Michael Stuhlbarg, e Katherine Waterston.
In America la pellicola uscirà il prossimo 9 ottobre, da noi ancora è da ufficializzare.

Trailer Ufficiale Originale:

mercoledì 1 luglio 2015

Annie: La Felicità E' Contagiosa - La Recensione

Della lista dei registi cosiddetti "impiegati", Will Gluck è sicuramente uno dei più interessanti. Quando si tratta di dirigere una commedia su commissione, lontana da ogni pretesa a parte quella di intrattenere, lui è l'uomo perfetto, capace di trasmettere il giusto colore e le giuste pulsazioni persino al copione più piatto e sbiadito di Hollywood.

"Annie: La Felicità E' Contagiosa" è senza ombra di dubbio il suo lavoro peggiore (nettamente sotto "Easy Girl" e "Amici Di Letto"), ma nonostante ciò è un musical che si fa guardare volentieri e a cui, in certi momenti, è veramente impossibile non volere bene. Quando si lavora sotto padrone, del resto, bisogna essere bravi a tirare fuori il meglio dal materiale a disposizione e dal remake dell'omonimo film del 1982, probabilmente, non si poteva fare di meglio. O perlomeno non era questa la richiesta.
Quella che da noi infatti è una pellicola arrivata in piena estate, dalla Sony era stata progettata come prodotto prettamente natalizio: incaricato di sfruttare la magia ed il clima delle feste, insieme a quella tradizione famigliare da applicare tra le mura di casa come al cinema. La percezione del fuori stagione, non a caso, è percepibile costantemente lungo l'intero cammino della storia, che scrupolosamente in linea con i dettami ordinati, tende a sprizzare positività ed allegria da tutti i pori, sebbene argomenti di una trovatella in pessime condizioni di adozione e alla ricerca della sua reale famiglia.

A dispetto di un passato palesemente più snodato stavolta Gluck allora aveva a che fare con numerosi paletti da rispettare, spesso talmente vicini l'uno con l'altro da causare, senza via di scampo, intoppi e rallentamenti. Tali ostruzioni in "Annie: La Felicità E' Contagiosa" si sentono tutti, difficilissimi da coprire e ancora di più da eliminare.
Si barcamena così tra alti e bassi il regista, trovando una costanza tra i medi che, fortunatamente, è bravissimo a rintracciare e a mantenere per la maggior parte del tempo attivi e dominanti sulla scena. Trascinare a largo un musical che non ha nelle canzoni i suoi punti più forti d'altronde non è una missione semplice per nessuno, tantomeno per chi è abituato a utilizzare ironia e alchimia tra pochi attori per portare a casa incarico e risultato.
Tra Jamie Foxx, Cameron Diaz, Rose Byrne, Bobby Cannavale e la piccola Quvenzhané Wallis invece c'è eternamente distacco e dislivello, con parti di cantato e parti di recitato incapaci di trovare uno stretto legame tra loro e a cui non rimane, dunque, che darsi il cambio causando ogni volta il male minore eventuale.

Detto questo, tuttavia, in alcuni stralci la pellicola di Gluck è brava ad emozionare e a far inumidire gli occhi dalla commozione, che immaginiamo, era ciò a cui mirava e aspirava. Avesse sforbiciato qua e la di una quindicina, ventina di minuti, le cose sarebbero andare magari anche meglio, ma calcolati i rischi dell'operazione e le coordinate, per l'ennesima volta - secondo chi scrive - il regista ha ottenuto il massimo e superato l'esame.

Trailer: