IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

giovedì 22 febbraio 2018

[HOME VIDEO] Ammore e Malavita - La Riscossa Inaspettata Dei Manetti Bros.

Ammore e Malavita Film

Fresco fresco delle 15 candidature ricevute ai prossimi David di Donatello e della calorosa accoglienza - ricca di critiche positive - raccolta in concorso all’ultimo Festival di Venezia, il nuovo film dei Manetti Bros., “Ammore e Malavita”, sbarca finalmente in home video nelle sue edizioni Blu-Ray Disc e DVD.

La storia – tutta napoletana - è quella romantica di Ciro (Giampaolo Morelli) e Fatima (Serena Rossi), ex fidanzati che si rincontrano casualmente, dopo anni, a causa di un boss della malavita per cui Ciro svolge il lavoro sporco e che adesso sta cercando, tramite uno scambio di persona, di far credere a tutti di essere morto. Un piano perfetto, che rischia però di andare in frantumi quando Fatima - semplice infermiera - in ospedale si accorge dell’inganno, mettendo Ciro nella difficile posizione di scegliere se uccidere la donna della sua vita, oppure tradire chi l’ha accolto come un figlio, togliendolo dalla strada.

Azione, umorismo, musical, “Ammore e Malavita” è un mix di generi ben amalgamato che i fratelli Manetti, proprio attraverso il loro inconfondibile stile, riescono ad esaltare con canzoni pop, battute e scelte di sceneggiatura che vanno ad attingere dal miglior cinema internazionale, masticandolo e rielaborandolo all’occorrenza. Un cinema italiano lontano dagli standard, quindi, scanzonato e libero di osare e che, proprio per questo, centra l’obiettivo lasciandosi voler bene, anche per via di una percepibile sincerità di fondo.

Ammore e Malavita Home Video

Il Blu-Ray prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1 (2 nella versione speciale, con CD musicale)
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano
Sottotitoli: Italiano Non Udenti, Inglese
Contenuti Speciali: Backstage, Trailer, Scene Eliminate
Durata: 139 minuti ca.
Confezione: Slipcase
Produttore: 01 Home Entertainment
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 1 Febbraio 2018

Trailer:

mercoledì 21 febbraio 2018

[HOME VIDEO] Miss Sloane: Giochi Di Potere - John Madden Dirige Una Gigantesca Jessica Chastain

Miss Sloane: Giochi Di Potere Madden

È stato uno dei thriller politici più solidi visti lo scorso anno “Miss Sloane: Giochi Di Potere”, il film diretto da John Madden con una gigantesca Jessica Chastain nei panni di una lobbista implacabile, disposta a camminare sopra tutti e sopra a tutto pur di raggiungere il suo obiettivo e far approvare una discutibile legge sull'uso delle armi, in America. Un film apparentemente dedicato a quella fetta di pubblico appassionata alla materia, agli aspetti tecnici che gli girano attorno, ma che, non appena stende le basi necessarie al suo tessuto narrativo, sa incalzare il ritmo, arrivando praticamente ad affermarsi come ottimo prodotto d’intrattenimento a raggio trasversale (clicca qui per la recensione integrale).

Dal 18 gennaio 2018 “Miss Sloane: Giochi Di Potere” è disponibile sul mercato home video nei formati DVD e Blu-Ray Disc, in quest'ultimo caso nella sua edizione in custodia amaray, accompagnata da slipcase e arricchita dal contenuto extra di due interviste dedicate alla protagonista Jessica Chastain e al regista John Madden.

Miss Sloane: Giochi Di Potere Blu-Ray

Il Blu-Ray prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Trailer, Interviste a Jessica Chastain e John Madden
Durata: 132 minuti ca.
Confezione: Slipcase
Produttore: Leone Film Group
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 18 Gennaio 2018

Trailer:

[HOME VIDEO] Chi M'Ha Visto - In Home Video Il Film Con Beppe Fiorello e Pierfrancesco Favino

Chi M'Ha Visto Pierfrancesco Favino

Disponibile in DVD e Blu-Ray Disc l’esilarante commedia, “Chi M’Ha Visto”, l’opera prima di Alessandro Pondi, ambientata nel paesino di Ginosa, in Puglia, dove Martino Piccione, un chitarrista affermato e punto di riferimento di grandi artisti italiani, per racimolare il successo necessario a sfondare come solista, decide di sparire completamente dalla circolazione, con la speranza che il mistero possa attirare l’attenzione della gente, delle televisioni e dei giornali, ponendo finalmente luce sul suo indiscusso e sottovalutato talento.

Una storia divertente, ben interpretata dai suoi protagonisti Beppe Fiorello e Pierfrancesco Favino (ottimo mattatore), che riesce a farsi, a tratti, anche seria, quando sceglie di andare a toccare i temi di una società (la nostra) sempre più superficiale e dedita all'apparenza e alla popolarità (clicca qui per la recensione integrale).
Nella versione home video, oltre al film, è disponibile anche un backstage dedicato alla sua realizzazione.
Chi M'Ha Visto Blu-Ray

Il Blu-Ray prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 1,78:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano
Sottotitoli: Italiano Non Udenti
Contenuti Speciali: Backstage, Trailer
Durata: 109 minuti ca.
Confezione: Slipcase
Produttore: 01 Home Entertainment
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 1 Febbraio 2018

Trailer:

martedì 20 febbraio 2018

Muse - Teaser Trailer Ufficiale Italiano

Muse Film Horror

Rilasciato il teaser trailer ufficiale italiano di "Muse", il nuovo film di Jaume Balagueró con Franka Potente, Joanne Whalley, Ana Ularu, Leonor Watling, Elliot Cowan e Manuela Vellés, al cinema dal 14 Giugno 2018.

Teaser Trailer Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Dopo la morte della moglie il professor Salomon è tormentato da un incubo ricorrente: una sconosciuta uccisa in un oscuro rituale. Il suo incubo diventa realtà quando il corpo della donna viene ritrovato nelle stesse circostanze. Per scoprire la verità Salomon entrerà in un mondo misterioso, governato da entità bellissime e terrificanti: le Muse.

The Disaster Artist - La Recensione

The Disaster Artist Film
A vederlo “The Room” non sembra affatto il peggior film mai realizzato al cinema. Certo, è molto brutto ed estraneo ad ogni minima preparazione o regola cinematografica di base, ma da qui a conseguire un record del genere, a suo modo importante, diciamo che ce ne passa. Quello che traspare però - e fortissimo - guardando (tutta) la storia scritta da Tommy Wiseau – che è apertamente ispirata alla sua vita personale - è quanto l’uomo (non tanto l’artista) si sia sentito ad un certo punto della sua vita emarginato, solo - come ripete spesso nelle sue battute - tradito (dal mondo).

Ed è questo, fondamentalmente, l’aspetto che deve aver interessato di più a James Franco quando ha deciso di entrare (perfettamente) nei suoi panni e dirigere un’opera che andasse a scavare più a fondo, un’opera che raccontasse il Wiseau più intimo, già ferito e chiuso, e il suo (conflittuale) rapporto con gli altri (in particolare col suo migliore amico e coinquilino Greg Sestero: scrittore del libro da cui sono tratti gli aneddoti qui narrati). Parliamo di una persona inconfondibile, non mimetizzabile tra la folla; una persona che - nel suo tentativo di voler sfondare nel mondo del cinema, di riscattarsi – quando gli andava bene, anziché ricevere risa e insulti per le sue interpretazioni, portava a casa il consiglio di provare a cimentarsi con i villain: del resto erano in molti a soprannominarlo “il Vampiro” o “il figlio di Frankenstein”, per come andava in giro e amava vestirsi. Peccato che, per sé stesso, Wiseau non vedeva altro che ruoli positivi, sensibili e intorno a sé non riusciva a percepire altro che incomprensione, tanto da ribellarsi al sistema hollywoodiano che continuava a scartarlo, reinventandosi produttore e scrivendo su due piedi una sceneggiatura (infantile) che - nella sua testa almeno - avrebbe dovuto smentire tutti, consegnandogli il successo e la fama che meritava.
Nasce così allora il famoso (ormai) “The Room”, così e con un budget di circa sei milioni di dollari che Wiseau ha tirato fuori di tasca propria attingendo da un fondo - a quanto pare, senza fondo - di cui nessuno ancora oggi sa nulla, allo stesso modo di come non si sa nulla nemmeno del suo reale luogo di provenienza (ripete New Orleans, nonostante un accento che lo smentisca sul colpo). Un progetto nato quindi di prepotenza, portato avanti con ignoranza e gestito con l’arroganza di chi - senza sapere davvero di cosa stesse parlando – non aveva vergogna a paragonarsi a Kubrick o a Hitchcook.

The Disaster Artist FilmNon poteva che venir fuori una commedia, pertanto, da “The Disaster Artist”, una di quelle in cui si ride molto, in qualche occasione anche di gusto, e dove la personalità di Wiseau sale in cattedra rendendo chiarissimo il prologo di attori e registi famosi, intervistati, che non fanno altro che ripetere quanto gli sarebbe piaciuto vivere l’atmosfera di un set (peraltro meno facile del previsto) come quello. Eppure c’è dell’altro. Sepolto, neppure troppo a fondo, nel terreno comico della pellicola infatti Franco inserisce una serie di riflessioni, per nulla scontate, relative al rapporto tra successo e talento e ai principi che, di fatto, comandano all'interno di quell'industria – appunto – chiamata Cinema. Quesiti che, considerando la cassa di risonanza, la gestazione e il percorso di “The Room” e, infine, il destino del suo autore, vanno per forza di cose a scontrarsi con le massime della logica e del buon senso, stravincendo, tuttavia, la partita e ribaltando ogni pronostico.

Oggi, del resto, Wiseau non è un premio Oscar come avrebbe voluto (e creduto), ma il suo denaro, la sua superbia e una grande dose di fortuna – se la vogliamo chiamare in questo modo – lo hanno portato ad essere comunque la star che – diversamente - sognava di diventare. Ha comunicato al mondo intero la sua sofferenza, il suo dolore, colmando quel bisogno di affermarsi (ed essere?) brava persona che, altrimenti, sarebbe rimasto incompreso e lo avrebbe torturato, forse, per sempre. Si è reinventato autore (s)cult; la Storia Americana che lo ossessionava e voleva realizzare, arrivando a calcare, seppur con ritardo, quei tappeti rossi e quelle cerimonie di premiazione che sentiva di meritare di diritto.
Insomma, ridendo e scherzando, alla fine Wiseau non era esattamente un pazzo scatenato.

Trailer:

lunedì 19 febbraio 2018

Vengo Anch'Io - Trailer Ufficiale

Vengo Anch'Io Nuzzo Di Biase

Disponibile il trailer ufficiale di "Vengo Anch'Io", il film di e con Maria Di Biase e Corrado Nuzzo, con Gabriele Dentoni e Cristel Caccetta, al cinema dall'8 Marzo.

Trailer Ufficiale:


Sinossi (Ufficiale):
Questa è la storia di un aspirante suicida, di un’ex carcerata, di un ragazzo con la sindrome di Asperger e di una giovane atleta salentina. Bastonati dalla vita, e stanchi di mettersi in gioco perché oramai assuefatti alla sconfitta, per uno strano scherzo del destino saranno costretti a intraprendere un viaggio insieme che li porterà a confrontarsi con il proprio passato, a lottare con i propri demoni e a uscire dalle proprie solitudini. Una banale gara di canottaggio amatoriale li renderà un gruppo coeso, desideroso di un riscatto a tutti i costi. Per vincere bareranno e perderanno in malo modo, ma non sarà una vera sconfitta, perché intanto scopriranno di essere diventati una famiglia che è in grado di trasformare in successo la somma delle loro sconfitte individuali. Una singolare, eccentrica, ma invidiabile famiglia che tutti vorremmo avere come vicini di casa.

Metti La Nonna In Freezer - Trailer Ufficiale

Metti La Nonna In Freezer De Luigi

Presentato il trailer ufficiale di "Metti La Nonna In Freezer", il film diretto da Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, con Fabio De Luigi, Miriam Leone, Lucia Ocone, Marina Rocco, Eros Pagni e Barbara Bouchet, in sala dal 15 Marzo.

Trailer Ufficiale:


Sinossi: (Ufficiale)
Il più incorruttibile e maldestro dei finanzieri, Simone Recchia (Fabio De Luigi), si innamora perdutamente di Claudia (Miriam Leone), una giovane restauratrice che vive grazie alla pensione della nonna (Barbara Bouchet). Quando la nonna improvvisamente muore, per evitare la bancarotta, Claudia, con la complicità delle sue amiche (Lucia Ocone e Marina Rocco), pianifica una truffa per continuare ad incassare la pensione…

venerdì 16 febbraio 2018

Dark Night - La Recensione

Dark Night Sutton
Era il 2012 quando alla prima di “The Dark Knight Rises”, ad Aurora, in Colorado, un ragazzo armato fece irruzione in una sala cinematografica sparando agli spettatori: causando un bilancio tragico di 12 morti e 70 feriti. Tuttavia, a distanza di sei anni da quella drammatica data, non sembra che – e sono notizie di questi giorni – in America la situazione in merito alle armi e alla facilità di procurarsele – specialmente per chi dovrebbe starne alla larga o per chi è mentalmente instabile – sia cambiata in maniera considerevole, e a confermarlo sono gli episodi sempre meno sporadici che accadono nelle scuole, nelle chiese e in altri luoghi sociali, di ritrovo.

Quello di Tim Sutton, allora, sebbene prenda spunto nel nome dall'ultimo capitolo del Batman di Nolan, in realtà, pur facendo libero riferimento a quell'episodio, è praticamente un prodotto a metà tra fiction e mockumentary volto a imbastire una riflessione profonda e quasi viscerale sul rapporto d’attrazione che c’è tra gli americani e le armi. Lo fa seguendo la vita di sei persone – assassino compreso – nelle ore precedenti alla suddetta strage, raccontandocele in modo impalpabile, schivo, come fosse un estraneo che dall'esterno studia curioso comportamenti che non riesce a capire, o che in gran parte lo turbano (come accade per l’unico ragazzo davvero intervistato e nel caso del ragazzo che poi aprirà il fuoco). La sensazione è dunque quella di un ticchettio silenzioso e indolente che inevitabilmente scorre verso un finale che tutti conosciamo e che Sutton non ci tiene neppure a rimettere in scena: tant'è che si accontenta di evocarlo, costruirlo, ma staccando le immagini su di esso proprio nell'attimo in cui le nostre orecchie stavano già ricercando il suono dei proiettili. Un suono che non arriva, quindi, ma che la consapevolezza riesce piuttosto chiaramente a replicare nel nostro inconscio; sordo e potente come se fossimo noi per primi all'interno di quella sala, una sala piena di persone in cerca d’aiuto, forse, ancora prima di andare incontro al loro destino.

Dark Night VeneziaCerto, è oggettivo ammettere che “Dark Night” nel complesso sia un’opera molto particolare, una raffigurazione del lato più oscuro e violento dell’America eseguita in una forma stilistica che va in netta controtendenza con ciò che ci si aspetterebbe da una storia come questa. Sutton infatti evita come la peste la strumentalizzazione dei fatti in termini di spettacolarizzazione, punta la telecamera al di fuori del sangue e della morte, lasciandosi trasportare da una regia, tutta personale e altamente estetica, che sulle prime spiazza, salvo guadagnare, a poco a poco, l'ansia e il timore non appena si avvicina sempre di più verso l'epicentro dichiarato nonché punto definitivo. Un epicentro che, in un film che punta tutto sull'andare ad evidenziare i sintomi che lo hanno provocato, diventa quasi naturale che, alla fine, non venga replicato, ricostruito fino in fondo, come se le righe testuali che, di fatto, vanno a sostituirlo da sole bastassero a rendere l'idea e a restituirne il dolore.

Compreso dei pregi e pure dei difetti - che di certo non gli mancano (soprattutto nel ritmo) - "Dark Night" riesce, perciò, non solo a rendere percettibile quel senso di malessere generale, palese, al quale gli Stati Uniti paiono essere ormai assuefatti, tanto da non percepirlo quasi più come un grave problema, ma anche a mettere in evidenza le doti di un regista interessante, da tenere d'occhio, nonostante l'arroganza che lo porta, ogni tanto, ad abusare della sua potenziale bravura.

Trailer:

giovedì 15 febbraio 2018

Gli Incredibili 2 - Trailer Ufficiale Italiano

Gli Incredibili 2 Pixar

Sbarca online il primo trailer italiano ufficiale di "Gli Incredibili 2" il sequel dell'omonimo film Pixar e Disney del 2004, diretto ancora una volta da Brad Bird e con le voci - nella versione americana - di Samuel L. Jackson, Holly Hunter, Craig T. Nelson e John Ratzenberger. La data di uscita italiana, al momento, è fissata per il 19 Settembre 2018.

Trailer Italiano Ufficiale:

[HOME VIDEO] Yattaman - La Saga Completa Arriva In Blu-Ray

Yattaman Anime

Quando “Yattaman” apparì per la prima volta sulle televisioni italiane era il 1983 e di certo nessuno, allora, sarebbe stato capace di ipotizzare che quella serie avrebbe riscosso in breve tempo un successo così grande da farla rimanere sulla scena delle programmazioni per più di un decennio. Ha contaminato almeno due generazioni, invece, l’anime giapponese della Tatsunoko, tanto da diventare anche protagonista di memorabilia, di cosplayer, e da poter vantare anche un film in live action diretto, nel 2009, dal regista Takashi Miike: non uno qualsiasi, insomma.

Oggi, grazie alla Yamato Video e alla Koch Media, l'intera serie - compresa di tutti i suoi 60 episodi - è stata rilasciata sul mercato home video nei formati Blu-Ray Disc (in due volumi) e DVD, permettendo a chiunque, quindi, di recuperare o rivivere le avventure di Ganchan e Janet, a bordo dei loro robot, volti a sventare le ripetute truffe del Trio Drombo, interessato a mettere le mani su un meraviglioso, ma irraggiungibile tesoro, attraverso le indicazioni ricevute dal temibile Dottor Dokrobei.

Un edizione composta (integralmente) da 16 Dischi (22 nell'edizione DVD), nella quale è stato mantenuto il doppiaggio storico italiano (rimasterizzato, per l'occasione) insieme a quello originale giapponese, sottotitolato fedelmente, e dove non mancano - per fortuna - nemmeno le sigle vintage d'apertura e chiusura, a cui tanto siamo rimasti affezionati.

Yattaman Home Video

Yattaman - Home Video

Il Blu-Ray, in edizione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 16 (8+8)
Formato Video: 1,33:1 1080p
Tracce Audio: 2.0 PCM: Italiano Giapponese
Sottotitoli: Italiano
Contenuti Speciali: Booklet di 36 Pagine con Disegni Preparatori e Sinossi, Sigle Italiane Vintage, Doppiaggio Storico Rimasterizzato, Sottotitoli Fedeli all'Originale
Durata: 2700 minuti ca.
Confezione: Slipcase
Produttore: Yamato Video
Distributore Home Video: Koch Media
Data di Uscita: 18 Gennaio 2018