IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

mercoledì 24 giugno 2015

Contagious - La Recensione

6/24/2015 By Giordano Caputo , No comments

Circostanze alla "The Walking Dead", o se preferite a migliaia di storie simili dove una pandemia virale, ha dato morte e nuova vita agli umani sotto forma di zombie. Colpa stavolta delle coltivazioni, del suolo infetto, insomma, colpa comunque dell'uomo e della sua negligenza con la natura: malgrado in "Contagious", ciò che realmente conti, sia l'amore di un padre per una figlia prossima a trasformarsi e a dire addio alla sua famiglia.

La società nella pellicola diretta da Henry Hobson infatti ha intenzione di andare avanti e di non arrendersi: studia l'infezione, cerca antidoti e mette a disposizione centri di quarantena che aiutano - o così dicono - ad affrontare la morte, evitando esecuzioni spiacevoli e dolori inutili. Niente a che vedere, dunque, con il ritorno alla violenza o l'entrata in vigore della legge del più forte. In "Contagious" mantenere l'ordine è basilare, perdere il controllo è vietato e assumere le distanze dal genere horror maggiormente consumato e di puro intrattenimento, una drastica propensione che tuttavia comporta più feriti che superstiti.
Vuole distaccarsi dalla massa Hobson, vuole che il suo lavoro si distingua e dimostri di poter affrontare un argomento grandemente logoro da posizioni insolite e inaspettate. Il primo a cadere in difficoltà però sembra essere proprio lui, sempre in affanno, sempre in ritardo, costantemente alla disperata ricerca dell'inquadratura o della narrazione sorprendente, ma che anziché catturare e persuadere, nel suo caso appesantisce, procurando alla lunga persino degli esordi di sfinimento.

L'impegno, per carità, poi glie lo si riconosce e lo si apprezza, se non fosse per un bilanciamento di andatura talmente a rilento da rendere vano ogni sforzo e invogliare più per una chiusura rapida e indolore piuttosto che per un'investigazione sugli sviluppi. Sviluppi che, tra l'altro, sono piuttosto scontati, considerando che a prendere tutta l'area della pellicola è la metamorfosi della piccola Maggie e le ultime settimane d'affetto e di nodi in sospeso tra lei e suo padre, Arnold Schwarzenegger. Quello tra i due è un rapporto la cui potenza e sincerità è piuttosto didascalica e accessibile, ma allo stesso tempo oscurata e frenata emotivamente da un'atmosfera dark e dolente, che probabilmente Hobson pensava servisse lasciar ferma, in superficie, per tenere acceso un mood essenziale, imperativo per il genere e il suo respiro. Particolare che, sinceramente, non basta a riempire i vuoti lampanti di un progetto assai fiacco e dissonante.

Ma francamente nulla o quasi, rispetto a quello su cui Hobson contava, serve a "Contagious" per mettere in risalto almeno uno dei suoi pro, in quella che è una pellicola che, purtroppo, avrebbe fatto decisamente meno danni se avesse seguito un tracciato scritto e ordinario.
O perlomeno studiato attentamente, e come si deve, i suoi surrogati, già promossi da critica e pubblico, per capire laddove è importante puntare la camera e registrare e laddove invece è ammissibile spegnere o elargire gravità inferiori.

Trailer:

0 commenti:

Posta un commento