IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

mercoledì 16 ottobre 2019

[HOME VIDEO] Stand By Me: Ricordo Di Un’Estate - Il Capolavoro Di Rob Reiner Disponibile In Formato 4K Ultra HD


Stand By Me Film

È il turno di approdare in formato 4K Ultra HD anche per uno dei nostri – e parlo al plurale, perché non può essere altrimenti - film del cuore. Mi sto riferendo a “Stand By Me: Ricordo Di Un’Estate”, il capolavoro di Rob Reiner - tratto dal racconto "Il Corpo" di Stephen King – che ogni volta, ad ogni visione, riesce ad appassionarci, divertirci e commuoverci intensamente.

Villaggio dell’Oregon, 1959, quattro dodicenni venuti a sapere del cadavere di un ragazzino fuori città, non ancora denunciato, decidono di partire all'avventura con lo scopo di ritrovarlo e prendersi i meriti. Un viaggio lunghissimo, da percorrere attraverso i binari di una ferrovia, che segnerà per loro la perdita dell’innocenza, il consolidamento dell’amicizia e il travolgente passaggio verso l’età adulta.

Un film malinconico, stracolmo di emozioni, ineccepibile.
Difficile aggiungere qualcosa di nuovo quando si parla di “Stand By Me: Ricordo Di Un’Estate”. Per fortuna a venirci incontro, stavolta, c’è un’edizione home video che aggiunge – rispetto alle precedenti – dei contenuti extra originali, con scene inedite eliminate e alternative. Una ghiotta occasione che può essere colta sia da chi non ha ancora inserito questo titolo nella sua videoteca personale, sia da chi lo ha già acquistato, ma ne è talmente innamorato da non volersi perdere neppure una chicca.

Stand By Me Home Video

Il Blu-Ray 4K Ultra HD, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 2
Formato Video: Ultra HD 4K HDR
Tracce Audio: 2.0 DTS HD: Inglese - 5.1 Dolby Digital: Italiano, Ceco, Francese, Giapponese, Polacco, Portoghese, Spagnolo, Tedesco, Ungherese - 5.1 DTS HD: Inglese - Dolby TrueHD Atmos: Inglese
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Inglese Non Udenti, Arabo, Ceco, Cinese, Coreano, Croato, Danese, Ebraico, Finlandese, Francese, Giapponese, Greco, Hindi, Indonesiano, Norvegese, Olandese, Polacco, Portoghese, Slovacco, Spagnolo, Svedese, Tailandese, Tedesco, Turco, Ungherese
Contenuti Speciali: Su Blu-ray 4K: Scene Inedite Eliminate E Alternative - Su Blu-Ray 2K: Camminando Sui Binari: L'Estate Di Stand By Me; Video Musicale: "Stand By Me" di Ben E.King; Commento Picture-In-Picture Di Regista E Attori; Filmografie; Commento Audio Regista
Durata: 88 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Sony Pictures
Distributore Home Video: Universal
Data di Uscita: 9 Ottobre 2019

[HOME VIDEO] Go Home: A Casa Loro - L'Opera Seconda Di Luna Galano In Blu-Ray E DVD

Go Home: A Casa Loro Galano

Disponibile in Blu-Ray e DVD, Go Home: A Casa Loro”, l’opera seconda di Luna Galano, presentata alla Festa del Cinema di Roma dello scorso anno, nella sezione parallela Alice Nella Città.

Il film è uno zombie-movie di stampo politico che comincia con una manifestazione fascista organizzata alle porte di un centro accoglienza per migranti, dove improvvisamente appaiono delle strane e violente creature che decidono di attaccare i contestanti. Tra questi c’è anche Enrico che, in preda al panico, finisce col rifugiarsi proprio all'interno di quel centro pieno di persone che, la sua ideologia, non riesce a tollerare.

Vincitore dei premi Panorama Italia (per Alice Nella Città) e Mario Bava (per il Fantafestival), “Go Home: A Casa Loro” è un film che inevitabilmente non può nascondere le difficoltà inerenti alla sua genesi: ovvero quelle di una produzione che ha dovuto attingere solo ed esclusivamente dai fondi racimolati tramite il crowdfunding. L’idea di base, tuttavia, resta il punto di forza maggiore dell’operazione, e nonostante si affievolisca un po’ nel corso della narrazione, la speranza è che in futuro, il nostro cinema, trovi il coraggio di sostenere ulteriormente giovani con idee e progetti di questo tipo. Magari, pure, con più convinzione.

Go Home: A Casa Loro Blu-Ray

Il Blu-Ray prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,35:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 2.0 Stereo Dolby Digital: Italiano - 5.1 DTS HD: Italiano
Sottotitoli: Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Backstage; Trailer
Durata: 86 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Cecchi Gori Home Entertainment
Distributore Home Video: Cecchi Gori Home Entertainment
Data di Uscita: 9 Ottobre 2019

martedì 15 ottobre 2019

[HOME VIDEO] Last Action Hero: L’Ultimo Grande Eroe - Torna In Home Video La Commedia Action Cult

Last Action Hero Schwarzenegger

Finito fuori catalogo per un breve periodo di tempo, ripiomba – e meno male – nel nostro mercato home video – in versione Blu-Ray e DVD – “Last Action Hero: L’Ultimo Grande Eroe”, la commedia action diretta da John McTiernan, sceneggiata da Shane Black e David Arnott, con protagonisti Arnold Schwarzenegger e Austin O’Brien.

L’idea di fondo – geniale – è quella di catapultare – tramite l’utilizzo di un biglietto del cinema dai magici poteri – un dodicenne appassionato di film d’azione nel surreale mondo del suo grande eroe, diventandone il partner improvvisato e aiutandolo a portare a termine la sua missione attraverso la conoscenza dei principali cliché appartenenti al genere.

Un cult immortale, capace di funzionare perfettamente sia come pop-corn-movie, sia come ragionamento intelligente sui film d’azione hollywoodiani: di cui mette alla berlina schemi triti e ritriti, ironizzandoci su in maniera acuta e brillante. Uno spettacolo metacinematografico che conquista su tutta la linea – merito pure della presenza di uno come Black in scrittura – con uno Schwarzenegger incontenibile e una serie di momenti che vi faranno venire voglia di bissarne la visione.

Last Action Hero Home Video

Il Blu-Ray, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano, Inglese, Spagnolo
Sottotitoli: Italiano Inglese, Portoghese, Cinese, Coreano, Tailandese
Contenuti Speciali: /
Durata: 131 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Sony Pictures
Distributore Home Video: Cecchi Gori Home Video
Data di Uscita: 25 Giugno 2019

Midway - Nuovo Trailer Ufficiale Italiano

Midway Emmerich

Nuovo trailer ufficiale italiano per "Midway", il kolossal diretto da Roland Emmerich con Luke Evans, Aaron Eckhart, Patrick Wilson, Woody Harrelson, Dennis Quaid, Nick Jonas, Darren Criss, Alexander Ludwig ed Ed Skrein, in uscita il 27 novembre 2019.

Nuovo Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale): 
Midway è basato sulla storia vera della Battaglia delle isole Midway combattuta nel Pacifico da giapponesi e americani tra il 4 e il 6 giugno 1942, punto di svolta cruciale della Seconda Guerra Mondiale. Il film racconta le eroiche imprese dei soldati e degli aviatori che, con i loro incredibili sacrifici, sono riusciti a cambiare le sorti della guerra.

lunedì 14 ottobre 2019

[Belli e (im)Possibili] La Disparition Des Lucioles - La Recensione

La Disparition Des Luciole Pilote
Le lucciole, nella pellicola di Sébastien Pilote, sono creature sacre, magiche.
Termini coi quali, in verità, non vengono mai descritte esplicitamente, ma che la loro esistenza sia legata all'armonia, alla bellezza e alla vita, si capisce quando, a un certo punto, il patrigno della giovane protagonista Léo – conduttore radiofonico populista, di grande successo – commenta la loro leggendaria sparizione, polemizzando su un progresso industriale e tecnologico che di certo non può essere fermato solo per far contenta la sensibilità di insetti così marginali (chissà come gli avrebbe risposto Pasolini).

Tuttavia – e a dispetto del titolo – non parla di loro “La Disparition Des Lucioles”, non direttamente, almeno. La storia infatti è quella di una teenager, prossima al diploma, che sta vivendo un momento di ribellione piuttosto particolare e frustrante. I genitori si sono lasciati e la madre ha intrapreso una relazione con un uomo che la ragazza odia profondamente, soprattutto per via della responsabilità che lo lega all'allontanamento del suo padre biologico, costretto a trasferirsi lontanissimo per rialzare la testa dopo il fallimento (e lo smantellamento) della fabbrica in cui lavorava. Una fase paragonabile a quel famoso “Odio Tutti” che negli ultimi anni è entrato talmente in voga nel linguaggio giovanile, da apparire persino su t-shirt e sulle cover dei cellulari. Il problema è che Léo non manifesta tale emozione per seguire un flusso o per pura provocazione, nel suo modo scorbutico di porsi e di sfuggire ad amici e parenti (e genitori) sono nascoste una serie di ferite, delusioni e vuoti che lei per prima preferisce fare implodere dentro sé stessa, piuttosto che lasciare andare. Un senso di disordine e d’incompiutezza che proverà a sistemare attraverso le fatiche di un lavoro estivo e delle lezioni di chitarra impartite da un uomo molto più grande di lei, con il quale andrà a instaurare un rapporto di amicizia e di condivisione (mai sessuale) piuttosto stretto.

La Disparition Des Luciole PiloteSiamo in pieno coming of age, allora, con Pilote che mette subito le cose in chiaro, scavalcando gli archetipi del genere per prendere una strada tutta personale, capace di ridare freschezza laddove, ultimamente, si stava annidando prevedibilità. Anticipare le mosse, gli sviluppi e le splendide sfumature (dei personaggi e di trama) di “La Disparition Des Lucioles”, non a caso, è un’operazione pressoché ineseguibile, tanta è la libertà, la destrezza e il brio con il quale ci si va a muovere. Basti pensare alla scena in (quasi) apertura con Léo che sale su un autobus per sfuggire alla cena in famiglia organizzata per il suo compleanno, con quella musica di sottofondo potentissima, dalle tonalità incantante, che quasi suggerisce l’entrata in un mondo fantastico che, in realtà, mai vedremo. Perché l’unico mondo con cui dobbiamo fare i conti – e con cui Léo deve imparare a fare i conti – è quello che già conosciamo: abitato da una società capitalista, perbenista e ipocrita che non sa più cosa siano il valore e il rispetto e dove pensare al futuro è, ormai, un riflesso incondizionato rimasto solo agli adulti, visto che ai giovani – a corto di prospettive, sogni e affetti – non resta che guardare ad esso come a un tempo sin troppo distante per suscitare preoccupazioni nel presente.

La salita che dovrà affrontare Léo, perciò, sarà non lasciarsi schiacciare da tutto questo; accettare il fatto che non esistono gli stinchi di santo (nonostante, a volte, è faticoso ammetterlo) e che la rabbia – anche se giustificata – non deve assolutamente diventare alibi di chiusura o sentimento facile da scagliare. Solo così la sua luce potrà tornare a riaccendersi, solo così la lucciola che è in lei sarà in grado di salvarsi: salendo su un autobus, magari, che stavolta non starà lì a rappresentare una via di fuga, ma la corsa verso qualcosa che, forse, è vicino a un lontanissimo futuro.

Trailer:

venerdì 11 ottobre 2019

Jungle Cruise - Trailer Ufficiale Italiano

Jungle Cruise Disney

Sbarca online il trailer ufficiale italiano di "Jungle Cruise", il film diretto da Jaume Collet-Serra - ispirato all'omonima storica attrazione di Disneyland, in California - con Dwayne Johnson e Emily Blunt, nelle nostre sale in estate 2020.

Trailer Ufficiale Italiano:

Charlie's Angels - Secondo Trailer Ufficiale Italiano

Charlie's Angels 2020

Secondo trailer ufficiale italiano per "Charlie's Angels", il film diretto da Elizabeth Banks con Kristen Stewart, Naomi Scott e Ella Balinska, al cinema dal 9 gennaio.

Secondo Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Kristen Stewart, Naomi Scott e Ella Balinska lavorano per il misterioso Charles Townsend. Le Charlie’s Angels hanno sempre messo a disposizione le loro abilità di investigazione e di security e ora l’agenzia Townsend si sta espandendo a livello internazionale con le donne più intelligenti, coraggiose e addestrate di tutto il pianeta: varie squadre di ‘Angeli’, guidate ciascuna da un Bosley, si fanno carico dei più difficili lavori in tutto il mondo. Quando un giovane ingegnere vuota il sacco su una pericolosa tecnologia, gli ‘Angeli’ entrano in azione mettendo a rischio le loro vite per la salvezza di tutti.

La Belle Époque - Trailer Ufficiale Italiano

La Belle Époque Auteuil

Presentato il trailer ufficiale italiano di "La Belle Époque", il film diretto da Nicolas Bedos - visto all'ultimo Festival di Cannes e prossimamente di passaggio alla Festa Del Cinema di Roma - con Daniel Auteuil, Fanny Ardant, Guillaume Canet e Doria Tillier, dal 7 novembre al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Victor è un uomo all'antica che odia il presente digitale. Quando un eccentrico imprenditore, grazie alluso di scenografie cinematografiche, comparse e un po’ di trucchi di scena, gli propone di rivivere il giorno più bello della sua vita, Victor non ha dubbi. Sceglie di tornare al 16 maggio del 1974: il giorno in cui in un café di Lione ha incontrato la donna della sua vita, la bellissima Marianne.

[HOME VIDEO] Rocketman - In Blu-Ray Il Biopic Che Celebra Elton John

Rocketman Egerton

Dopo essere stato presentato fuori concorso all'ultimo Festival di Cannes e avere incassato circa 200 milioni di dollari in tutto il mondo, arriva in home video – nei canonici formati 4K Ultra HD, Blu-Ray, DVD e streaming legale – “Rocketman”, il biopic su Elton John, interpretato da Taron Egerton, con la regia di Dexter Fletcher.

Il film ripercorre la vita – per nulla monotona – del cantante britannico partendo dalla sua infanzia e dal difficile rapporto col padre, raccontandone ovviamente la scalata al successo, ma anche i problemi derivati dall'omosessualità e dall'abuso di alcol, droghe, sesso e shopping. Una vita al massimo, direbbe qualcuno, che come è normale in questi casi ha rischiato di perdere il controllo e schiantarsi contro un muro: quel muro che fortunatamente Elton, colto da un barlume di lucidità, è riuscito a schivare, per poi decelerare.

Non poteva che essere un film dai tratti inevitabilmente stravaganti ed eccentrici, quindi, “Rocketman”. Un film costruito per farsi omaggio e celebrazione di uno degli artisti musicali più importanti e più influenti al mondo: tanto da evitare l’entrata in quelle profondità e in quegli eccessi che promette in apertura, per agevolare le vie dell’intrattenimento e andare a costruire scene capaci di far cantare e ballare gli spettatori all'ascolto. Una biografia eseguita con rispetto, insomma. Meno sincera o sfrontata di quanto alcuni di noi avrebbero preferito, ma non per questo meno efficace.

Rocketman Blu-Ray

Il Blu-Ray, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 Dolby Digital: Italiano, Francese, Spagnolo, Tedesco, Turco - Dolby TrueHD Atmos: Inglese
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Danese, Olandese, Finlandese, Francese, Tedesco, Norvegese, Spagnolo, Svedese, Turco
Contenuti Speciali: Performance Musicali Estese; 10 Scene Eliminate E Versioni Estese; Canta Con La Versione Karaoke; Sarà Un'Avventura Incredibile: La Visione Creativa; La Musica Reinterpretata: Le Sessioni In Studio; I Testi Delle Canzoni: Canta Con La Versione Karaoke (solo in inglese)
Durata: 120 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Paramount
Distributore Home Video: Universal
Data di Uscita: 2 Ottobre 2019

martedì 8 ottobre 2019

Cetto C'è, Senzadubbiemente - Trailer Ufficiale

Cetto C'è Senzadubbiemente

Disponibile il trailer ufficiale di "Cetto C'è, Senzadubbiemente", il film diretto da Giulio Manfredonia con Antonio Albanese, Caterina Shulha, Lorenza Indovina, Maria Rosaria Russo, Manfredi Saavedra e Cesare Capitani, nei cinema dal 21 novembre.

Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
A dieci anni dalla sua elezione a sindaco di Marina di Sopra di Cetto la Qualunque si erano perse le tracce. Scopriamo che vive in Germania e, messa da parte ogni ambizione politica, Cetto la Qualunque oggi per i tedeschi è soltanto un irresistibile e pittoresco imprenditore di successo, che considera la Germania una terra di conquiste e la mafia un marchio di qualità. La sua catena di ristoranti e pizzerie infatti spopola; ha una bella compagna tedesca e due suoceri neonazisti che lo guardano con la simpatia riservata ai migranti. Il richiamo della sua terra tuttavia resta forte e la notizia dell’aggravarsi delle condizioni dell’amata zia che lo hacresciuto, lo induce a tornare sul luogo del delitto e del diletto. In Italia la zia gli rivelerà qualcosa sul suo passato, e sui suoi natali, che cambieranno per sempre il corso della sua vita e, purtroppamente, anche quelli di tuttinoi. Cetto torna al comando e questa volta le conseguenze possono essere imponderabili.

Zombieland: Doppio Colpo - Secondo Trailer Ufficiale Italiano

Zombieland: Doppio Colpo

Secondo trailer ufficiale italiano di "Zombieland: Doppio Colpo", il sequel dell'omonimo film diretto ancora da Ruben Fleischer con Jesse Eisenberg, Woody Harrelson, Emma Stone, Abigail Breslin, Rosario Dawson, Zoey Deutch e Luke Wilson, al cinema dal 14 novembre.

Secondo Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Tra violenza, distruzione e situazioni comiche, che si diffondono dalla Casa Bianca al resto del Paese, i quattro protagonisti dovranno affrontare nuove forme di zombie, evolute rispetto al primo film, e incontreranno altri umani sopravvissuti. I quattro dovranno inoltre fronteggiare le crescenti difficoltà della loro irriverente quanto improvvisata famiglia.

venerdì 4 ottobre 2019

Festa Del Cinema Di Roma 2019 - Tutti I Film In Programma

Festa Cinema Roma 2019

Poche ore fa sono stati resi noti tutti i titoli che verranno presentati, tra qualche giorno, alla quattordicesima edizione della Festa Del Cinema di Roma: che, lo ricordiamo, si svolgerà dal 17 al 27 Ottobre all'Auditorium Parco Della Musica.
Di seguito l'elenco completo dei film.

Selezione Ufficiale:
438 DAGAR (438 DAYS) di Jesper Ganslandt
1982 di Oualid Mouaness
THE AERONAUTS di Tom Harper
ANTIGONE di Sophie Deraspe
DEUX (TWO OF US) di Filippo Meneghetti
DOWNTON ABBEY di Michael Engler
DROWNING di Melora Walters
THE FAREWELL di Lulu Wang
FÊTE DE FAMILLE: HAPPY BIRTHDAY di Cédric Kahn
HONEY BOY di Alma Har’el
HUSTLERS (LE RAGAZZE DI WALL STREET: BUSINESS IS BUSINESS) di Lorene Scafaria
THE IRISHMAN di Martin Scorsese’
JUDY di Rupert Goold
KOHTUNIK (YOUR HONOR) di Andres Puustusmaa
IL LADRO DI GIORNI di Guido Lombardi
LE MEILLEUR RESTE À VENIR di Matthieu Delaporte e Alexandre de La Patellière
MILITARY WIVES di Peter Cattaneo
MOTHERLESS BROOKLYN (MOTHERLESS BROOKLYN: I SEGRETI DI UNA CITTÀ) di Edward Norton (FILM DI APERTURA)
MYSTIFY: MICHAEL HUTCHENCE di Richard Lowenstein
NOMAD. IN THE FOOTSTEPS OF BRUCE CHATWIN di Werner Herzog
ON AIR di Manno Lanssens
PAVAROTTI di Ron Howard
REWIND di Sasha Joseph Neulinger
SANTA SUBITO di Alessandro Piva
RUN WITH THE HUNTED di John Swab
SCARY STORIES TO TELL IN THE DARK di André Øvredal
TANTAS ALMAS (VALLEY OF SOULS) di Nicolás Rincón Gille
TROIS JOURS ET UNE VIE di Nicolas Boukhrief
VRBA (WILLOW) di Milcho Manchevski
WAVES di Trey Edward Shults
WESTERN STARS di Thom Zimny e Bruce Springsteen
WHERE’S MY ROY COHN? di Matt Tyrnauer
YOUR MUM AND DAD di Klaartje Quirijns

Tutti Ne Parlano (film che arrivano alla Festa del Cinema di Roma dopo un sorprendente esordio internazionale):
LA BELLE ÉPOQUE di Nicolas Bedos
SHARE di Pippa Bianco
THE VAST OF NIGHT di Andrew Patterson

Gli Eventi Speciali:
CECCHI GORI: UNA FAMIGLIA ITALIANA di Simone Isola e Marco Spagnoli
VERY RALPH di Susan Lacy
ILLUMINATE: LAURA BIAGIOTTI di Maria Tilli
INTERDEPENDENCE
LUNAR CITY di Alessandra Bonavina
NEGRAMARO: L’ANIMA VISTA DA QUI di Gianluca Grandinetti
NICK DRAKE: SONGS IN A CONVERSATION di Giorgio Testi
TORNARE di Cristina Comencini (FILM DI CHIUSURA)
IL PECCATO di Andrei Konchalovsky
THE FANATIC di Fred Durst
PUPAZZI ALLA RISCOSSA: UGLYDOLLS di Kelly Asbury

1917 - Trailer Ufficiale Italiano

1917 Sam Mendes

Disponibile il trailer ufficiale italiano di "1917", il nuovo film di Sam Mendes con George Mackay, Dean-Charles Chapman, Mark Strong, Andrew Scott, Richard Madden, Claire Duburcq, Colin Firth e Benedict Cumberbatch, dal 23 gennaio al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Al culmine della prima guerra mondiale, due giovani soldati britannici, Schofield (George MacKay) e Blake (Dean-Charles Chapman) ricevono una missione apparentemente impossibile.
In una corsa contro il tempo, devono attraversare il territorio nemico e consegnare un messaggio che arresterà un attacco mortale contro centinaia di soldati, tra cui il fratello di Blake.

giovedì 3 ottobre 2019

L'Età Giovane - Trailer Ufficiale Italiano

L'Età Giovane Dardenne

Presentato il trailer ufficiale italiano di "L'Età Giovane", il film di Jean-Pierre e Luc Dardenne - vincitore della Miglior Regia all'ultimo Festival Di Cannes e presentato anche alla Festa Del Cinema Di Roma 2019 - con Idir Ben Addi, Olivier Bonnaud, Myriem Akheddiou, Victoria Bluck, Claire Bodson e Othmane Moumen, dal 31 Ottobre al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
In Belgio, ai giorni nostri, il destino del giovane Ahmed, 13 anni, combattuto tra gli ideali di purezza professati dal suo imam e i richiami della vita.

martedì 1 ottobre 2019

Birds Of Prey - Trailer Ufficiale Italiano


Presentato il trailer ufficiale italiano di "Birds Of Prey", il film diretto da Cathy Yan con Margot Robbie, Mary Elizabeth Winstead, Jurnee Smollett-Bell, Rosie Perez, Chris Messina ed Ewan McGregor, dal 6 febbraio al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Joker - La Recensione

Joker Phoenix
Una risata fuori luogo.
Una risata involontaria, che forza i lineamenti del viso, non segue l’espressione degli occhi, la situazione del contesto. Perché la risata di Arthur non è una risata sincera, non sempre almeno; è una risata che quando si scatena lascia le persone attonite, confuse e lui costretto a lasciare un bigliettino – simile a quelli da visita – di scuse, che lo giustifica in quanto malato mentale.
Non pericoloso, però.
Non ancora.

Devono accadere determinate cose, prima che Arthur diventi Joker. Prima che la pellicola scritta e diretta da Todd Phillips cominci ad avere a che fare con l’universo DC e con il reboot di Batman: tracciando quei collegamenti forzati e superficiali – se vogliamo – che questo “Joker” – che poteva benissimo chiamarsi “Arthur” – avrebbe tranquillamente potuto rifiutare, perdendo un pizzico di appeal magari, ma senza dover andare a modificare minimamente la sua struttura, le sue corde e i suoi intenti. La Gotham che vediamo infatti, così degradata, con il problema rifiuti in essere e il divario tra ricchi e poveri in costante ascesa, è il ritratto di una società che può risultarci estranea fino a un certo punto. È la proiezione futuristica ed estremizzata del nostro presente, che col mondo dei fumetti, se c’entra, lo fa involontariamente e non per desiderata fedeltà. Un ragionamento che va ad applicarsi anche alla figura dell’Arthur di Joaquin Phoenix (superbo, come al solito), quel futuro Joker che sempre questa società ha voluto relegare a ruolo di reietto, abbandonare, sfruttare, prendendosene gioco e invitandolo, inevitabilmente, a una disperazione che – e se facciamo attenzione, lo vediamo – può portare solamente a due conseguenze: il suicidio o la vendetta. Due scelte, a loro modo, drastiche e sulle quali Arthur pende e oscilla regolarmente, salvo buttarsi alla fine su quella che già conosciamo, per via di un corto circuito legato ancora – e guarda caso – al sistema che lo ha creato, leso e condannato (e che lui stesso, lucidamente, considera malato).

Joker PhillipsNon bisogna lasciarsi ingannare, insomma: il genere cinecomic abita da tutt’altro lato.
La pellicola di Phillips guarda maggiormente dalle parti di “Taxi Driver”, di “Re Per Una Notte” – dal quale prende in prestito Robert De Niro e un surrogato del suo personaggio – e tenta di ragionare in maniera (più) feroce e (più) brutale su come quelle personalità, quei casi limite, approccerebbero (e approcciano?) la realtà di oggi. Una realtà decisamente coi piedi meno saldati a terra, meno sana e per questo incapace di fornirci risposte o reazioni logiche e normali. Dove il Joker non è (più) un criminale con la maschera, non è l’anomalia, ma il Dio-simbolo di una rivoluzione alle porte che attendeva il pretesto e il suo leader per partire alla carica. Una rivoluzione che, però, non è costruttiva, non ha valori e né tantomeno morale, ma unicamente il bisogno di sfogare quella rabbia repressa mista a violenza, verso i Signori e verso il Potere (uno specchio della politica moderna).

Danza sul caos, allora, Arthur: su quello suo mentale e poi sul nostro, totale.

In una pellicola dove da ridere non c’è quasi nulla (e quando lo si fa la risata è caustica), dove il pessimismo è cosmico, e fa da padrone, e da cui, perciò, non si può che uscire piuttosto rigidi e agghiacciati.

E con il dubbio che, forse, una parvenza di ottimismo - pure striminzita - non avrebbe fatto male.

Trailer:

Gli Uomini D'Oro - Trailer Ufficiale

Gli Uomini D'Oro Alfieri

Disponibile il trailer ufficiale di "Gli Uomini D'Oro", il film diretto da Vincenzo Alfieri con Fabio De Luigi, Edoardo Leo, Giampaolo Morelli, Giuseppe Ragone, Mariela Garriga, Matilde Gioli, Susy Laude e Gian Marco Tognazzi, dal 7 novembre al cinema.

Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Torino, 1996. Luigi, impiegato postale con la passione per il lusso e le belle donne, ha sempre sognato la baby pensione e una vita in vacanza in Costa Rica. Quando il sogno si dissolve scopre di essere disposto a tutto, persino a rapinare il furgone portavalori che guida tutti i giorni, perché la svolta della vita è proprio lì, alle sue spalle e il confine fra l’impiegato modello e il criminale è veramente sottile. Anche se dovrà rinunciare ad Anna, la seducente ragazza incontrata in una notte sfrenata. Un colpo grosso, un piano perfetto. Niente armi. Niente sangue. Un disegno criminale per cui avrà bisogno dell’aiuto del suo migliore amico Luciano, ex postino quarantenne insoddisfatto, e soprattutto dell'ambiguo collega Alvise, tutto casa e famiglia e con una vita apparentemente senza scosse. Nella banda anche un ex pugile, il Lupo, tutto muscoli e poche parole, legato a Gina, una donna forse troppo bella e forte per lui, e a Boutique, un couturier d’alta moda con un’insospettabile doppia vita. Ma il crimine non è per tutti e per uomini qualunque – ciascuno con la voglia di intascarsi tutto il bottino - si rivela un gioco pericoloso. E una storia incredibilmente vera si trasforma in un rocambolesco e inestricabile noir metropolitano.

lunedì 30 settembre 2019

Gemini Man - La Recensione

Gemini Man Ang Lee
Il fascino della tecnologia.
Ci è affogato anche Ang Lee, uno di quelli sulla cui resistenza (e dominio) ci avrebbero puntato in molti. Affogato perché in “Vita Di Pi” e in “Billy Lynn: Un Giorno Da Eroe” la scelta di avvalersi di tale strumento aveva avuto senso e soprattutto (ap)pagava, cosa che smette di succedere, purtroppo, nel disordine e nella banalità di una storia come quella di “Gemini Man”.

Raddoppia Will Smith (con una nemesi ringiovanita di trent’anni), ritorna il 3D e i fotogrammi sono ancora 120 al secondo (come nel precedente film del regista e nonostante i cinema in grado di proiettare questo sistema siano contati).
Ma è ugualmente troppo poco per guadagnare la sufficienza, specie se ci si aggrappa a un canovaccio action talmente classico da risultare prevedibile, insipido e démodé all'interno del quale il più grande cecchino del mondo, appena andato in pensione, viene a scoprire che nel suo ultimo lavoro gli è stata fatta uccidere una persona innocente. Notizia che, una volta ricevuta, trasforma immediatamente lui nel nuovo target da eliminare, ma per farlo - in quanto migliore su piazza - serve assolutamente il talento di un killer che a tutti pare essere la sua copia sputata, ma più giovane. Quali saranno le conseguenze, i risvolti e come andrà a terminare tale conflitto, non c’è nemmeno bisogno di metterlo nero su bianco: dato che, i colpi di scena, non sono proprio il punto di forza di “Gemini Man”. Il problema è che la pellicola non può contare neppure sull'esperienza e l’estro del suo regista, che a quanto pare - e con enorme nostro stupore - si limita – come si usa dire oggi – solo ad accompagnare la narrazione: non salendo mai in cattedra tranne, forse, nella prima sequenza che vede lo Smith cinquantenne e il suo clone più acerbo, fare amicizia a colpi di inseguimenti, pistole e motociclette.

Gemini Man FilmL’impressione, allora, è che l’esperienza visiva e l’apporto digitale siano stati considerati come abbastanza; come il fiore all'occhiello di un prodotto che non aveva bisogno di nient’altro per affermare le sue qualità e imporsi sugli spettatori. Peccato che di esperienze del genere, negli ultimi anni, il cinema ne abbia regalate a valanga, spesso anche più sperimentali e spinte di quanto accada in questo frangente (e nessuna mai davvero convincente). Se, infatti, le tre dimensioni a 120 fotogrammi al secondo danno la sensazione di una fluidità ai limiti del reale, è vero pure che il contraccolpo è quello di uscire un po’ fuori da quello che è l’effetto-cinema abituale. Discorso simile, seppur differente, per quanto riguarda la moda di svecchiare gli attori al computer: che sfocia sempre – Disney/Marvel a parte – in quello spaesamento in cui ti ritrovi a domandarti se la resa è accettabile, oppure al pari di un videogioco di ultima generazione (e il ballottaggio, qui, è vinto indiscutibilmente dalla seconda opzione).

Continua, insomma, quella che da tempo – da queste parti – abbiamo rinominato come la maledizione di Will Smith. L’attore non riesce a smettere di rovinare tutto ciò che incontra, o comunque di selezionare copioni e progetti sbagliati o da rivedere. Speravamo che l’influenza di uno come Ang Lee potesse aiutarlo a uscire fuori da questo tunnel, ma – riprendendo un termine già utilizzato all'inizio – i fatti ci dicono che invece i due hanno finito per affogare insieme.

Trailer:

La Dea Fortuna - Trailer Ufficiale

La Dea Fortuna Film

Disponibile il trailer ufficiale di "La Dea Fortuna", il nuovo film di Ferzan Ozpetek con Stefano AccorsiEdoardo Leo Jasmine Trinca, dal 19 dicembre al cinema.

Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Arturo (Stefano Accorsi) e Alessandro (Edoardo Leo) sono una coppia da più di quindici anni. Nonostante la passione e l’amore si siano trasformati in un affetto importante, la loro relazione è in crisi da tempo. L'improvviso arrivo nelle loro vite di due bambini lasciatigli in custodia per qualche giorno da Annamaria (Jasmine Trinca), la migliore amica di Alessandro, potrebbe però dare un'insperata svolta alla loro stanca routine. La soluzione sarà un gesto folle. Ma d'altronde l'amore è uno stato di piacevole follia.

venerdì 27 settembre 2019

Ad Astra - La Recensione

Ad Astra Brad Pitt
Qualche giorno fa, commentando i risultati al box office americano del primo week-end, Brad Pitt – che di “Ad Astra” è anche produttore – dichiarò di non essere affatto preoccupato della partenza non a razzo del suo film; che non gli interessavano questi dati, perché la sua casa di produzione (la Plan B) nasceva proprio per non curarsi troppo del gioco dei profitti – che pure contano, sia chiaro – e dare spazio a opere capaci di poter restare nel tempo.
E a questo punto la domanda sorgeva spontanea: quella di Pitt era una risposta comoda, pronunciata per sviare la delusione di un’accoglienza tiepida, oppure “Ad Astra” è davvero un titolo di cui difficilmente ci scorderemo?

Sicuramente quella diretta da James Gray è una pellicola ambiziosa, che guarda (visivamente e non) ai modelli migliori del suo genere – non bisogna sforzarsi per intercettare i riferimenti a Kubrick, o a Cuarón, o a Nolan – e che ha il carattere di provare ad aggiungere qualcosa, se non a livello di contenuti perlomeno attraverso la sua modalità di narrazione. Il Roy McBride di Pitt, infatti, è un astronauta taciturno, introverso, eccellente nel suo lavoro, ma socialmente inadeguato e sofferente: tant’è che ha imparato a barcamenarsi - recitando la parte di quello a posto -  quando ha a che fare coi colleghi e a superare i test psicologici impartiti dal computer cui fa rapporto, descrivendo emozioni che capisce – e che dovrebbe aver sentito – pur non riuscendo mai a provarle direttamente sulla sua pelle. Un papabile soggetto affetto da sindrome di Asperger, sembrerebbe, eppure dietro a questo suo comportamento c’è semplicemente – e semplicemente si fa per dire – la ferita causata dalla scomparsa (e l’abbandono) prematura di un padre che certe pericolosissime onde d’urto - responsabili dei disastri che stanno colpendo anche il pianeta Terra - rischiano adesso di rimettere totalmente in discussione, chiamando lui a partire per un importantissimo viaggio top secret con destinazione Marte e, forse, oltre.

Ad Astra James GrayDiventa perciò una di quelle storie di padri e di figli, a un certo punto, “Ad Astra”, accomunati dalla solitudine e dalla tendenza di fuggire (e di restare?) nello spazio pur di non affrontare da vicino ciò che li attende sulla terra. Una storia fatta quindi di vuoti, di ricordi, di eredità e, soprattutto, di colpe, con la quale Grey anticipa di netto il suo protagonista ritrovando sé stesso e quella confidenza con la grandezza che nelle ultime uscite sembrava averlo abbandonato, o comunque volergli meno bene. Per più di un’ora la sua pellicola è un portento assoluto, non sbaglia una mossa, equilibrando alla perfezione il percorso interiore scavato da Pitt - con voce fuori campo - e quello spettacolare e ambiguo che ci catapulta nelle atmosfere intriganti e pericolose di uno spazio infinito, coloratissimo e del quale è impossibile prevedere natura. Peccato, allora, che quando arriva il turno di sciogliere i nodi, tirare le somme e prepararsi all’atterraggio, il regista diventi improvvisamente meno lucido e vada a perdere quota: sbagliando qualche scelta, sfilacciando il ritmo e cedendo il passo a una retorica superflua che sporca, un pochino, le prospettive e le aspirazioni di una creatura che, fino a quel momento, si era mostrata imponente e ammaliante.

Una creatura che, come sosteneva giustamente Pitt, nonostante certe indecisioni, ha abbastanza forza e valore per lasciare traccia; che, magari, non potrà piazzarsi nelle posizioni più alte di un'ipotetica classifica legata ai film di fantascienza, ma che decisamente merita di stare a ridosso, o in scia, delle migliori della classe.
Box-office stellare, o meno.

Trailer:

giovedì 26 settembre 2019

The Irishman - Trailer Ufficiale Italiano

The Irishman Scorsese

Sbarca online l'attesissimo trailer ufficiale (sottotitolato in italiano) di "The Irishman", il nuovo film di Martin Scorsese - che sarà presentato alla Festa Del Cinema Di Roma 2019 - con Robert De Niro, Al Pacino, Joe Pesci e Harvey Keitel, disponibile su Netflix dal prossimo 27 novembre (e nei cinema qualche giorno prima).

Trailer Ufficiale Italiano:

Sinossi (Ufficiale):
Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci sono i protagonisti di "The Irishman" di Martin Scorsese, una saga epica sulla criminalità organizzata nell'America del dopoguerra vista dagli occhi del reduce della Seconda guerra mondiale Frank Sheeran, imbroglione e sicario che ha lavorato al fianco di alcune delle figure più tristemente note del '900. Il film copre diversi decenni di uno dei maggiori misteri irrisolti della storia americana, la scomparsa del leggendario sindacalista Jimmy Hoffa, offrendo un viaggio grandioso attraverso i segreti del crimine organizzato, tra i suoi meccanismi interni, le rivalità e i legami con la politica.

mercoledì 25 settembre 2019

[HOME VIDEO] L’Aereo Più Pazzo Del Mondo - La Commedia Di Zucker-Abrahams-Zucker Per La Prima Volta In Alta Definizione

L’Aereo Più Pazzo Del Mondo Film

Per la prima volta in alta definizione arriva sul mercato home videoL’Aereo Più Pazzo Del Mondo”, la commedia demenziale scritta e diretta dalla premiata ditta Zucker-Abrahams-Zucker e diventata nel tempo un vero e proprio cult.

Parodia surreale della saga “Airport”, il film racconta la storia di Ted Striker, un reduce della guerra del Vietnam, rimasto scioccato da una particolare esperienza vissuta come pilota. Convinto di riconquistare la sua ex-ragazza Elaine – ora hostess di volo – però, Ted decide di mettere da parte le sue paure e di imbarcarsi su un volo diretto verso Chicago, ignaro che presto un grave incidente alimentare che coinvolgerà quasi tutti i passeggeri, gli farà prendere in mano la situazione chiedendogli una prova di coraggio.

L'umorismo è quello irresistibile composto da gag, giochi di parole ed estremismi. Una miscela vincente, promossa da pubblico e critica – anche se la critica ci è arrivata a scoppio ritardato – che ha consentito alla pellicola di essere inserita nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, e quindi considerata culturalmente, storicamente o esteticamente significativa. Un classico della comicità che potremmo definire intramontabile, che andrebbe visto di corsa da chi è riuscito a mancarlo fino a oggi - e se ne fate parte spiegateci come - e riscoperto in lingua originale, da chi abituato alla versione doppiata.

L’Aereo Più Pazzo Del Mondo Home Video

Il Blu-Ray, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 1,78:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 2.0 Stereo Dolby Digital: Italiano, Francese, Spagnolo, Tedesco, Giapponese - 5.1 DTS HD: Inglese
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco, Danese, Olandese, Norvegese, Finlandese, Svedese, Russo, Polacco, Portoghese
Contenuti Speciali: /
Durata: 86 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Paramount
Distributore Home Video: Universal
Data di Uscita: 11 Settembre 2019

Le Ragazze di Wall Street - Trailer Ufficiale Italiano

Le Ragazze di Wall Street Jennifer Lopez

Presentato il trailer ufficiale italiano di "Le Ragazze di Wall Street", il film diretto da Lorene Scafaria con Jennifer Lopez, Constance Wu, Julia Stiles, Keke Palmer, Lili Reinhart, Lizzo e Cardi B, al cinema dal 7 novembre.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Dopo il successo di "Ricomincio Da Me", Jennifer Lopez torna sul grande schermo affiancata da un cast d’eccezione tutto al femminile. Cardi B, Constance Wu, Lizzo e Lili Reinhart sono un gruppo di spregiudicate spogliarelliste di New York che, guidate da Jennifer Lopez, uniscono le forze per attuare un piano criminale in grande stile: derubare i loro clienti, per la maggior parte ricchi broker di Wall Street.Il film, basato su un'incredibile storia vera raccontata sul New York Magazine e diventata subito virale, è un avvincente mix di umorismo, spettacolo e crime.

Jesus Rolls: Quintana E' Tornato - Trailer Ufficiale Italiano

Jesus Rolls Quintana Poster

Disponibile il trailer ufficiale italiano di "Jesus Rolls: Quintana E' Tornato", il film diretto e interpretato da John Turturro - che riprende i panni del campione di bowling interpretato ne "Il Grande Lebowski dei fratelli Coen - "con Bobby Cannavale, Audrey Tautou, Susan Sarandon, Jon Hamm e Christopher Walken, al cinema dal 17 Ottobre.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
John Turturro
torna a vestire i panni di Jesus Quintana in una commedia irriverente in cui un trio di disadattati (John Turturro, Bobby Cannavale e Audrey Tautou) si troverà a fare i conti con un parrucchiere armato di pistola. Il loro viaggio si trasformerà presto in una fuga continua - dal folle parrucchiere, dalla legge e dalla società - durante la quale si svilupperà una particolare dinamica, che da amicizia accidentale evolverà in una storia d'amore fuori dagli stereotipi convenzionali...

martedì 24 settembre 2019

El Camino - Trailer Ufficiale Italiano

El Camino Breaking Bad

Da queste parti non stiamo più nella pelle, perché ormai manca poco all'11 Ottobre: il giorno in cui Netflix renderà disponibile "El Camino", il film di "Breaking Bad" con protagonista Aaron Paul (e forse, ma c'è molto riserbo a riguardo, Bryan Cranston), che ci riporterà nelle atmosfere e nelle ambientazioni della magnifica serie tv creata da Vince Gilligan, continuando la storia laddove l'avevamo lasciata.
Nel caso in cui non aveste ancora l'acquolina in bocca, potete premere play e gustarvi il trailer ufficiale (sottotitolato in italiano) che trovate qui sotto.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Aaron Paul ritorna nei panni di Jesse Pinkman in "El Camino: Il Film Di Breaking Bad", ambientato a partire da pochi istanti dopo l'episodio finale della serie Breaking Bad.

lunedì 23 settembre 2019

Ema - La Recensione

Ema Larrain
Si apre con un’inquadratura fissa su un semaforo in fiamme, il nuovo film di Pablo Larrain.
Un’immagine suggestiva, metaforica, che a primo impatto può dire poco o niente, forse, ma che a giochi fatti rappresenterà perfettamente l’istantanea del suo “Ema”.

Un titolo che prende il nome dalla ragazza protagonista, la quale - come un fuoco, appunto – tende a infiammare, a inglobare e – inevitabilmente – a bruciare (simbolicamente e non) tutto quello con cui (vuole) entra(re) in contatto. Un sottotesto che Larrain utilizza pure per andare a costruire le basi della trama: con questo bambino preso in adozione da Ema e da suo marito – con tendenze omosessuali risolte – Gastón, responsabile di aver dato fuoco alla zia e quindi restituito subito all'istituto. Una reazione istintiva che, tuttavia, Ema vorrebbe non aver mai compiuto ed è disposta a tutto pur di poterla annullare. Del resto glie lo comunica chiaro e tondo la donna dei servizi sociali: lei e il marito devono pensare a ballare, a fare quelle coreografie di gruppo che spesso entrano in scena e catalizzano la nostra attenzione, ipnotizzandoci visivamente; perché nessuno dei due è in grado di fare il genitore, a meno che non si tratti di dover badare a un bambolotto inanimato. Ed è da queste parole, allora, che “Ema” comincia a divampare, ad animarsi, a sciorinare oscure mosse che scopriremo essere parti di un piano di vendetta (ma più contro un sistema che contro qualcuno) che sarà complesso e spiazzante, tanto quanto (ci) apparirà, infine, naturale e sostenibile (e, magari, innovativo).

Ema di GirolamoIl Larrain che non ti aspetti, insomma.
Un Larrain che apre le porte al (discutibile) reggaeton, a una musica che tutti quanti ci troviamo d’accordo con Gael García Bernal quando – nell'ennesima discussione tira e molla con sua moglie – la demolisce, la rifiuta, battezzandola - nervosissimo - buona solo per il carcere. Ma una musica, anche, che quando scorre sul corpo e sul volto della magnetica Mariana di Girolamo – inquadrata sempre da vicino, a volte strettissima, dal regista – è come se riuscisse a perdere quel senso di repulsione, a rinascere sotto una forma tutta nuova, accettabile, digeribile. Che è un po’ quello che succede alle regole, alla realtà e ai suoi meccanismi costretti a piegarsi ogni qual volta che Ema decida di calpestarli, di passarci sopra, di infliggergli quel male che lei stessa, a un certo punto, ammette pubblicamente di essere. Una donna giovane, bella, sensuale, scaltra: la manipolatrice per eccellenza. Supportata da un corpo di ballo – paragonabile a una scorta – che amplifica spudoratamente quel girl power e quel travolgimento di cui è già sana e consapevole portatrice.

Perciò, una volta rimessi a posto tutti i pezzi; una volta rifatto ordine in quel caos che, per indole, Ema è condannata a generare, ecco che ci ritroviamo a osservare un mondo ai limiti del sinistro, assurdo, un mondo in cui, di sicuro, molti di noi dovrebbero imparare a vivere quasi da zero. Colpa di un fuoco che – come ha fatto con quel semaforo – passando ha preteso di cambiare le regole, di ardere ciò che non tollerava, vincolando(ci) a un adattamento imprevisto, senza alcuna chance di negoziazione.
E non risparmiando nemmeno Larrain e il suo cinema.

Trailer:

Frozen 2: Il Segreto Di Arendelle - Nuovo Trailer Ufficiale Italiano

Frozen 2: Il Segreto Di Arendelle Poster

Nuovo trailer ufficiale italiano per "Frozen 2: Il Segreto Di Arendelle", il film diretto da Chris Buck e Jennifer Lee - sequel dell'omonimo film del 2013 - con le voci - in originale - di Idina Menzel, Kristen Bell e Josh Gad, dal 27 novembre al cinema.

Nuovo Trailer Ufficiale Italiano:

Sinossi (Ufficiale):
Elsa, Anna, Kristoff, Olaf e Sven affronteranno una nuova sfida che li metterà sulle tracce di un incredibile segreto da svelare. Sono trascorsi 3 anni dagli eventi di "Frozen: Il Regno Di Ghiaccio" e Arendelle sembra aver ritrovato la pace. Elsa ha ormai imparato a governare i suoi straordinari poteri, mentre Anna è felice di aver trovato in Kristoff l'amore che tanto sognava. Tuttavia, la tranquillità del regno è destinata a essere turbata da una nuova minaccia proveniente dal passato. Mentre le due sorelle, Olaf, Kristoff e l'alce Sven stanno giocando, Elsa viene improvvisamente distratta da un canto misterioso che proviene dalla foresta e che solo lei riesce a sentire. Decide di ritirarsi nella sua stanza per riposare, ma Anna, preoccupata per il suo strano comportamento, la raggiunge rassicurandola con la dolce ninna nanna che la madre, la regina Irada, cantava loro quando erano bambine. Ma quella voce angelica che non smette di tormentarla, finisce per risvegliare in lei poteri legati ad alcuni spiriti incantati, gli stessi con cui suo padre si era confrontato molti anni prima durante una battaglia nella foresta. Quando tutti gli elementi (fuoco, acqua, vento e terra) si abbattono sulla città di Arendelle, Elsa e i suoi compagni d'avventura decidono di dirigersi a nord, verso un nuovo regno dove domina l’autunno, per scoprire la causa della morte dei suoi genitori e l'origine del suo incredibile dono

giovedì 19 settembre 2019

Non Succede...Ma Se Succede - Trailer Ufficiale Italiano

Non Succede...Ma Se Succede Theron

Presentato il trailer ufficiale italiano di "Non Succede...Ma Se Succede", il film diretto da Jonathan Levine (qui la recensione) con Charlize Theron, Seth Rogen, O'Shea Jackson Jr., Andy Serkis, June Diane Raphael, Ravi Patel, Bob Odenkirk e Alexander Skarsgard, dal 10 ottobre al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Charlotte è un autorevole Segretario di Stato con un talento per …come dire, quasi tutto! Fred Flarsky è un bravo giornalista dallo spirito libero con una spiccata propensione a cacciarsi nei guai. Non hanno niente in comune, a parte il fatto che lei è stata la sua babysitter e la sua prima cotta. Quando Fred inaspettatamente riallaccia i rapporti con Charlotte, la conquista con la sua autoironia e con i ricordi dell’idealismo che caratterizzava Charlotte da ragazza. Charlotte sta preparando la sua corsa alla presidenza e in modo impulsivo decide di assumere Fred per scrivere i suoi discorsi elettorali, con grande disappunto dei suoi fidati collaboratori. Un pesce fuor d’acqua nel prestigioso team di Charlotte, Fred non è preparato al glamour della vita che lei conduce sotto i riflettori. Comunque, fanno faville, in quanto la loro inequivocabile intesa porta ad una storia d’amore in giro per il mondo e ad una serie di incidenti inattesi quanto pericolosi.

Anne Frank: Vite Parallele - Trailer Ufficiale Italiano

Anne Frank: Vite Parallele Mirren

Disponibile il trailer di "Anne Frank: Vite Parallele", il film scritto e diretto da Sabina Fedeli e Anna Migotto che ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne, conducendoci nei campi di concentramento attraverso la storia di 5 donne che, da bambine e adolescenti, sono state deportate, ma sono sopravvissute alla Shoah.
Il film, che ha come guida di eccezione l'attrice Helen Mirren, uscirà nelle sale l’11, 12 e 13 novembre.

Trailer Ufficiale Italiano:

Sinossi (Ufficiale):
Come sarebbe stata la vita di Anne Frank se avesse potuto vivere dopo Auschwitz e Bergen Belsen? Cosa ne sarebbe stato dei suoi desideri, delle speranze di cui scriveva nei suoi diari? Cosa ci avrebbe raccontato della persecuzione, dei campi di concentramento? Come avrebbe interpretato la realtà attuale, il rinascente antisemitismo, i nuovi razzismi? Certo è che, ancora oggi, Anne resta un punto di riferimento, uno specchio attraverso cui i ragazzi imparano a guardare il mondo e a farsi delle domande. Anne scriveva di sé, di ciò che accadeva nell'Europa in fiamme, del Nazismo. E per confidare le sue paure e le sue riflessioni inventa un'amica immaginaria: Kitty.

martedì 17 settembre 2019

Jojo Rabbit - Trailer Ufficiale Italiano

Jojo Rabbit Poster

Disponibile il trailer ufficiale italiano di "Jojo Rabbit", il film diretto da Taika Waititi  - vincitore del premio del pubblico al Toronto Film Festival 2019 e titolo d'apertura del Torino Film Festival 2019 - con Roman Griffin Davis, Thomasin McKenzie, Taika Waititi, Scarlett Johansson, Sam Rockwell, Rebel Wilson, Alfie Allen e Stephen Merchant, dal 23 gennaio al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Protagonista è un bambino tedesco di nome Jojo Betzler (Roman Griffin Davis) e soprannominato "Rabbit", appartenente alla Gioventù hitleriana durante i violenti anni della Seconda guerra mondiale.La sua visione nazista del mondo cambia completamente quando scopre che sua madre (Scarlett Johansson) nasconde in soffitta una ragazza ebrea (Thomasin McKenzie). Da questo momento in poi Jojo dovrà fare i conti con i dubbi sorti riguardo il nazionalismo e in questo dissidio interiore verrà aiutato soltanto dal suo amico immaginario, una versione idiota e caricaturale di Adolf Hitler (Taika Waititi).

lunedì 16 settembre 2019

Yesterday - La Recensione

Yesterday Film
Cosa succederebbe se, per un motivo qualsiasi, facciamo un blackout, il mondo perdesse alcuni dei suoi dati? Succede spesso con gli hard disk, con gli apparati elettronici muniti di schede di memoria: un imprevisto, un errore di sistema e come per magia, di certi file, di certe foto, di certi ricordi non rimane nulla, il vuoto assoluto. Partendo, forse, da questa intuizione (o forse no), lo sceneggiatore Richard Curtis si è chiesto, quindi, cosa potrebbe accadere se a finire nel dimenticatoio, disgraziatamente, fossero i Beatles: se la loro musica e le loro canzoni scomparissero per sempre e completamente, restando nella testa solo di un aspirante cantante che non ce la fa a sfondare.

È un canovaccio brillante e vivace, allora, quello che fa da spalla a “Yesterday”, un canovaccio elastico, poliedrico, che – come qualcuno ha correttamente fatto notare – poteva essere cantato e arrangiato in due modalità antitetiche: ragionando seriamente sull'importanza dei Beatles e sull'eredità che (ci) hanno lasciato, oppure attraverso la strada della leggerezza, dei ritmi scanzonati e dei testi convenzionali, tipici del pop. Ora, nonostante la prima opzione sarebbe stata l’ideale e avrebbe dato vita a una pellicola di tutt'altro spessore, il copione che Curtis consegna nelle mani di Danny Boyle prevede che a prevalere debba essere la seconda, con il conflitto tra amore e successo che colpisce il protagonista, non appena la fama comincia a tallonarlo per quelle canzoni meravigliose che fanno sciogliere il mondo intero. Eppure non è un passo falso come a orecchio rischia di suonare, quello commesso dal duo, perché la commedia romantica che ne viene fuori, al netto della generosità di zucchero, scalda il cuore e strappa sorrisi – non è solo il gruppo di Liverpool a svanire, c’è dell’altro – compiendo in forma assai più epidermica, ma incisiva, anche quel discorso legato all'importanza di quei pezzi – e di una band - che hanno contribuito a scrivere la Storia della musica.

Yesterday CurtisLe soddisfazioni migliori di “Yesterday”, tuttavia, arrivano dal contorno; dal quel mondo simile al nostro, ma diverso, da cui ogni volta l’immaginazione di Curtis è in grado di cavare un personaggio, un monologo o una scena che ti restano addosso, scolpiti a fondo. In questo caso, probabilmente, l’apice è raggiunto da una trovata che vede Jack – il protagonista – incontrare una persona molto speciale, capace di rimetterlo in riga e di fissare l’ordine delle priorità – sue, ma di chiunque, alla fine – da (in)seguire. Si tratta di una scena che, a pensarci bene, stava lì a portata di mano, ma che allo stesso tempo (ci) appare assurda e inverosimile; una scena cruciale, perché fa (non) prendere al film una piega specifica, indirizzandolo verso una conclusione prevedibile (sentimentalmente), ma per determinati aspetti pure malinconica, audace e spiazzante.
Il resto, invece, è ordinaria amministrazione. Ma di quell'ordinaria che però sa quasi di straordinario, se consideriamo la qualità dei tempi, delle virgole e dei puntini messi nero su bianco da un direttore d’orchestra che praticamente è una garanzia: capace di far cadere in secondo piano persino un Boyle inspiegabilmente (o volontariamente?) sottotono, autore di una regia in cui passa inosservato.

Così, quando a trionfare – e piuttosto facilmente – sono l’amore, la condivisione e la sincerità, non fai troppo caso alla retorica – che comunque resta controllata – pensi più che non poteva essere altrimenti, che non avresti saputo fare (o accettare) di meglio. Che dentro quel mondo – quello di Richard Curtis – sarebbe bello se un giorno ti ci svegliassi anche tu, fa niente se per colpa di un blackout o di un errore a piacere.

Trailer:

domenica 15 settembre 2019

Le Mans '66: La Grande Sfida - Trailer Ufficiale Italiano

Le Mans '66 Film

Disponibile il trailer ufficiale italiano di "Le Mans '66: La Grande Sfida", il film diretto da James Mangold con Christian Bale, Matt Damon, Jon Bernthal, Caitriona Balfe, Remo Girone, Noah Jupe e Paul Sparks, al cinema dal 14 novembre.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
La pellicola si basa sull'incredibile storia vera del visionario designer di automobili Carroll Shelby (Damon) e dell’intrepido pilota britannico Ken Miles (Bale), che insieme si batterono contro l’interferenza delle corporation, le leggi della fisica e i loro demoni personali per costruire una rivoluzionaria auto da corsa per la Ford Motor Company e sfidare le imbattibili auto di Enzo Ferrari alla 24ore di Le Mans in Francia nel 1966.I vincitori dell’Oscar Matt Damon e Christian Bale sono i protagonisti di FORD v FERRARI, basata sulla incredibile storia vera del visionario designer di automobili Carroll Shelby e dell’intrepido pilota britannico Ken Miles, che insieme si batterono contro l’interferenza delle corporation, le leggi della fisica e i loro demoni personali per costruire una rivoluzionaria auto da corsa per la Ford Motor Company e sfidare le imbattibili auto di Enzo Ferrari alla 24ore di Le Mans in Francia nel 1966.

venerdì 13 settembre 2019

[HOME VIDEO] Stanlio & Ollio - Il Duo Comico Più Celebre Della Storia Del Cinema Rivive In Blu-Ray

Stanlio & Ollio Coogan Reilly

Uscirà in home video il 19 settembre “Stanlio & Ollio”, il film diretto da Jon S. Baird con John C. Reilly e Steve Coogan nei panni del duo comico più celebre della storia del cinema. Un tributo esemplare e toccante che indaga anche (e in gran parte) sulle vite private dei due uomini, tutt'altro che semplici e leggere come lo il grande schermo amava suggerire.

Ce li presentano inizialmente, infatti, quando sono ancora sulla cresta dell’onda, all'apice del loro successo, ma si tratta di un attimo, di una sorta di prologo, perché una volta poste le basi, la pellicola fa un balzo avanti e ci mostra la coppia – a inizio anni ’50 – alle prese con una tournée teatrale che dovrebbe servire a rilanciarli nel cinema e che, in sostanza, ne decreterà invece la definitiva uscita dalle scene.

Si concentra, dunque, su una profonda relazione che è quasi paragonabile a un matrimonio, “Stanlio & Ollio”. Lo fa con sincerità, con tenerezza, mettendoci dentro quei diverbi e quelle cicatrici che all'interno di una carriera enorme, che praticamente vale una vita, esistono e non devono mancare. I due attori, dal canto loro, sono eccezionali, tali e quali: capaci di farci rivivere non solo il mito che raccontano, ma pure le emozioni intime di un’amicizia incredibile che resta scolpita nel cuore.

Stanlio & Ollio Home Video

Il Blu-Ray, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,35:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano, Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Il Film; Dietro Le Quinte; Il Trucco; Trailer
Durata: 94 minuti
Confezione: Amaray
Produttore: Lucky Red
Distributore Home Video: Koch Media
Data di Uscita: 19 Settembre 2019

Le Verità - Trailer Ufficiale Italiano

Le Verità Kore-Eda Hirokazu

Presentato il trailer ufficiale italiano di "Le Verità", il film diretto da Kore-Eda Hirokazu - in Concorso alla 76. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia - con Catherine Deneuve, Juliette Binoche e Ethan Hawke, dal 10 Ottobre al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Fabienne (Catherine Deneuve) è una star del cinema francese circondata da uomini che la adorano e la ammirano. Quando pubblica la sua autobiografia, la figlia Lumir (Juliette Binoche) torna a Parigi da New York con marito (Ethan Hawke) e figlia. L’incontro tra madre e figlia si trasformerà velocemente in un confronto: le verità verranno a galla, i conti saranno sistemati, gli amori e i risentimenti confessati.

[HOME VIDEO] Godzilla II: King of the Monsters - Lo Scontro Più Spettacolare Dell'Anno Sbarca In Home Video

Godzilla II Film

Dal prossimo 19 settembre si appresta a entrare nelle vostre case (nelle versioni 4K Ultra HD, Blu-Ray, DVD e streaming legale) “Godzilla II: King of the Monsters”: il sequel del film uscito nel 2014 – diretto da Gareth Edwards – affidato alla regia di Michael Dougherty e interpretato, tra gli altri, da Kyle Chandler, Vera Farmiga, Millie Bobby Brown, Ken Watanabe e Sally Hawkins. Si tratta del terzo titolo appartenente al monsterverse promosso dalla collaborazione di Warner Bros. e Legendary Pictures, la stessa che a breve ci regalerà – nel 2020, pare – anche il super-crossover Godzilla vs. Kong”.

In questo grande ritorno, il celebre kaijū del cinema giapponese, dovrà prepararsi a tenere testa a Mothra, Rodan e al mostro a tre teste King Ghidorah: tre avversari decisamente alla sua altezza che, risvegliati dal sonno, combatteranno tra loro per stabilire a chi spetta il ruolo di Re. Il campo di battaglia, neanche a dirlo, sarà il nostro pianeta Terra: con la squadra di un’agenzia cripto-zoologica che proverà a fare il possibile per sistemare gli errori commessi e sostenere un Godzilla mai così in difficoltà.

La sfida è chiaramente quella di superare i limiti calcati fino ad ora; di gonfiare lo spettacolo; di stupire il pubblico ponendolo al cospetto di creature gigantesche, infuriate e spaventose. Una sfida che la pellicola vince indubbiamente a mani basse, magari lesinando qualcosina in sceneggiatura, ma recuperando terreno a falcate con l'impiego di smodati effetti speciali. “Godzilla II: King of the Monsters” incarna a pieno, infatti, il significato di blockbuster moderno: lo fa suo, lo sposa incondizionatamente, spingendo la concorrenza interessata a stare al passo e a controbattere, a rimboccarsi le maniche, escogitando l’impossibile.

Godzilla II: King of the Monsters 4K

Il Blu-Ray UltraHD 4K, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 2
Formato Video: Ultra HD 4K Dolby Vision
Tracce Audio: 5.1 Dolby Digital: Italiano, Inglese, Tedesco, Polacco, Spagnolo - Dolby TrueHD Atmos: Italiano, Inglese, Tedesco
Sottotitoli: Italiano Non Udenti, Inglese Non Udenti, Tedesco Non Udenti, Svedese, Spagnolo, Polacco, Norvegese, Finlandese, Danese
Contenuti Speciali: Welcome To The Monsterverse; Godzilla 2.0; Mothra: Queen Of The Monsters; Scene Eliminate; Commento Del Regista Michael Dougherty, Del Produttore Esecutivo Zach Shields E Dell'Attore O'Shea Jackson Jr.
Durata: 131 minuti
Confezione: Slipcover
Produttore: Warner
Distributore Home Video: Warner Home Video
Data di Uscita: 19 Settembre 2019