IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

martedì 5 marzo 2019

Captain Marvel - La Recensione

3/05/2019 By Giordano Caputo , No comments

Captain Marvel Brie Larson
Sarò impopolare, ma è un riflesso spontaneo quello di immaginare quanto avrebbe potuto guadagnare, in termini di qualità, un film come “Captain Marvel” se tagliato del suo inizio e della sua fine.
Si, per carità, mi rendo conto io per primo che leggere un’affermazione così, sembra quasi una follia; che certi spiegoni te li devi sorbire per forza quando c’è lo stand-alone sulle origini di un personaggio - per giunta mai apparso fino ad ora nei capitoli precedenti; che i combattimenti-caciaroni sono un marchio di fabbrica, ormai, e che, a metterci il carico da undici, stavolta, c’era pure la contestualizzazione anni ’90 che, in pratica, anticipa temporalmente e di netto l’intero marvelverse visto fino ad ora.

Però vuoi mettere?
Quanto migliora la pellicola diretta da Anna Boden e Ryan Fleck non appena si scrolla di dosso i suoi doveri? Non appena – come accadde nel primo “Thor” – la sua supereroina si stabilisce sulla terra e comincia a legare, in maniera ironica e investigativa, con Nick Fury? Dalla noia mortale delle esplosioni, gli alieni e le astronavi - che pretendono gli venga dato un ritmo forsennato, caotico e asfissiante - si passa a una condizione più rilassata, serena – per quanto possa esserlo in un film del genere, sia chiaro – con i rapporti umani che conquistano il dominio e scaldano l’atmosfera: raccontando decisamente meglio e con fare più incisivo le particolarità di ogni protagonista. Nella parte centrale, allora, “Captain Marvel” diventa un cine-comic piacevole, coinvolgente, si distacca da quelle istruzioni che stava seguendo - e che stavano rischiando di farlo passare come un prodotto omologato e freddo - e da’ inizio a una sgambata che gli permette di sgranchire i muscoli, di scaldarsi e inanellare qualche apprezzabile numero. Su tutti quello più sfruttato e prevedibile – ma responsabile di una spinta propulsiva non poco indifferente – relativo all'intera operazione nostalgia vincolata all'epoca: aperta da quel blockbuster su cui Brie Larson viene fatta schiantare e portata avanti con grande furbizia e coerenza da abbigliamento, musica, oggettistica e – nella scena più esilarante, forse – da un computer che, diciamo, non restituisce esattamente le celeri prestazioni a cui siamo abituati oggi.

Captain Marvel FilmPeccato che la festa non possa procedere mantenendo tali corde troppo a lungo; che certe dinamiche e certe politiche di stampo industriale debbano essere rispettate (e ingombranti), perché a un certo punto si riesce – con grande stupore – persino a tirare in ballo, in maniera per niente superflua e scontata, la tematica dell’immigrazione e della manipolazione delle informazioni, rovesciando il discorso dell’azione utile puramente al divertimento dello spettatore, in qualcosa di più serio e di più attuale. Ma si tratta solo di un preludio costruito per riportarci al disordine, al trambusto, con navicelle spaziali e combattimenti corpo a corpo che, tra citazioni a “Matrix” e “Star Wars”, si rivelano incapaci - registicamente parlando - di reggere sotto l’aspetto del confronto e della spettacolarità, risultando mai gustosi, mai avvincenti e mai adrenalinici.
Ma esiste un aspetto, tuttavia, in cui “Captain Marvel” riesce a mettersi in risalto, a compiere una sorta di miracolo, a farsi capostipite: e stiamo parlando della tecnica digitale con la quale Samuel L. Jackson è stato ringiovanito e lasciato sulla scena per una porzione di film decisamente lunga (quasi tutto), riducendo al minimo, se non addirittura annullando, la sensazione di artificio e di videogioco che, magari, si era potuta percepire quando il medesimo tentativo era stato applicato in passato.

Piccoli traguardi che possono - senza esagerare, mi raccomando - tornare utili in futuro e altrove, e che la Marvel col suo universo ha oggettivamente contribuito a sdoganare e a perfezionare. Intervento, a questo punto, che non sarebbe male riuscire ad apportare anche al concetto complessivo d’intrattenimento vigente: ammesso che quello della perfezione sia per loro obiettivo costante, posto su ogni settore.

Trailer:

0 commenti:

Posta un commento