IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

venerdì 28 settembre 2018

Johnny English Colpisce Ancora - La Recensione

Johnny English Colpisce Ancora Atkinson
Per tutti – e per me, anche – Rowan Atkinson sarà sempre Mr. Bean.
Lo so, è riduttivo come riferimento, screditante, forse: specie per un attore che ha dimostrato – in più di un’occasione – di essere eclettico e trasversale, non solo, quindi, maschera di un personaggio imbranato, capace di conquistarsi le risate e l’affetto di grandi e piccini tramite maldestre avventure inebriate da una comicità slapstick praticamente esemplare. Però, si sa, il pubblico spesso sa essere delizia come croce, è sovrano, e può orientare scelte artistiche e decisioni pur non entrandone mai nel merito. Ecco perché, nonostante l’addio (ufficiale) di Atkinson a Mr. Bean, in giro c’è ancora traccia di quello che, a tutti gli effetti, è il suo fratellastro.

Vuoi o non vuoi, del resto, è così. È inutile girarci intorno: Johnny English è un Mr. Bean prestato ai Servizi Segreti della Regina. Parla, è vero, si sforza - quanto più gli riesce possibile - di apparire sveglio, scaltro, addestrato, ma andando a stringere, le due entità, non sono poi tanto lontane quanto l’apparenza vorrebbe. Un po’ come accade con Clark Kent e Superman, allora, a confondere il riconoscimento dei due sono gli occhiali, il vestito e la pettinatura; piccolezze che svaniscono non appena l’azione (o la gag) entra nel vivo e il ridicolo inevitabilmente la segue a ruota sgonfiando qualunque proposito di serietà e testosterone. Canovaccio atteso, consumato, ma che funziona e che Atkinson dimostra di sapere indossare con il solito smalto e senza il minimo scricchiolio o ruggine di fondo dovuta all'età, trovando il modo di strappare risate e risatine che, in rare occasioni, riescono addirittura a toccare apici insperati, facendo uscire letteralmente le lacrime a chi sta guardando (la geniale sequenza sulla realtà virtuale vale, da sola, il prezzo del biglietto). Cioè quei spettatori che, consapevoli di trovarsi al cospetto di una commedia altamente demenziale, non faranno fatica a chiudere più di un occhio nei confronti di una trama spy-story cucita alla buona, a cui sicuramente interessa zero sia la coerenza narrativa, che il conseguimento di eventuali colpi di scena.

Johnny English 3Che poi non è che a "Johnny English Colpisce Ancora" non interessa nient'altro che la battuta o lo sketch, sia chiaro. Quelli sono i capisaldi da cui prende l'energia che lo fa muovere. Però nella sceneggiatura scritta da William Davies e diretta da David Kerr esiste pure - marcato a dovere - un superficiale inno all'old school che volta orgogliosamente le spalle alla tecnologia moderna e alle sue conseguenze: che sono, tra l'altro, le responsabili principali che costringono English a tornare sul campo e a mettere in pausa la sua attività di insegnante scolastico per ragazzini. Il vecchio e il nuovo; l'analogico e il digitale; Steve Jobs e Lancillotto. Opposti messi a confronto per dire, in sostanza, che, probabilmente, si stava più tranquilli prima: quando internet, i numeri e gli algoritmi non influenzavano il benessere e le decisioni di un singolo come di un paese; quando le macchine ruggivano libere dalle centraline, i cellulari non erano un pericolo alla privacy e per difendere il governo di un paese era indispensabile (o sufficiente, come preferite) avere un'arma.

Si tratta di considerazioni frivole, per carità, di cui una pellicola come questa si serve più per esistere che per idealismo o reale approfondimento. Eppure tra uno yacht milionario e un sottomarino anni ’80, la tentazione spingerebbe a salire sul secondo, e ugual discorso si potrebbe fare dovendo scegliere tra un sistema di sicurezza di ultima generazione, gestito da uno smartphone, o uno classico con un Cavaliere senza macchia e senza paura a fare da scudo.
Impersonato, se possibile, da uno degli alter ego di Atkinson, armato di spada.

Trailer:

Euforia - Trailer Ufficiale

Euforia Valeria Golino

Sbarca online il trailer ufficiale di "Euforia", il nuovo film di Valeria Golino - presentato in concorso all'ultimo Festival di Cannes, nella sezione Un Certain Regard - con Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea, Isabella Ferrari, Valentina Cervi e Jasmine Trinca, al cinema dal 25 Ottobre

Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Matteo (Riccardo Scamarcio) è un giovane imprenditore di successo, spregiudicato, affascinante e dinamico. Suo fratello Ettore (Valerio Mastandrea) vive ancora nella piccola cittadina di provincia dove entrambi sono nati e insegna alle scuole medie. È un uomo cauto, integro, che per non sbagliare si è sempre tenuto un passo indietro, nell'ombra. Sono due persone all'apparenza lontanissime. La vita però li obbliga a riavvicinarsi e una situazione difficile diventa per i due fratelli l’occasione per conoscersi e scoprirsi, in un vortice di fragilità ed euforia.

mercoledì 26 settembre 2018

Creed II - Trailer Ufficiale Italiano

Creed 2 Poster

Presentato il trailer ufficiale italiano di "Creed II", il sequel del film del 2015 diretto da Steven Caple Jr., con Michael B. Jordan, Sylvester Stallone e Tessa Thompson, al cinema dal 24 Gennaio.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
La vita di Adonis Creed è diventata un equilibrio tra gli impegni personali e l'allenamento per il suo prossimo grande combattimento: la sfida della sua vita. Affrontare un avversario legato al passato della sua famiglia, non fa altro che rendere più intenso il suo imminente incontro sul ring. Rocky Balboa è sempre al suo fianco e, insieme, Rocky e Adonis si preparano ad affrontare un passato condiviso, chiedendosi per cosa valga la pena combattere per poi scoprire che nulla è più importante della famiglia. Creed II è un ritorno alle origini, alla scoperta di ciò che un tempo ti ha reso un campione, senza dimenticare che, ovunque andrai, non puoi sfuggire al tuo passato.

[HOME VIDEO] ManHunt - L'Ultimo Film Di John Woo In Blu-Ray e DVD

ManHunt Film 2017

Chi lo ha visto doveva trovarsi per forza al Festival di Venezia lo scorso anno (2017), e questo perché il “ManHunt” di John Woo al cinema, in Italia, non ci è mai arrivato. Una sfortuna parziale, ridimensionata ora dalla sua uscita in home video, che almeno permetterà ai fan più appassionati del regista cinese di recuperare il suo ultimo action tra le mura casalinghe (che sia in DVD, in Blu-Ray Disc o in streaming legale).

E' una storia semplice, convenzionale, che vede l’avvocato di una potentissima casa farmaceutica accusato di un omicidio passionale che non ha commesso, costretto a fuggire per evitare la prigione e, nel frattempo, provare a dimostrare la sua innocenza. Sulle sue tracce anche un detective molto intuitivo, bravissimo a menare forte, che una volta afferrata l’ambiguità del caso si unirà con lui per proteggerlo e aiutarlo a vendicarsi contro quella che, a breve, si rivelerà essere una potentissima e stratificata armata.

Costruito per essere un divertissement totale, vivace, in grado di ricalcare i tratti della filmografia di un autore evidentemente alla ricerca di leggerezza e poche regole, “ManHunt”, allora, pur non avendo l'originalità per riuscire a lasciare tracce indelebili presso la nostra memoria, ha la virtù - per nulla scontata - di assestare quel paio di colpi notevoli e fuori dal comune che dimostrano che, al netto dei suoi 72 anni, la classe di Woo ancora sa difendersi e non fare acqua. Per qualcuno potrebbe essere una cosa al di sotto delle aspettative, per altri non abbastanza, ma è comunque molto di più rispetto a quanto possiamo trovare nella maggior parte dei prodotti affini che, magari, hanno persino il privilegio – o la faccia tosta - di presentarsi in sala.

ManHunt Home Video

Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,35:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 2.0 Stereo Dolby Digital: Italiano, Coreano - 5.1 DTS HD: Italiano, Coreano
Sottotitoli: Italiano, Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Trailer
Durata: 109
Confezione: Amaray
Produttore: Minerva Pictures / Far East Film
Distributore Home Video: Cecchi Gori HV
Data di Uscita: 20 Settembre 2018

martedì 25 settembre 2018

Animali Fantastici: I Crimini Di Grindelwald - Nuovo Trailer Ufficiale Italiano


Nuovo trailer ufficiale italiano per "Animali Fantastici: I Crimini Di Grindelwald", il sequel dell'omonima saga diretto ancora da David Yates, con Eddie Redmayne, Katherine Waterston, Dan Fogler, Alison Sudol, Ezra Miller, Jude Law e Johnny Depp, al cinema dal 15 Novembre 2018.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Alla fine del primo film, il potente Mago Oscuro Gellert Grindelwald (Johnny Depp), viene catturato dal MACUSA (Il Magico Congresso degli Stati Uniti d’America), con l'aiuto di Newt Scamander (Eddie Redmayne). Tuttavia, come aveva minacciato di fare, Grindelwald riesce a fuggire dalla detenzione e inizia a radunare i suoi seguaci, la maggior parte dei quali ignari delle sue vere intenzioni: riunire dei maghi purosangue per governare su tutti gli esseri non-magici. Nel tentativo di contrastare i piani di Grindelwald, Albus Silente (Jude Law) recluta il suo ex studente Newt Scamander, che accetterà di aiutarlo, inconsapevole dei pericoli che si troveranno ad affrontare. Si creeranno divisioni, l'amore e la lealtà verranno messi a dura prova anche tra gli amici più stretti e in famiglia, in un mondo magico sempre più minaccioso e diviso.

[HOME VIDEO] Il Prigioniero Coreano - In Blu-Ray e DVD, La Situazione Della Corea Vista Con Gli Occhi Di Kim Ki-duk


Presentato al Festival di Venezia di due anni fa, nella sezione collaterale Cinema Del Giardino, “Il Prigioniero Coreano” di Kim Ki-duk è poi uscito nelle nostre sale – poche - solamente due anni dopo, nella primavera del 2018. Ora, tramite la collaborazione tra Tucker Film e Cecchi Gori, la pellicola sbarca finalmente anche sul mercato home video, nei soliti supporti fisici Blu-Ray Disc e DVD e in quello digitale, dello streaming legale.

Il titolo fa riferimento al protagonista: un modesto padre di famiglia, pescatore di professione, che un giorno per un problema alla sua barca – unico bene a disposizione e mezzo necessario al sostentamento della sua famiglia – scavalca accidentalmente il confine che divide la Nord Corea, dove vive, ritrovandosi nel versante Sud: salvato e fatto prigioniero di un sistema che lo teme spia da incastrare, oppure vittima da liberare. Negandogli, di fatto e con ogni mezzo, la possibilità di rimpatriare e rivedere i propri cari.

Nasce chiaramente per essere un film politico, allora, quello di Ki-duk, che mettendo in risalto i rapporti tesissimi esistenti tra le due fazioni della sua nazione (il sistema dittatoriale democratico di Kim Jong-un da un lato e quello capitalista dall'altro), riesce anche a evidenziarne i punti in comune e le violente uguaglianze, attraverso la gestione di una vittima che da essere umano diventa simile a un giocattolo da contendersi, per dimostrare superiorità e potere. Un’opera fortemente drammatica quanto affascinante, dunque, che si permette anche il lusso di farsi, a tratti, sardonica, ma senza mai perdere quello strato di rabbia e di accusa che il regista vuole armare (lecitamente) verso le condizioni di uno Stato oggettivamente folle e inverosimile.


Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 1,85:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 2.0 Stereo Dolby Digital: Italiano - 5.1 - Dolby Digital: Coreano 5.1 - DTS HD: Italiano, Coreano
Sottotitoli: Italiano, Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Kim Ki-duk Introduce Il Film; Poster Originale E Internazionale; Galleria Fotografica; Trailer; Trailer Tucker Film
Durata: 112
Confezione: Amaray
Produttore: Tucker Film
Distributore Home Video: Cecchi Gori HV
Data di Uscita: 20 Settembre 2018

lunedì 24 settembre 2018

[HOME VIDEO] Jack Ryan - La Saga Cinematografica Tutta In 4K Ultra HD

Jack Ryan Film

Prima di sbarcare come serie tv sul catalogo di Amazon Prime Video, il personaggio di Jack Ryan, ideato da Tom Clancy, era passato anche – e più di una volta – presso la sala cinematografica. Ad interpretarlo – cronologicamente - sono stati Alec Baldwin, Harrison Ford, Ben Affleck e - nell'ennesimo tentativo di rilancio andato fallito – il capitano Kirk, Chris Pine. In quella che ufficialmente potremmo considerare come una saga antologica silente, sconosciuta a molti e che la Universal – visto forse anche il terreno fertile del momento – ha voluto rilanciare in home video attraverso il rilascio di una pentalogia tutta rimasterizzata con la magia del 4K Ultra HD.

Si parte allora – in ordine temporale – con “Caccia A Ottobre Rosso”, lo spy-thriller di John McTiernan con Sean Connery leader di un sottomarino russo, tecnologicamente avanzato - e quindi quasi impossibile da intercettare - diretto, pensano gli esperti, verso le coste americane per un attacco a sorpresa. Un disegno che per quanto scontato e possibile – visti i rapporti che negli anni ’80 c’erano tra le due potenze – pare piuttosto sinistro al Jack Ryan di Baldwin, analista della CIA, estraneo all’azione, che però ci tiene a informare chi di dovere di una teoria assai più complessa di quella da tutti avallata. Il risultato è quello di un blockbuster d’autore – figlio degli inizi degli anni ’90, probabilmente – solido, chirurgico nella sceneggiatura, ma con un lato action leggermente ridotto che non aiuta il suo protagonista ad emergere come icona.

Ecco perché al secondo tentativo viene chiamato in causa un attore che in quanto a carisma e azione è sicuramente portatore sano: ovvero Ford. Il suo è un Jack Ryan più maturo, formato, che nel pericolo non serve trascinarcelo a forza perché ci si butta di sua sponte, istintivamente: riuscendo in questo modo, cinematograficamente, a dare al personaggio quell’appeal che gli mancava, tanto da arrivare a realizzare le uniche due pellicole legate tra loro della serie: “Giochi Di Potere” e “Sotto Il Segno Del Pericolo”. La formula vincente – affidata in entrambi i casi alla regia di Phillip Noyce - è quella di far appassionare il pubblico al personaggio di Clancy attraverso una cifra stilistica più intrigante e mainstream, magari leggermente rivisitata e canonica, ma comunque fedele ai romanzi di partenza e decisamente trascinante e godibile.

Serviranno otto anni, infatti, per trovare il coraggio di rimpiazzare la versione di Ford con quella di Affleck e dare vita, così, a “Al Vertice Della Tensione”, mentre ne passeranno, in seguito, addirittura dodici per tentare il rilancio finale con “Jack Ryan: L'Iniziazione” e l’entrata in scena di Pine. Ultime corse, sul grande schermo, di un personaggio fuori dal comune, difficile da impersonare e esaltare, che adesso spetterà a John Krasinski l’arduo compito di rilanciare.
Caccia A Ottobre Rosso Home Video

Giochi Di Potere Home Video

Sotto Il Segno Del Pericolo Home Video

Il 4K Ultra HD, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 2 (per ogni film)
Formato Video: Ultra HD 4K HDR
Tracce Audio:
Caccia A Ottobre Rosso: 2.0 Mono Dolby Digital: Portoghese - 2.0 Stereo Dolby Digital: Giapponese - 5.1 Dolby Digital: Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo - Dolby TrueHD 5.1: Inglese
Giochi Di Potere2.0 Mono Dolby Digital: Ungherese, Portoghese - 2.0 Stereo Dolby Digital: Ceco, Giapponese - 5.1 Dolby Digital: Italiano, Francese, Tedesco, Russo, Spagnolo - Dolby TrueHD 5.1: Inglese
Sotto Il Segno Del Pericolo2.0 Mono Dolby Digital: Portoghese, Polacco - 2.0 Stereo Dolby Digital: Giapponese - 5.1 Dolby Digital: Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo, Russo - Dolby TrueHD 5.1: Inglese
Sottotitoli:
Caccia A Ottobre Rosso: Italiano, Inglese, Inglese Non Udenti, Arabo, Cantonese, Mandarino, Ceco, Danese, Olandese, Finlandese, Francese, Tedesco, Islandese, Giapponese, Coreano, Norvegese, Portoghese, Slovacco, Spagnolo, Svedese, Tailandese
Giochi Di Potere: Italiano, Inglese, Inglese Non Udenti, Arabo, Malese, Cantonese, Mandarino, Ceco, Danese, Finlandese, Olandese, Francese, Tedesco, Greco, Hindi, Ungherese, Norvegese, Islandese, Giapponese, Coreano, Polacco, Portoghese, Romeno, Russo, Slovacco, Svedese, Tailandese, Turco
Sotto Il Segno Del Pericolo: Italiano, Inglese, Inglese Non Udenti, Arabo, Malese, Cantonese, Mandarino, Coreano, Ceco, Danese, Olandese, Finlandese, Francese, Giapponese, Greco, Hindi, Ungherese, Tedesco, Islandese, Norvegese, Polacco, Portoghese, Romeno, Russo, Slovacco,
Contenuti Speciali:
Caccia A Ottobre Rosso: Commento Del Regista John McTiernan; Sotto La Superficie: Interviste Al Cast E Alla Troupe; Trailer Cinematografico
Giochi Di Potere: Giochi Di Potere Da Vicino; Trailer Cinematografico
Sotto Il Segno Del Pericolo: Dietro il Pericolo; Interviste al Cast e alla Troupe; Trailer
DurataCaccia A Ottobre Rosso: 135 minuti - Giochi Di Potere: 117 minuti - Sotto Il Segno Del Pericolo: 141 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Paramount
Distributore Home Video: Universal
Data di Uscita: 19 Settembre 2018

Bumblebee - Trailer Ufficiale Italiano

Bumblebee Transformers

Rilasciato il trailer ufficiale italiano di "Bumblebee", il film diretto da Travis Knight - spin-off di "Transformers" - con Hailee Steinfeld, John Cena, Jorge Lendeborg Jr., Jason Drucker, Kenneth Choi, Gracie Dzienny e Rachel Crow, dal 20 Dicembre al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
È il 1987 e Bumblebee, durante la sua fuga, trova rifugio in una discarica in una piccola città balneare della California. Charlie (Hailee Steinfeld), alla soglia dei 18 anni e alla ricerca del suo posto nel mondo, trova Bumblebee, sfregiato dalle battaglie e inutilizzabile. Quando Charlie lo fa rivivere, capisce subito che non si tratta di un normale VW bug giallo.

giovedì 20 settembre 2018

[HOME VIDEO] Hostiles: Ostili - In Home Video Il Western Di Scott Cooper

Hostiles Scott Cooper

Aveva aperto lo scorso anno la dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, “Hostiles: Ostili”: il coriaceo western di Scott Cooper, con protagonisti Christian Bale e Rosamund Pike, già disponibile da qualche mese in Blu-Ray Disc, DVD e streaming legale.

Ambientato nel 1892, il film racconta di un ex-eroe di guerra incaricato direttamente dal Presidente degli Stati Uniti – quindi obbligato, pena la corte marziale - di scortare un Capo Cheyenne, malato terminale di cancro, dalle terre del New Mexico al Montana, accompagnato da tutta la sua famiglia. Un viaggio molto lungo nel quale ognuno dei protagonisti dovrà cercare di non lasciarsi trasportare dalle divergenze, compresa la donna che a un certo punto si aggregherà a loro, la quale ha visto morire il suo figlioletto e il proprio marito proprio ad opera dei Comanche.

Ci parla dell’America, allora, Cooper, lo dice esplicitamente in apertura con una citazione che evidenzia l’anima di un paese duro e assassino che non si è mai ammorbidito. E in questo modo presenta un western, magari, non innovativo, ma efficace, aggressivo, dal quale – anche per merito dei suoi interpreti – si rimane attratti e colpiti, nonostante le sue piccole e leggere sbavature.
Hostiles: Ostili Home Video
Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,35:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Making Of
Durata: 134
Confezione: Amaray
Produttore: Notorius Pictures
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 12 Luglio 2018

mercoledì 19 settembre 2018

[HOME VIDEO] Dogman - In Attesa Di Puntare All'Oscar, Matteo Garrone Esce In Home Video

Dogman Film

Messo in lista per essere selezionato come papabile titolo italiano che proverà ad entrare nella cinquina del Miglior Film Straniero ai prossimi Oscar – e speriamo vada così – il “Dogman” di Matteo Garrone, ora, esce anche in home video, dando la possibilità a chi non ha potuto goderne in sala di recuperarlo in Blu-Ray Disc, DVD o streaming legale.

Il film, come saprete, è una libera ricostruzione delle vicende legate al cosiddetto Canaro della Magliana, ovvero quel Pietro De Negri che, nel 1988, si macchio le mani di sangue uccidendo il pugile non-professionista Giancarlo Ricci. Nella versione di Garrone, però, i fatti non mirano a seguire rigorosamente la cronaca (non a caso vengono utilizzati anche nomi fittizi), concentrandosi più che sulla violenza esplicita (che non vediamo affatto) sullo spessore e l’umanità di un protagonista vessato e innamorato del suo vessatore, interpretato magnificamente – e premiato con la Miglior Interpretazione Maschile allo scorso Festival di Cannes – da Marcello Fonte.

Torna agli antipodi, insomma, Garrone, con una pellicola disturbante e a tinte dark che mette a disagio lo spettatore attraverso un crescendo di angosce e sussulti che continuano a macinare dentro persino dopo la visione. Un lavoro significativo, tosto, arricchito da un’edizione casalinga ricchissima di contenuti speciali a cui vale davvero la pena dare un’occhiata.
Dogman Home Video
Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano
Sottotitoli: Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Estratto Dal Documentario: "Sembravano Applausi"; Prove Con Gli Attori; Storyboard; Bozzetti E Concept; Scene Tagliate; Trailer; Teaser
Durata: 103
Confezione: Amaray
Produttore: 01 Home Entertainment
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 6 Settembre 2018

[HOME VIDEO] Molly’s Game - L'Esordio Alla Regia Di Aaron Sorkin In Blu-Ray e DVD

Molly’s Game Film

Disponibile in home video l’esordio alla regia di uno dei più grandi sceneggiatori contemporanei americani, quell'Aaron Sorkin - da queste parti amatissimo - che con “Molly’s Game” ha sentito il bisogno - a suo dire – di essere lui stesso, stavolta, il miglior regista su piazza capace di dare vita al copione che aveva scritto.

Così, dopo essersi cimentato – negli ultimi anni, almeno - con personalità del calibro di Mark Zuckerberg e Steve Jobs, alla fine, per Sorkin, è arrivato anche il turno di fare i conti con la vera storia di Molly Bloom: un’ex sciatrice di fama mondiale che, fallite le Olimpiadi per infortunio, si trasferisce a Los Angeles e da semplice cameriera riesce a trasformarsi in poco tempo nell'organizzatrice più esclusiva e ricercata di partite di poker clandestino. Un’attività con la quale comincia a guadagnare milioni e milioni di dollari, salvo poi venire arrestata dall'FBI, restando intrappolata all'interno di una delicatissima battaglia legale.

Sorkiniano in tutto e per tutto – dai dialoghi, ai personaggi, alle tematiche – quello di “Molly’s Game” è uno di quegli esordi, allora, da definire col botto. Non solo perché il suo regista dimostra di avere rubato tantissimo (e bene) dagli autori con i quali ha collaborato in passato, ma anche perché può contare su una Jessica Chastain gigantesca (e attraentissima), in grado di leggere perfettamente gli intenti di una pellicola che sembra voler guardare al poker e al legal, ma che, in realtà, mira solamente a mettere a fuoco – e ad emozionare – attraverso quelli che sono i legami umani fondamentali.
Molly’s Game Home Video
Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio5.1 DTS HD: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Featurette; B-Roll; Trailer
Durata: 141
Confezione: Slipcase
Produttore: 01 Home Entertainment
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 6 Settembre 2018

Il Ritorno Di Mary Poppins - Primo Trailer Ufficiale Italiano

Il Ritorno Di Mary Poppins Emily Blunt

Primo trailer ufficiale italiano per "Il Ritorno Di Mary Poppins", il film Disney diretto da Rob Marshall con Emily Blunt, Meryl Streep, Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Colin Firth, Dick Van Dyke, Angela Lansbury, Julie Walters e Jeremy Swift, dal 20 Dicembre al cinema.

Primo Trailer Ufficiale Italiano:

Sinossi (Ufficiale):
Il Ritorno di Mary Poppins è ambientato a Londra durante la Grande Depressione degli anni 30, ventiquattro anni dopo gli eventi del film originale. Michael Banks lavora nella stessa banca in cui lavorava suo padre e vive ancora al numero 17 di Viale dei Ciliegi con i suoi tre figli Annabel, Georgie e John e la domestica Ellen. Proseguendo la tradizione inaugurata dalla loro madre, Jane Banks combatte per i diritti dei lavoratori e aiuta la famiglia di Michael. Quando la famiglia subisce una perdita personale, Mary Poppins ritorna magicamente nella vita dei Banks e, con l’aiuto di Jack, li aiuta a ritrovare la gioia di vivere e il senso della meraviglia.

Il Grinch - Terzo Trailer Ufficiale Italiano

Il Grinch Gassmann

Terzo trailer ufficiale italiano per "Il Grinch", il film scritto e diretto da Scott Mosier e Yarrow Cheney - basato sul libro di Dr. Seuss - con la voce italiana di Alessandro Gassmann, dal 29 Novembre al cinema.

Terzo Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Come loro ottavo film interamente animato, la Illumination e la Universal Pictures presentano Il Grinch, basato sull'amato classico di Natale del Dr. Seuss. Il Grinch racconta la storia di un cinico brontolone che decide di rubare il Natale ma alla fine si lascia commuovere dal generoso spirito natalizio di una ragazzina e cambia idea. Divertente, commovente e visivamente sbalorditivo, è una storia universale sullo spirito del Natale e sull'indomabile forza dell'ottimismo.

The Children Act: Il Verdetto - Trailer Ufficiale Italiano

The Children Act: Il Verdetto Film

Disponibile il trailer ufficiale italiano di "The Children Act: Il Verdetto", il film diretto da Richard Eyre - tratto dal romanzo di Ian McEwan e sceneggiato dallo stesso autore - con Emma Thompson, Stanley Tucci e Fionn Whitehead, nelle nostre sale dal prossimo 18 Ottobre.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Mentre il suo matrimonio con Jack (Stanley Tucci) vacilla, l’eminente giudice dell’Alta Corte britannica Fiona Maye (Emma Thompson) è chiamata a prendere una decisione cruciale nell'esercizio del suo ruolo: deve obbligare Adam (Fionn Whitehead), un giovane adolescente, a sottoporsi a una trasfusione di sangue che potrebbe salvargli la vita? In deroga all'ortodossia professionale, Fiona sceglie di andare a far visita ad Adam in ospedale e quell'incontro avrà un profondo impatto su entrambi, suscitando nuove e potenti emozioni nel ragazzo e sentimenti rimasti a lungo sepolti nella donna.

martedì 18 settembre 2018

Captain Marvel - Teaser Trailer Ufficiale Italiano

Captain Marvel Brie Larson

Rilasciato il teaser trailer ufficiale italiano di "Captain Marvel", il film diretto da Anna Boden e Ryan Fleck sulla super-eroina di casa Marvel, interpretato da Brie Larson, Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Djimon Hounsou, Lashana Lynch, Gemma Chan, Mckenna Grace, Lee Pace, Algenis Perez Soto, Clark Gregg, Jude Law e Rune Temte, al cinema dal 6 Marzo 2019.

Teaser Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Captain Marvel segue le vicende di Carol Danvers (Brie Larson), che diventa uno degli eroi più potenti dell'universo quando la Terra viene coinvolta in una guerra galattica tra due razze aliene. Ambientato negli anni '90, Captain Marvel è un'avventura completamente nuova che mostrerà al pubblico un periodo storico mai visto prima nell'Universo Cinematografico Marvel.

Il Mistero Della Casa Del Tempo - Trailer Ufficiale Italiano

Il Mistero Della Casa Del Tempo Film

Presentato il trailer ufficiale italiano di "Il Mistero Della Casa Del Tempo", il film diretto da Eli Roth - tratto dal romanzo di John Bellairs - con Jack Black, Cate Blanchett, Owen Vaccaro, Renée Elise Goldsberry, Sunny Suljic, Colleen Camp, Lorenza Izzo e Kyle MacLachlan, dal 31 Ottobre al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Il film racconta l’avventura magica e misteriosa di un ragazzino di 10 anni, Lewis Barnavelt, che si trasferisce a vivere nella casa vecchia e scricchiolante dell’eccentrico zio Jonathan. In questa strana dimora si nasconde un mondo segreto ricco di magie, misteri, streghe e stregoni che si rivelerà quando Lewis scoprirà che suo zio e la sua migliore amica Mrs Zimmerman sono due potenti maghi che lo coinvolgeranno in una missione segreta: scoprire l’origine e il significato del ticchettio di un orologio nascosto da qualche parte nei muri di casa...

Soldado - La Recensione

Soldado Sollima
I cartelli della droga ora spacciano terroristi, o comunque migranti di ogni tipo. Ci troviamo sempre al confine tra Messico e Stati Uniti, ma la droga non è più una minaccia o una priorità. Il commercio di esseri umani è il business moderno e il Governo degli Stati Uniti, colpito in prima persona da alcuni attentati, ha intenzione di contrastarlo sporcandosi le mani e non la faccia.
Tornano Josh Brolin e Benicio Del Toro, allora, nel sequel di “Sicario”; tornano i lupi dal sangue freddo, i cinici senza cuore. Di Emily Blunt e della sua morale neanche l’ombra, ormai, perché se farsi scrupoli era fuori luogo prima, figuriamoci adesso: dove la priorità è mantenere l’ordine e il pugno duro.

Siamo nell'America trumpiana, insomma: non viene detto, ma si capisce; siamo in contatto col presente, con la minaccia dell’ISIS e la piaga dei clandestini; per cui, di nuovo, per contrastare la vulnerabilità delle frontiere (in attesa del famoso muro, almeno), c’è bisogno di fare chiasso in silenzio, di tirare il sasso e nascondere la mano, di giocare d’astuzia, in pratica. Si veste inevitabilmente con abiti più cupi del suo capostipite, quindi, “Soldado”, assumendosi il compito – per niente facile - di portare avanti il discorso sulla fragilità e sui traffici delle barriere, tenendo conto del delicato momento storico e contemporaneamente cercando di non perdere di vista neppure quel filo, più o meno diretto, con le atmosfere composte da Denis Villenueve e ereditate, adesso, dall'entrata in scena, della nostrana conoscenza Stefano Sollima in regia. Un cambiamento importante, per certi versi radicale, identificabile in primis da una pellicola che rinuncia moltissimo agli interni per muoversi prevalentemente verso ambienti esterni, sul campo; mettendo da parte i ragionamenti e le strategie di una volta, per favorire un’azione che non è mai stata tanto semplice e pratica da realizzare. Un’azione che schiaccia – letteralmente, anche – molto spesso gli stessi protagonisti, messi costantemente al suo servizio e meno inclini ad aprirsi o a osservarsi dentro.

Soldado SollimaOrdini rigidi di una sceneggiatura – scritta ancora da Taylor Sheridan – che mira a gravitare su più livelli, a non focalizzarsi su un punto di vista particolare – quello americano, piuttosto che dei contrabbandieri, o della ragazzina rapita – e a modellarsi secondo gli schemi di una narrazione assai vicina a quella corale: uno stile che, tuttavia, contribuisce a creare più confusione che suspense, palesando rapidamente una grave difficoltà a tenere il passo e il coinvolgimento. Una grana di cui Sollima, se è responsabile, può esserlo considerato solo in parte. Chiamato come mero esecutore, infatti, lui avrebbe senz'altro potuto affrontare la questione sprigionando maggiori dosi di personalità, ma solitamente, in produzioni simili, le regole sono alquanto chiare e tassative: meno rompi le scatole, meglio è. La sua mano, perciò, la si riconosce soprattutto nella scelta delle inquadrature, nella fotografia: libera, forse, di esprimersi con meno paletti lungo la parte estetica, quella dove “Soldado” lascia, senza dubbio, i segni migliori.

Complessivamente, però, sarebbe opportuno parlare di delusione, di progetto forzato; tra l’altro orientato – stando alla conclusione – a farsi presto trilogia: con un capitolo finale che dovrebbe andare a chiudere un presumibile cerchio. Certo è, che rispetto al già non perfetto primo capitolo, per risollevare le sorti del franchise, in futuro, ci sarà bisogno di un lavoro più convinto e convincente. Ammesso che i programmi non decidano di mutare.

Trailer:

lunedì 17 settembre 2018

Quello Che Non Uccide - Nuovo Trailer Ufficiale Italiano

Quello Che Non Uccide Film

Nuovo trailer ufficiale italiano per "Quello Che Non Uccide", il nuovo capitolo della famosa saga Millennium creata da Stig Larsson, diretto da Fede Alvarez con Claire Foy nei panni di Lisbeth Salander e al cinema dal 31 Ottobre prossimo.

Nuovo Trailer Ufficiale Italiano:

[HOME VIDEO] Ready Player One - La Realtà Virtuale Di Oasis Sul Divano Di Casa Nostra

Ready Player One Film

Lo abbiamo santificato come uno dei migliori film di fantascienza di questa stagione, del resto c’era da aspettarselo con un regista come Steven Spielberg dietro la macchina da presa. Chi lo ha visto al cinema avrà sicuramente potuto già apprezzare il divertimento, la spettacolarità e l’adrenalina contenuta in ”Ready Player One”, che adesso prosegue la sua corsa in home video uscendo ufficialmente nei formati 4K Ultra HD, Blu-Ray Disc, DVD e streaming legale.

Tratta dall'omonimo romanzo di Ernest Cline, la storia è quella di un futuro distopico - neppure troppo lontano: è il 2045 – in cui il mondo è sull'orlo del crollo economico e sociale e l’intera popolazione mondiale, per sopravvivere a questa condizione, si è riversata a trascorrere la propria esistenza all'interno della realtà virtuale di OASIS: un posto dove puoi essere chi ti pare, quanto ti pare. Quando, però, James Halliday - il creatore di questo mondo fantascientifico - passa a miglior vita, OASIS diventa anche un’opportunità di ricchezza: prima di andarsene, infatti, l'uomo ha nascosto tre chiavi segrete negli infiniti livelli della sua creatura, le quali, se trovate tutte, garantirebbero al vincitore di diventare proprietario unico di quell'universo.

Come ci si poteva aspettare, allora, quella distribuita da Warner Bros. sul mercato è un'edizione in grado di rispettare le attese, che non si limita alla sola realizzazione di vari pack che vanno incontro alle esigenze di più o meno tutti i consumatori, ma che spicca anche per l’esaltazione del mito anni’80 contenuto nel film e per altri riferimenti nerd che trovano terreno fertile tra gli extra – molto lunghi - messi a nostra disposizione.
Easter egg che un film del genere, merita senza dubbio di poter vantare.
Ready Player One Home Video

Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 Dolby Digital: Inglese, Spagnolo - 5.1 DTS HD: Italiano, Inglese - Dolby TrueHD Atmos: Inglese
Sottotitoli: Italiano Non Udenti, Inglese Non Udenti, Spagnolo, Greco, Finlandese, Danese, Norvegese, Svedese
Contenuti Speciali: The ‘80’s: You’re The Inspiration; Game Changer: Cracking The Code; Effects For A Brave New World; Level Up: Sound For The Future; High Score: Endgame; Ernie & Tye’s Excellent Adventure
Durata: 138 minuti ca.
Confezione: Slipcase
Produttore: Warner
Distributore Home Video: Warner Home Video
Data di Uscita: 12 Settembre 2018

giovedì 13 settembre 2018

Sulla Mia Pelle - La Recensione

Sulla Mia Pelle Poster
Intorno al caso Stefano Cucchi girano ancora molte ombre. 
Sono passati quasi nove anni, ormai, dal quel 22 Ottobre 2009, eppure la vera verità su quanto accaduto durante la sua detenzione per spaccio e uso di droghe, tutt’oggi fatica a venir fuori. O meglio, stando a quanto raccolto, dichiarato e analizzato, quella sulla sua morte somiglia più a una verità scomoda: una verità scovata, ricostruita, ma che non può - evidentemente - palesarsi ufficialmente.
Per tanti, brutti, inammissibili motivi.

Allora “Sulla Mia Pelle”, dal canto suo, non può che diventare una ricostruzione basata proprio su quei documenti, sugli ultimi sette giorni di vita di un essere umano che, inspiegabilmente, preso in custodia dalla giustizia perfettamente sano, è finito per ritrovarsi – dopo una notte in cella nella caserma dei Carabinieri– pieno di lividi sul viso e con due vertebre della schiena rotte: pestaggio gratuito dal quale, purtroppo, non è più riuscito a riprendersi. Tuttavia quello diretto con grandissima misura dal regista Alessio Cremonini - al contrario di certe voci circolate - è anche un film che si vede bene dal voler prendere posizioni; che non commette l’errore di schierarsi: aggiudicandosi unicamente il merito (gigantesco) di far conoscere alla gente che non sapeva - o che non sapeva abbastanza - come sono andate di preciso le cose, che cosa (più o meno) è successo (sembra) dopo e da che parte orientativamente potrebbe celarsi l’attendibilità, in base alle indagini svolte e quelle in corso. Un lavoro quindi che non se lo sogna neanche di mettere alla berlina un’intera istituzione, che non mira a scatenare rivolte o schieramenti, ma si limita – con intelligenza - a denunciare un (ipotetico) infortunio grave commesso da chi dovrebbe infondere fiducia, pesandone severamente le conseguenze, i danni e l’angoscia. Perché di angoscia se ne prova tanta, tantissima nel guardare il cammino verso la morte di un Alessandro Borghi eccellente, dimagrito di ben venti chili e capace di avvicinarsi il più possibile a Stefano, modificando la sua classica tonalità vocale, ma soprattutto contenendo qualunque istinto recitativo potesse portare la sua interpretazione appena sopra, o appena sotto, le righe necessarie e da mantenere.

Sulla Mia Pelle BorghiEd è nell'istante in cui ha origine la sua discesa agli inferi che si comincia a realizzare che “Sulla Mia Pelle” non è più solo un titolo; che mentre lo stai guardando (e dopo, pure) un po' di quel dolore (e parliamo di un dolore immenso, insopportabile) te lo senti anche sulla tua di pelle, in profondità, che ti avvolge comodo come la scia di un eco. E resti lì, impotente, mentre vorresti provare a fermarlo; mentre ti viene voglia di intervenire; imprecando e contestando alcune scelte famigliari che magari - dalla comodità di una poltrona e giudicate finale alla mano - potrebbero apparire spesso troppo molli, piuttosto che irritanti: sebbene poi, riflettendoci un attimo, riesci a risponderti che quella rabbia, quel non capire il motivo di un’urgenza cui far fronte, derivano dal fatto che nessuno dei diretti interessati, probabilmente, in quella situazione poteva prevedere un epilogo nero e terrificante come quello che poi è stato.

Inchiostro di una pagina che - consacrata o tenuta nel cassetto, lo vedremo - ci rende tutti quanti un pizzico colpevoli; tutti quanti come chi – citando un dialogo del film – ha preferito girare la testa dall'altra parte quando Stefano aveva bisogno di aiuto; tutti quanti come quel giudice che non si accorge dei suoi lividi; tutti quanti come quei medici che Stefano stesso incolpa per continuare a fare domande, anziché notare l’evidenza. Perché, forse, l’importanza più significativa della pellicola di Cremonini sta tutta nella fotografia di un paese eccessivamente abituato, oggi, a non voler più vedere ciò che ritiene scomodo. Un paese che, sicuramente, ha molto sulla sua coscienza e molto da farsi perdonare.

Trailer:

mercoledì 12 settembre 2018

First Man: Il Primo Uomo - Secondo Trailer Ufficiale Italiano

First Man: Il Primo Uomo Chazelle

Secondo trailer italiano ufficiale di "First Man: Il Primo Uomo", il nuovo film di Damien Chazelle - basato sul libro di James R. Hansen e presentato in Concorso alla 75° Mostra del cinema di Venezia - con Ryan Gosling, Claire Foy, Jason Clarke, Kyle Chandler, Patrick Fugit, Ciaran Hinds, Ethan Embry, Shea Whigham, Corey Stoll e Pablo Schreiber, dal 31 Ottobre al cinema.

Secondo Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
L’avvincente storia della missione della NASA per portare un uomo sul luna. Il film si concentra sulla figura di Neil Armstrong e sugli anni tra il 1961 e il 1969. Resoconto viscerale in prima persona, basato sul libro di James R. Hansen, il film esplorerà i sacrifici e il costo che avrà per Armstrong e per l’intera nazione, una delle missioni più pericolose della storia.

La Ballata Di Buster Scruggs - Trailer Ufficiale Italiano

La Ballata Di Buster Scruggs Coen

Disponibile il trailer ufficiale italiano di "La Ballata Di Buster Scruggs", il nuovo film dei fratelli Joel e Ethan Coen - presentato in Concorso alla 75° Mostra del cinema di Venezia - con Tyne Daly, James Franco, Brendan Gleeson, Bill Heck, Grainger Hines, Zoe Kazan, Harry Melling, Liam Neeson, Tim Blake Nelson, Jonjo O'Neill, Chelcie Ross, Saul Rubinek, Tom Waits, Jefferson Mays, Willie Watson e Stephen Root, su Netflix dal 16 Novembre.

Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
"La Ballata Di Buster Scruggs" è un film western antologico diviso in sei parti, una serie di racconti della frontiera americana narrati con lo stile unico e inimitabile di Joel e Ethan Coen. Ogni capitolo propone una storia diversa del West americano

martedì 11 settembre 2018

La Profezia Dell'Armadillo - La Recensione

La Profezia Dell'Armadillo Film
Il primo a prendere le distanze dall'adattamento cinematografico de “La Profezia Dell’Armadillo” è stato proprio il suo autore, Michele Rech, aka Zerocalcare: dicendo, in sostanza - tramite uno dei suoi sketch -  che se il film fosse piaciuto a tutti, i meriti non sarebbero stati i suoi, così come non lo sarebbero stati neppure i demeriti, se si fosse rivelato un fiasco (qui la prova). Precisazione che aveva un po’ allarmato le aspettative sul progetto, specie dopo i cambiamenti iniziali che avevano già visto Valerio Mastandrea uscire dalla cabina di regia (restando tra i sceneggiatori, dove resta peraltro anche Zerocalcare con Johnny Palomba e Oscar Glioti), rimpiazzato a sorpresa dall'esordiente Emanuele Scaringi.

A colpire però erano state soprattutto un paio di frasi nella vignetta in questione: quella in cui Zero scrive che intorno a un film girano troppe capocce e l’altra in cui accenna a una sceneggiatura giustamente re-interpretata (dalle troppe capocce?). Frasi che tornano prepotenti, aumentando la loro risonanza, durante la fase di visione, quando ”La Profezia Dell’Armadillo” comincia a dare esattamente i segnali di un prodotto a cui è stata strappata l’anima, la personalità; un prodotto che conserva - in quella che dovremmo definire, a questo punto, un’ennesima rilettura - le potenzialità che doveva (e poteva) avere in origine, ma che non riesce mai ad esprimerle onestamente per via di una meta che non ha intenzione (o non è in grado) di porsi. E questo – cosa peggiore in assoluto – a prescindere dalla fedeltà conservata o meno col testo di partenza. Vorrebbe essere tre quarti commedia e uno dramma, infatti, il lavoro di Scaringi, tutelare l’ironia del suo autore, ma contemporaneamente tradurla, ricalibrandola, per fare in modo che si adatti con meno difetti possibili a un ambiente – il cinema – che ragiona e agisce in maniera totalmente diversa rispetto ai fumetti. Un processo condivisibile e pronosticabile, ma che - pur nella sua logica e sensatezza – non può fornire risultati positivi se per essere portato a termine finisce, poi, per dimenticarsi dell’importanza, della crescita e dello sviluppo di una cosa, leggermente più rilevante, chiamata narrazione.

La Profezia Dell'Armadillo ZerocalcarePensare a “La Profezia Dell’Armadillo” solamente come a qualcosa di leggero, da ridere, con un protagonista intento a sciorinare aneddoti ricchi di contrasti generazionali - con i quali la maggior parte di noi, coetanei o quasi, non può che rispecchiarsi, ripetendo “è vero” - sarebbe l'equivalente di averci capito praticamente poco o nulla. La qualità più grande della storia scritta da Zerocalcare sta proprio in una drammaticità silenziosa, ma onnipresente, che accende la sua spia luminosa nel momento in cui (subito, in sostanza) Zero riceve la mail della morte di Camille, restandone profondamente scosso e dando vita a un processo di elaborazione del lutto decisamente personale. Una traccia emotiva fondamentale che nella pellicola di Scaringi, di fatto, è assente o ridotta all'osso, rappresentata superficialmente nei flashback e in alcuni frammenti del presente che tuttavia non riescono mai a restituire quella visceralità necessaria a permettere allo spettatore di empatizzare o avvertire lo stato reale delle vite di chi racconta. Ci si è preoccupati maggiormente, forse, di inserire ciò che si credeva potesse solleticare l'entusiasmo dei giovani - battute, ragionamenti fine a sé stessi sulla borghesia e il proletariato (che non sono sbagliati, ma andavano amalgamati meglio), dialoghi nerd, battibecchi con genitori – provando a realizzare un prodotto di rapido ingerimento e grossolano, piuttosto che un altro (avverabilissimo con quel materiale) intelligente e appassionante.

L’unica forma di contatto mantenuta con il libro, insomma, appare quella della bidimensionalità.
Che se su carta è giustificata e relativa unicamente al tratto dei disegni, sul grande schermo lo è assai meno, soprattutto perché legata allo spessore dei personaggi e a una sceneggiatura che per non scontentare nessuno e non farsi mancare nulla, perde l'occasione di realizzare un prodotto che - secondo chi scrive - aveva persino i connotati per aspirare all'esportazione.
Ipotesi che, magari, con meno capocce (o con quelle giuste) in carica sarebbe stata fattibile.

Trailer:

The Predator - Final Trailer Ufficiale Italiano

The Predator Shane Black

Final trailer ufficiale, italiano per "The Predator", remake del film del 1987 diretto da Shane Black con Boyd Holbrook, Trevante Rhodes, Jacob Tremblay, Keegan-Michael Key, Olivia Munn, Sterling K. Brown, Alfie Allen, Jane Thomas, Augusto Aguilera, Jake Busey e Yvonne Strahovski, al cinema dall'11 Ottobre.

Final Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie diverse, i cacciatori più letali dell'universo sono adesso ancora più pericolosi, più forti, più intelligenti. Quando un ragazzino innesca accidentalmente il loro ritorno sulla Terra, solo un gruppo di ex soldati e una disillusa insegnante di scienze può impedire la fine della razza umana.

sabato 8 settembre 2018

Venezia 75 - Tutti I Vincitori


Si è conclusa la 75a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, di seguito la lista dei vincitori.

Leone d'Oro per il Miglior Film: "Roma" di Alfonso Cuaron

Leone d'Argento: Gran Premio della Giuria: "The Favourite" di Yorgos Lanthimos

Leone d'Argento per la Miglior Regia: Jacques Audiard per "The Sisters Brothers"

Coppa Volpi per la Migliore Attrice: Olivia Colman per "The Favourite"

Coppa Volpi per il Migliore Attore: Willem Dafoe per "Van Gogh: At Eternity's Gate"

Premio per la Migliore Sceneggiatura: Joel e Ethan Coen per "The Ballad of Buster Scruggs"

Premio Speciale della Giuria: "The Nightingale" di Jennifer Kent

Premio Marcello Mastroianni al Miglior Attore/Attrice Emergente: Baykali Ganambarr per "The Nightingale"

Leone del Futuro: Premio Luigi De Laurentiis per un'Opera Prima: "The Day I Lost My Shadow" di Soudade Kadaan


Premio Orizzonti per il Miglior Film: "Manta Ray" di Phuttiphong Aroonpheng

Premio Orizzonti alla Miglior Regia: Emir Baigazin per "Ozen (The River)"

Premio Speciale della Giuria Orizzonti: "Anons" di Mahmut Fazil Coskun

Premio Orizzonti per la Migliore Attrice: Natalya Kudryashova per "The Man Who Surprised Anyone"

Premio Orizzonti per il Migliore Attore: Kais Nashif per "Tel Aviv On Fire"

Premio Orizzonti per la Migliore Sceneggiatura: "Jinpa" di Pema Tseden

Premio Orizzonti per il Miglior Cortometraggio: "Kado" di Aditya Ahmad


Premio Venezia Classici per il Miglior Film Restaurato: "La Notte Di San Lorenzo" di Paolo e Vittorio Taviani

Premio Venezia Classici per il miglior Documentario Sul Cinema: "The Great Buster: A Celebration" di Peter Bodganovich


Venice Virtual Reality: Miglior VR: "Spheres" di Eliza McNitt

Venice Virtual Reality: Miglior Esperienza: "Buddy VR" di Chuck Chae

Venice Virtual Reality: Miglior Storia: "L'Ile Des Mortes" di Benjamin Nuel

mercoledì 5 settembre 2018

Halloween - Secondo Trailer Ufficiale Italiano

Halloween 2018

Secondo trailer ufficiale italiano per "Halloween", il ritorno di uno dei più iconici serial killer cinematografici, diretto da David Gordon Green con Jamie Lee Curtis, Judy Greer, Will Patton, Nick Castle, Andi Matichak, Omar J. Dorsey, al cinema dal 25 Ottobre.

Secondo Trailer Ufficiale Italiano:

Sinossi (Ufficiale):
Jamie Lee Curtis torna all'iconico ruolo di Laurie Strode, che giunge allo scontro finale con Michael Myers, l’uomo mascherato che le ha dato la caccia da quando era sfuggita per un soffio alla carneficina della notte di Halloween avvenuta quattro decenni prima.

I Villegianti - Teaser Trailer Ufficiale

I Villegianti Film

Rilasciato il teaser trailer ufficiale di "I Villegianti", il nuovo film diretto e interpretato da Valeria Bruni Tedeschi -  presentato Fuori Concorso alla 75° Mostra del cinema di Venezia - con Yolande Moreau, Noémie Lvovsky, Pierre Arditi, Valeria Golino, Laurent Stocker, Bruno Raffaelli, Marisa Borini, Riccardo Scamarcio, Stefano Cassetti, nelle sale italiane il prossimo 20 Dicembre.

Teaser Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Una grande e bella proprietà in Costa Azzurra. Un posto che sembra essere fuori dal tempo e protetto dal mondo. Anna arriva con sua figlia per qualche giorno di vacanza. In mezzo alla sua famiglia, ai loro amici e al personale di servizio, Anna deve gestire la sua recente separazione e la scrittura del suo prossimo film. Dietro le risate, la rabbia, i segreti, nascono rapporti di supremazia, paure e desideri. Ognuno si tappa le orecchie dai rumori del mondo e deve arrangiarsi con il mistero della propria esistenza.

martedì 4 settembre 2018

Lo Schiaccianoci E I Quattro Regni - Nuovo Trailer Ufficiale Italiano

Lo Schiaccianoci E I Quattro Regni Disney

Nuovo trailer italiano ufficiale per "Lo Schiaccianoci E I Quattro Regni", il nuovo film Disney diretto da Lasse Hallström e Joe Johnston con Keira Knightley, Morgan Freeman, Matthew Macfadyen, Mackenzie Foy, Helen Mirren, Sergei Polunin, Jack Whitehall, Richard E. Grant, Eugenio Derbez, Ellie Bamber, Omid Djalili, Meera Syal, al cinema dal 31 Ottobre.

Nuovo Trailer Italiano Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Il paese dei fiocchi di neve, il paese dei fiori e il paese dei dolci sono in pericolo. La minaccia del quarto regno è imminente…La storia che tutti conoscono ha un lato oscuro mai raccontato. La Principessa Clara deve intervenire.

Opera Senza Autore - Teaser Trailer Ufficiale Italiano

Opera Senza Autore Film

Disponibile il teaser trailer ufficiale italiano di "Opera Senza Autore", il film di Florian Henckel von Donnersmarck - presentato in concorso alla 75^ Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia - con Tom Schilling, Sebastian Koch, Paula Beer, Saskia Rosendahl, Oliver Masucci, al cinema dal 4 Ottobre.

Teaser Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Ispirato a fatti realmente accaduti, "Opera Senza Autore" racconta tre epoche di storia tedesca attraverso l’intensa vita dell’artista Kurt Barnert (Tom Schilling), dal suo amore appassionato per Elisabeth (Paula Beer), al complicato rapporto con il suocero, l’ambiguo Professor Seeband (Sebastian Koch) che, disapprovando la scelta della figlia, cerca di porre fine alla relazione tra Kurt ed Elisabeth. Quello che nessuno sa è che le loro vite sono già legate da un terribile crimine commesso da Seeband decenni prima.

lunedì 3 settembre 2018

Johnny English Colpisce Ancora - Secondo Trailer Ufficiale Italiano

Johnny English Colpisce Ancora Rowan Atkinson

Secondo trailer ufficiale italiano per "Johnny English Colpisce Ancora", il nuovo capitolo dell'omonima serie con Rowan Atkinson, Ben Miller, Olga Kurylenko, Emma Thompson e Jake Lacy, diretto da David Kerr e al cinema dal 11 Ottobre.

Nuovo Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
La storia comincia quando un attacco informatico rivela l'identità di tutti gli agenti infiltrati attivi in Gran Bretagna, ad eccezione di Johnny. Chiamato per ritirarsi, English si tuffa per primo in azione con la missione di trovare l'hacker a capo di tutto. Johnny English dovrà superare le sfide della tecnologia moderna per rendere questa missione un successo.

BlacKkKlansman - La Recensione

BlacKkKlansman Spike Lee
Per quanto mi riguarda, lo ammetto, ci avevo perso le speranze.
Era dal 2006 che – per me - Spike Lee aveva smesso di essere Spike Lee, da dopo “Inside Man”: da quando ha cominciato a inanellare una serie di insuccessi e pellicole al di sotto del suo talento, raschiando un fondo che ormai lo aveva praticamente spazzato via dalla scena degli autori (affermati) da seguire e da non perdere di vista. Perché, la verità, è che negli ultimi anni un po’ a Spike di vista lo abbiamo perso in molti, considerandolo (artisticamente) svuotato, in crisi d’identità e smarrito (ah, il plurale è volontario: siate onesti).
Un grande, grandissimo errore.

Ci voleva Donald Trump Presidente degli Stati Uniti d’America, forse, per risvegliare bruscamente il regista de “La 25^ Ora” dal suo intorpidimento, per rimettere a fuoco le lenti dei suoi occhiali da vista e – soprattutto – quella vena brillante e feroce al punto giusto, capace di raccontare storie drammatiche - o dolce-amare che siano - con il ritmo e la vivacità necessari a far breccia. Con “BlacKkKlansman” – che come potrete intuire dalle tre K che spiccano nel titolo, parla di razzismo (ma del razzismo-tutto) – infatti è subito colpo di fulmine: è sufficiente assistere al prologo in cui un goffo Alec Baldwin registra uno spot in cui rivendica il diritto a difendere la razza bianca ariana d’America e alla scena successiva dove l’aspirante detective nero, Ron Stallworth, sostiene un colloquio di lavoro che lo porterà a diventare il primo agente di polizia non-bianco di Colorado Springs, per intuire con che genere di toni, il regista, ha intenzione di maneggiare il materiale e le vicende di quella che poi è una storia – come viene specificato letteralmente in apertura – fottutamente vera. Una storia radicata temporalmente negli anni ’70, ma che, se non fosse per l’acconciatura sferica di John David Washington (si, il figlio di Denzel), i costumi e qualche riferimento storico sparso qua e là, non farebbe certamente fatica a risultare figlia della cronaca attuale.

BlacKkKlansman FilmEppure non è per il messaggio di un cambiamento che non c’è ancora stato, o che tarda a uniformarsi globalmente, che “BlacKkKlansman” trova le forze di imporsi e di sbaragliare ogni scetticismo. La brillantezza della pellicola di Lee deriva dalla superiorità e dall’apparente leggerezza – per nulla scontata – con cui un argomento così spinoso e sulla cresta dell’onda, come l’integrazione, viene manipolato: mettendo da parte, quindi, quel sangue agli occhi e quella frustrazione che, teoricamente, avrebbero avuto tutto il diritto di essere espressi e rivendicati dal suo artefice. Invece la parabola di questo afro-americano infiltratosi nel Ku Klux Klan - con l’aiuto di un collega bianco necessario per i faccia a faccia coi membri dell'organizzazione – regala parentesi grottesche di irresistibile cinema, parentesi nelle quali si riesce a ridere di gusto pur percependo, al di là della superficie, quel fastidioso senso di ipocrisia e di ignoranza diffusa che chiaramente si tenta - anche attraverso l'uso di estremizzazioni - di evidenziare e schernire.
Inclinazione costruttiva, se non fosse che il nemico da sconfiggere, purtroppo, non risiede solamente in una piccola minoranza di fanatici, bensì nelle fibre di un paese – l’America, ma sarebbe stupido prenderla come un caso isolato – che pur professando e muovendosi in favore del cambiamento, non riesce a nascondere un freno a mano tirato che non se la sente di eliminare.


Allora non basta la punta d’amaro con cui il suo film sceglie di volgere al termine, è fondamentale aggiungere - prima dei titoli di coda - filmati giornalistici, non di finzione e datati 2017, volti a evidenziare quanto sia poco riconoscibile, o nullo, lo scarto epocale che dovrebbe andare a indicare i quasi cinquant’anni di (non)progresso. La bastonata definitiva di un lavoro dove tutto - personaggi, dialoghi e sprazzi di (buona) retorica, compresa - sta lì a confermare la lucidità, l'energia e la voglia di ripartire di un autore che, davvero, ci era mancato tantissimo.

Trailer:

Morto Tra Una Settimana O Ti Ridiamo I Soldi - Trailer Ufficiale Italiano

Morto Tra Una Settimana O Ti Ridiamo I Soldi Film

Rilasciato il trailer ufficiale italiano di "Morto Tra Una Settimana O Ti Ridiamo I Soldi", il film di Tom Edmunds con Tom Wilkinson, Aneurin Barnard, Freya Mavor, Marion Bailey e Christopher Eccleston, nelle nostre sale dall'11 Ottobre.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
William (Aneurin Barnard) è un giovane scrittore profondamente insoddisfatto della sua vita che, dopo aver tentato più volte di suicidarsi, decide di ingaggiare Leslie (Tom Wilkinson), killer professionista prossimo alla pensione, per porre fine ai propri tormenti. Con un contratto firmato, William attende di morire entro una settimana ma la sua vita prende improvvisamente una piega inaspettata: trova un editore, si fidanza con la ragazza dei suoi sogni, e di conseguenza non ha più voglia di morire. Ma per Leslie il contratto non è più rescindibile... quindi William ha una settimana per sfuggire al killer che lui stesso ha pagato.

Ride - Trailer Interattivo

Ride Film Ita

Disponibile il trailer interattivo di "Ride", il film diretto da Jacopo Rondinelli - e scritto, co-prodotto e supervisionato artisticamente da Fabio Guaglione e Fabio Resinaro - con Lorenzo Richelmy e Ludovic Hughes, dal 6 Settembre al cinema.

Trailer Interattivo:


Sinossi (Ufficiale):
"Ride" è la storia di Max (Lorenzo Richelmy) e Kyle (Ludovic Hughes), due riders acrobatici. Quando ricevono l’invito a partecipare a una misteriosa gara di downhill con in palio 250.000$, accettano senza esitazione per poi scoprire - ormai troppo tardi - di doversi spingere oltre i limiti delle loro possibilità fisiche e psicologiche. Quella che affronteranno sarà così una corsa estrema per la sopravvivenza. Grazie alla potenzialità delle telecamere GO PRO, RIDE sarà capace di trasmettere l’adrenalina dello sport estremo come nessun altro modo sarebbe in grado di fare.

L'Uomo Che Uccise Don Chisciotte - Trailer Ufficiale Italiano

L'Uomo Che Uccise Don Chisciotte Terry Gilliam

Presentato il trailer ufficiale italiano di "L'Uomo Che Uccise Don Chisciotte", il film - sofferto, portato avanti per 25 anni - scritto e diretto da Terry Gilliam (ispirato al leggendario protagonista di un classico della letteratura: il Don Chisciotte di Miguel de Cervantes), con Adam Driver, Jonathan Pryce, Stellan Skarsgård, Olga Kurylenko e Joana Ribeiro, al cinema dal 27 Settembre.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Toby, cinico regista pubblicitario, si ritrova intrappolato nelle bizzarre illusioni di un vecchio calzolaio spagnolo che crede di essere Don Chisciotte. Nel corso delle loro avventure comiche e sempre più surreali, Toby è costretto ad affrontare le tragiche ripercussioni del film realizzato quando era un giovane idealista, che ha inciso in modo indelebile sulle aspettative e sui sogni di un piccolo villaggio spagnolo. Riuscirà Toby a farsi perdonare e a ritrovare la sua umanità? Riuscirà Don Chisciotte a sopravvivere alla sua follia e a salvarsi dalla morte che incombe? Riuscirà l’amore a trionfare su tutto?