IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

sabato 13 giugno 2015

Teneramente Folle - La Recensione

6/13/2015 By Giordano Caputo , No comments

Fatica ad identificarsi l'esordio alla regia della sceneggiatrice Maya Forbes, in quello che alla lontana somiglia a "Il Lato Positivo" nella sua versione più ridotta e soft, dolce e bonaria.

Della pellicola di David O'Russell, "Teneramente Folle", volontariamente o meno, prende gran parte della sua fisionomia: con un protagonista affetto da sindrome bipolare che, nel tentativo di riconquistare la sua famiglia, moglie e due figlie, finisce per diventare baby sitter a tempo pieno di quest'ultime, concedendo alla moglie di trasferirsi da Boston a New York per studiare e ingrandire la sua figura professionale. Un Mark Ruffalo in grande spolvero, bravissimo ad entrare nelle corde giuste del padre/amante buono e affettuoso, che tuttavia non può fare a meno dei suoi attimi rabbiosi e incontrollabili, al punto da rischiare ogni volta di guastare i suoi progressi e di venire allontanato nuovamente da tutto e da tutti. Una conseguenza però che nella pellicola della Forbes non accade mai per davvero, nemmeno quando ci sarebbero gli estremi ineccepibili, proprio perché, il suo, è un prodotto concepito per mantenere toni e situazioni dal retrogusto zuccheroso e divertente, in cui la resistenza del nucleo famigliare e l'amore coltivato al suo interno hanno interesse comune a fare in modo che le cose non vadano mai a peggiorare, bensì ad avanzare nella direzione opposta.

La volontà allora di rimanere costantemente bilanciato, di non essere mai né a tutti gli effetti drammatico, ma nemmeno eccessivamente comico, pone "Teneramente Folle" in quello spazio astruso da identificare, poco comprensibile, confuso e incapace di colpire almeno una volta secondo quelle che devono o dovevano essere le sue caratteristiche.
Si, Mark Ruffalo è bravo, bravissimo abbiamo detto, eppure avremmo voluto vederlo agire in qualche scena che poteva restituirgli maggior giustizia, magari furbesca - come quelle che O'Russell è tanto esperto a creare - ma comunque dall'efficacia netta e diretta. Al contrario, la Forbes non pare voler necessitare o aver bisogno di picchi, o questo è ciò che lascia intendere nel suo procedere calma e serena, e così, mentre si attende che la sua pellicola si conceda a quel fatidico exploit, ecco scendere a catena i titoli di coda e una leggera delusione nello spettatore.

Delusione per una storia ed un cast che potevano senza dubbio avere miglior fortuna, venir collocati e sfruttati in maniera superiore per valorizzare ai massimi il loro talento e il loro lavoro.
Di "Teneramente Folle", dunque, ricorderemo ben poco, flashback di un Ruffalo bravissimo, ma limitato e immagini sbiaditi di qualcosa che poteva essere, ma non è stato.

Trailer:

0 commenti:

Posta un commento