IL SITO DEDICATO AL CINEMA IDEATO, SCRITTO E DIRETTO DA GIORDANO CAPUTO

venerdì 19 aprile 2019

[HOME VIDEO] Ride - In Home Video L'Esordio Alla Regia Di Valerio Mastandrea

Ride Martegiani

Disponibile in blu ray, dvd e streaming legale l’esordio alla regia di Valerio Mastandrea, quel “Ride” che dopo essere stato presentato all’ultimo Festival Di Torino è riuscito anche a farsi apprezzare in sala da una nicchia di spettatori e da una critica che non ha esitato a metterne in risalto imperfezioni si, ma anche ambizioni e scelte sorprendenti.

Perché si tratta di un’opera particolare, malinconica, che ruota tutta intorno al funerale che verrà di questo operaio e padre di famiglia, dal punto di vista della compagna – che ancora non riesce a piangere – del figlio – il quale vorrebbe sfruttare l’occasione mediatica per fare colpo su una ragazzina – e di un padre tormentato per non aver lottato abbastanza, forse, da giovane, per i diritti della categoria, evitando ora la disgrazia.

Le morti bianche, quindi; l’indifferenza; la nostra abitudine verso qualcosa che, in teoria, con l’abitudine non dovrebbe avere nulla a che fare. Sono le tematiche di un film che tende a immagazzinare, a trattenere, a sviluppare con rispetto (forse addirittura eccessivo) e delicatezza ciò che racconta, anche quando decide, nel finale, di togliersi un po’ di rigidità e lasciarsi andare. Un esordio inaspettato, da parte di Mastandrea, positivo certo, ma al quale speriamo l’attore e – a questo punto – regista possa riuscire a dare seguito.

Ride Home Video

Il Blu-Ray prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 1,78:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 DTS HD: Italiano
Sottotitoli: Italiano Non Udenti, Inglese
Contenuti Speciali: Backstage
Durata: 96
Confezione: Amaray
Produttore: 01 Home Entertainment
Distributore Home Video: Rai Cinema
Data di Uscita: 14 Marzo 2019

[HOME VIDEO] Aquaman - Jason Momoa E' Pronto A Conquistarvi Anche In Home Video

Aquaman Film

Ha salvato inaspettatamente l’universo DC Comics – una parte, almeno – e ora risorge dalle profondità del mare per venirci a fare compagnia sui nostri divani. Si tratta di “Aquaman”, il vichingo metà uomo, metà atlantideo di Jason Momoa, che dopo l’ottimo successo raccolto al cinema si appresta a fare altrettanto in home video.

Disponibile nei classici formati blu-ray, 4K ultra HD, dvd e streaming legale, il film racconta le origini del personaggio soffermandosi sugli scontri diplomatici generati dalla sua decisione di non voler tornare ad Atlantide, ma continuare a vivere sulla terra. Una presa di posizione - raggiunta a seguito della morte della madre - che però verrà messa a dura prova quando la minaccia di un’imminente guerra tra le creature del mare e gli esseri umani sembrerà farsi sempre più concreta. Guerra, peraltro, architettata proprio dal fratellastro ottuso e stratega di Arthur (vero nome di Aquaman), con l'intento di conquistare quel trono sul quale lui, invece, non vuole sedere.

Scanzonato, leggero, spettacolare. Sono questi i punti di forza della pellicola diretta da James Wan, che pur dovendosi adattare a determinate inclinazioni richieste dalla major, riesce a trovare gli spazi per inserire la sua creatività, la sua bravura e addirittura l'amore per l'horror, all'interno di un blockbuster che complessivamente risulta assai digeribile e meno macchinoso del previsto. Il punto più alto, forse, dell'universo DC al cinema, prima che "Shazam!" decidesse di allargare il petto e rimischiare le carte. Ma questa, tuttavia, è un'altra storia...

Aquaman Home Video

Il Blu-Ray 4K Ultra HD, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 2
Formato Video: Ultra HD 4K Dolby Vision
Tracce Audio: 5.1 Dolby Digital: Inglese, Turco, Tailandese, Russo, Cinese, Ungherese, Ceco, Francese, Polacco, Spagnolo, Hindi - 5.1 DTS HD: Italiano - Dolby TrueHD Atmos: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano Non Udenti, Inglese Non Udenti, Russo, Rumeno, Portoghese, Ungherese, Greco, Croato, Bulgaro, Sloveno, Tailandese, Turco, Arabo, Cinese, Ceco, Danese, Finlandese, Francese, Coreano, Polacco, Spagnolo, Svedese
Contenuti Speciali: Tuffati Con Il Re Dei Sette Mari In Più Di 60 Minuti Di Azione Del Dietro Le Quinte!; Esclusivo Sneak Peak Di "Shazam!"; Going Deep Into The World Of Aquaman: Esplora La Realizzazione Del Film!; Becoming Aquaman: Entra Nel Mondo Di Jason Momoa; Dark Depths Of Black Manta: Scopri La Storia Del Nemico Più Letale Di Aquaman; Molto Altro...
Durata: 143
Confezione: Slipcover
Produttore: Warner
Distributore Home Video: Warner Home Video
Data di Uscita: 23 Aprile 2019

lunedì 15 aprile 2019

Serenity - La Recensione

Serenity Matthew McConaughey
Avete presente quella famosa frase che recita: “Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito”?
Ecco, con il “Serenity” di Steven Knight, esagerando un tantino, potremmo dire che sia andata proprio in questo modo: massacrato da pubblico e critica (ma anche dalla sua stessa casa di produzione e distribuzione) a causa di un dito che, magari, non stava indicando esattamente la luna, ma comunque puntava a qualcosa di decisamente più interessante.

Perché si, onestamente, se ci mettessimo a giudicare il film di Knight dalla superficie, e quindi mettendone da parte tutta la costruzione, le ambiguità e le scelte di racconto, allora ci troveremmo di fronte a una storia banale, debole, per alcuni addirittura perditempo e inverosimile. Però - al di là di un colpo di scena che può piacere, come deludere - nel suo mettere insieme i pezzi, stuzzicare lo spettatore e provocarlo con indizi – seminati in scene, dialoghi e in montaggio – decisamente sospettosi, che rischiano addirittura di svelare anticipatamente le sorti che verranno, possiamo dire che “Serenity” sia assolutamente efficace e organizzato come pochi. Senza entrare in quello che potrebbe essere denominato come un campo minato di spoiler, infatti, non serve arrivare troppo a fondo nel conflitto per cominciare a comprendere che la realtà in cui si muove il pescatore di tonni giganti (e squali) Matthew McConaughey - ossessionato, nemmeno fosse Akab, da un tonno in particolare che non riesce a catturare e che ha ribattezzato Justice - sia leggermente sinistra e alterata: basti ascoltare il buongiorno dello speaker della radio nella sua macchina, la connettività mentale che lo lega a un figlio che non vede da anni, o fare caso alle movenze artificiali dello strano businessman che lo sta cercando, sbucato all'improvviso sull'isola di Plymouth dove lui ha scelto di vivere in esilio. Preavvisi, avvisaglie che Knight – da sceneggiatore intelligente qual è – semina senza approfondirne troppo la natura, finge di smarrire distratto, en passant, sempre attentissimo però a non svelarne mai – fino a quando non sarà necessario, ovviamente - la portata e lasciando perciò innumerevoli interrogativi e incertezze sulle pieghe che verranno a formarsi.

Serenity KnightCi troviamo di fronte a un film di fantascienza? A un thriller psicologico? Un noir?
Cominciamo a chiedercelo, a un certo punto. Specie dopo che all'interno del mosaico fa capolino anche una sensualissima Anne Hathaway che svela di essere la ex del nostro protagonista, nonché madre del figlio con cui lui si tiene telepaticamente in contatto: tornata per offrirgli dieci milioni di dollari in cambio della morte del marito-gangster – violento e pericoloso - che a breve la raggiungerà sull'isola per darsi alla pesca, proprio attraverso l’esperienza che McConaughey offre ai turisti per guadagnarsi da vivere. E sono loro gli ultimi membri di un equipaggio che a questo punto può finalmente salpare, intraprendere la traversata, spingersi in mare aperto, barcamenandosi tra il ciò che sembra e il ciò che è: che resta l’unica base su cui la pellicola di Knight si ancora, probabilmente, per rimanere a galla il più possibile. Per non imbarcare troppa acqua dalle rivelazioni, i chiarimenti e gli azzardi che mano mano iniziano a fare capolino, a schiarire il torbido, mettendo oggettivamente a dura prova la fiducia e la pazienza dello spettatore che, tuttavia, se non altro, dovrebbe sforzarsi di apprezzare se non la meta, perlomeno il viaggio.

Perché se concretamente è legittimo sostenere che il dito non può essere ignorato del tutto, nemmeno si può non tener conto dell'intenso carisma elargito dalla (mezza)luna: contenuto nell'enigmaticità di una trama che, seppur non indimenticabile e discutibile, sotto certi aspetti, sa come rendere sé stessa accattivante e avvincente dalla prima all'ultima scena.
Cosa che farebbe comodo a tantissimi titoli osannati, magari, da (certa) critica e/o pubblico.

Trailer:

venerdì 12 aprile 2019

Star Wars: Episodio IX - Teaser Trailer Ufficiale Italiano

Star Wars Daist Ridley

Direttamente dalla Star Wars Celebration, sbarca online il primo teaser trailer ufficiale - sottotitolato in italiano - di "Star Wars: Episodio IX", il capitolo finale della nuova trilogia della saga, diretto da J. J. Abrams con Daisy Ridley, Mark Hamill, Lupita Nyong'o, John Boyega, Oscar Isaac, Adam Driver, Keri Russell, Carrie Fisher, Richard E. Grant, Billy Dee Williams, Naomi Ackie, Kelly Marie Tran, Domhnall Gleeson, Anthony Daniels, Joonas Suotamo, Dominic Monaghan, Greg Grunberg, Billie Lourd, Jimmy Vee, Brian Herring e Dave Chapman, al cinema a Natale 2019.

Teaser Trailer Ufficiale Italiano:

[HOME VIDEO] Vanilla Sky - Il Remake Di Cameron Crowe Per La Prima Volta In Blu-Ray

Vanilla Sky Tom Cruise

È stato inserito tra i film più confusi in assoluto, “Vanilla Sky”, di quelli che dopo che li hai visti corri su internet a cercare e a vedere se ti è sfuggito qualcosa, se hai capito bene, o se esistono teorie mirabolanti in grado di spiegare ciò che nel corso della visione ci è apparso poco chiaro o incomprensibile. Ed è pure uno dei film più discussi di Cameron Crowe, se vogliamo: il meno calcolato; per alcuni tra i meno riusciti, forse anche per via del fatto di essere un remake (l’originale, infatti, è “Apri Gli Occhi” di Alejandro Amenábar) e non una sua totale creazione.
Però, resta uno di quei titoli che non si dimenticano così facilmente; le cui immagini, la musica e la locandina, addirittura, ti rimangono fisse in testa: suggerendoti a distanza di anni di rivederlo ancora, provando a trovare magari quella chiave di (s)volta che ti aveva lasciato perplesso.

Sarà per questo che, seppur con estremo ritardo, alla fine la Paramount e la Universal hanno deciso di distribuirlo per la prima volta in alta definizione, perché per quanto criticato, complesso e oggettivamente pieno di difetti, “Vanilla Sky”, vuoi per il suo cast di stelle, vuoi per la sua trama fantascientifica, o per alcune atmosfere e intuizioni che hanno saputo influenzare un certo tipo di cinema, resta un cult di riferimento, che merita quantomeno una visione di prova.
Con Tom Cruise che, qui, sembra quasi volersi provare a divertire, a mettersi in gioco, sperimentando con il suo status di sex symbol ed entrando nei panni di questo uomo affascinante, desiderato e di successo che, coinvolto in un incidente provocato dalla gelosia della sua ragazza, resta seriamente sfigurato proprio nella notte in cui pensa di aver conosciuto e trovato, finalmente, la sua anima gemella.

Da qui una serie di digressioni, colpi di scena e twist che, se non avete visto la pellicola, non vale la pena anticipare. Un'alternanza di generi che si susseguono, si incrociano, passandosi la palla uno per uno, per convogliare nell'ultimo, definitivo, e concludere la storia in quel modo tanto enigmatico e inaspettato da lasciare con l'amaro in bocca e con una serie di punti interrogativi probabilmente impossibili da sgarbugliare tutti.

Vanilla Sky Home Video

Il Blu-Ray, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 1,78:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 5.1 Dolby Digital: Italiano, Francese, Giapponese, Spagnolo, Tedesco - 5.1 DTS HD: Inglese
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Danese, Olandese, Finlandese, Francese, Giapponese, Norvegese, Spagnolo, Svedese, Tedesco
Durata: 136
Confezione: Amaray
Produttore: Paramount
Distributore Home Video: Universal
Data di Uscita: 10 Aprile 2019

[HOME VIDEO] Spider-Man: Un Nuovo Universo - Il Miglior Film D'Animazione Dell'Anno Arriva In Home Video

Spider-Man Un Nuovo Universo  Film

Era poco più di un mesetto fa quando “Spider-Man: Un Nuovo Universo” ritirava – non troppo a sorpresa – il premio Oscar per il miglior film d’animazione al Dolby Theatre di Los Angeles: battendo una concorrenza non irresistibile, ma comunque ragguardevole. Ora, in Italia, ci prepariamo ad accoglierlo nel mercato home video (nei classici formati 4K, blu-ray, dvd e streaming legale), con una considerazione sicuramente diversa e più interessata che arriva anche da parte di chi, a Natale, lo ha snobbato al cinema perché ormai abituato alle versioni live-action.

Già, perché quello diretto da Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman è uno Spider-Man che viaggia un po’ controcorrente, e non solo per via dell’animazione, appunto, ma per le derive di una storia che se ne frega – relativamente – delle origini (che dribbla sagacemente, in una manciata di secondi), per potersi permettere di assumere un respiro decisamente più ampio, creativo e singolare. Di uomini ragno, infatti, qui ce ne sono più di uno, tutti appartenenti a una propria dimensione – e quindi con story-line e caratteristiche simili, ma differenti – improvvisamente, però, chiamati a coesistere nello stesso universo a causa di un esperimento scientifico architettato dal villain di turno.

Una soluzione narrativa che permette di dare vita a una pellicola totalmente imprevedibile, capace di giocare con l’ironia propria di Peter Parker, ma anche con quella metacinematografica legata ai vari reboot e versioni del franchise passate al cinema negli ultimi anni. Un’opera, inoltre, che rinnega lo stile realistico e curato, sempre più ricercato dall'animazione recente, per abbracciarne un secondo più sporco, simile ai fumetti e alla carta stampata, ma connesso perfettamente con quella che poi risulterà essere la sua vera anima. Vincendo agevolmente, di fatto, una scommessa che, per tanti motivi, in molti, avevano vagliato come rischiosissima.

Spider-Man Un Nuovo Universo Home Video

Il Blu-Ray, in versione italiana, prevede le seguenti specifiche tecniche:
Dischi: 1
Formato Video: 2,40:1 Anamorfico 1080p
Tracce Audio: 2.0 Surround Dolby Digital: Estone, Lettone, Lituano - 5.1 DTS HD: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Estone, Lettone, Lituano
Contenuti Speciali: Corto Inedito: "Spider-Ham: Imbraciolato Nella Rete"; Modalità Universo Alternativo: Scopri Scene, Trame E Personaggi Alternativi E Tanto Altro Ancora Con La Guida Dei Registi; We Are Spider-Man; Ragnoverso: Una Nuova Dimensione; Dal Fumetto Al Cinema; Tributo A Stan Lee E Steve Ditko; Il Cast; Super Fan Del Ragnoverso Caccia All'Easter Egg; Karaoke; Commento Del Regista
Durata: 117
Confezione: Amaray
Produttore: Universal
Distributore Home Video: Universal
Data di Uscita: 10 Aprile 2019

giovedì 11 aprile 2019

Pets 2: Vita Da Animali - Quinto Trailer Ufficiale Italiano

Pets 2: Vita Da Animali Film

Quinto trailer ufficiale italiano per "Pets 2: Vita Da Animali", il sequel dell'omonimo blockbuster d'animazione diretto da Chris Renaud che vedremo al cinema dal 6 Giugno 2019.

Quinto Trailer Ufficiale Italiano:


mercoledì 10 aprile 2019

Il Re Leone - Trailer Ufficiale Italiano

Il Re Leone 2019

Presentato il trailer ufficiale italiano de "Il Re Leone", il nuovo live-action Disney diretto da Jon Favreau con Donald Glover, Seth Rogen, Beyoncé, Chiwetel Ejiofor, Keegan Michael Key, James Earl Jones, Alfre Woodard, John Kani, Florence Kasumba, Billy Eichner, John Oliver, Eric André, nei nostri cinema dal 21 Agosto 2019.

Trailer Ufficiale Italiano:

Sinossi (Ufficiale):Simba prova una grande ammirazione per suo padre, Re Mufasa, e prende sul serio il proprio destino reale. Ma non tutti nel regno celebrano l’arrivo del nuovo cucciolo. Scar, il fratello di Mufasa e precedente erede al trono, ha dei piani molto diversi e la drammatica battaglia per la Rupe dei Re si conclude con l’esilio di Simba. Con l’aiuto di una curiosa coppia di nuovi amici, Simba dovrà imparare a crescere e capire come riprendersi ciò che gli spetta di diritto.

Il Sole E' Anche Una Stella - Trailer Ufficiale Italiano

Il Sole E' Anche Una Stella Film

Presentato il trailer ufficiale italiano di "Il Sole E' Anche Una Stella", il film di Ry Russo-Young con Yara Shahidi e Charles Melton, dall'8 Agosto al cinema.

Trailer Ufficiale Italiano:


Sinossi (Ufficiale):
Il romantico universitario Daniel Bae e la pragmatica di origini Giamaicane Natasha Kingsley, si conoscono - e si innamorano - in una notte magica tra il fervore e il turbinio di New York. Tra i due sconosciuti, che forse non si sarebbero mai incontrati se il destino non ci avesse messo lo zampino, scatta immediatamente la scintilla dell’amore. Ma basterà il destino per far sì che il loro amore sia quello giusto? A poche ore da quello che sembra essere il suo ultimo giorno negli Stati Uniti, Natasha lotta tenacemente contro l’espulsione della sua famiglia così come per i suoi sentimenti verso Daniel, che allo stesso tempo tenta di convincerla che il loro destino è quello di stare insieme per sempre.
Una storia dei giorni nostri che racconta di un amore contro ogni probabilità, “Il sole è anche una stella” si domanda se le nostre vite siano determinate dal fato o dagli eventi casuali dell’universo.

martedì 9 aprile 2019

Il Campione - La Recensione

Il Campione Accorsi
Sarà perché sono romanista – anzi, sicuramente è così – ma quando ho visto per la prima volta il trailer de “Il Campione”, mi è subito salita addosso una strana curiosità. Non mi capita spesso, è. Di solito quando c’è la Roma di mezzo tendo a non guardarli i film, a scartarli, perché penso sempre venga utilizzata più come specchietto per le allodole che per motivi validi, o logici, e la cosa mi infastidisce. Ma stavolta no. Stavolta, guardando le immagini e intuendo i temi, la sensazione che ho percepito è stata intrigante, divertente, e vedere Andrea Carpenzano nei panni di questo potenziale fenomeno con la testa un po’ di Cassano e un po’ di Balotelli, alle prese con le lezioni scolastiche di Stefano Accorsi, mi solleticava parecchio.

Mi aspettavo un lavoro alla “Scialla: Stai Sereno” ambientato nel mondo del calcio: una commedia divertente, paternamente atipica, con il romano e il romanismo fissi sullo sfondo. E, per certi versi, alla fine, non è che ci sia andato, poi, troppo lontano, anche se, va detto, che l’opera prima di Leonardo D'Agostini provi a muovere, prudente, dei passi ulteriori. Perché se è onesto ammettere che i momenti migliori, più indelebili, de “Il Campione” sono racchiusi nei gesti assurdi e nelle parole sguaiate, ma spontanee di un atleta del trullo incapace di gestire successo, talento, denaro e affetti, è altrettanto vero che quando c’è da entrare in profondità, da scavare nei personaggi, la pellicola di D’Agostini dimostra di sapersi adattare benissimo, riuscendo ad emozionare con sorprendente semplicità. Tant'è che un po’ dispiace accorgersi che, queste minuscole, ma potentissime parentesi, non vengano maggiormente ampliate, portate avanti, guadagnando più spazio all'interno di una storia che, forse, avrebbe fatto meglio a non verticalizzare tutto sull'aspetto – importantissimo, per carità, ma assai meno vibrante - riservato all'istruzione e all'intelletto. Nonostante parliamo di una tattica che si rivela vincente, non c’è dubbio, ma non devastante come sarebbe potuta essere quella di continuare a battere sugli abbracci sinceri tra Christian e Valerio e sul rapporto da ricucire – a seguito di una tragedia - di quest’ultimo con la sua ex-moglie.

Il Campione CarpenzanoC’è un filo comune, del resto, che accomuna questi due personaggi apparentemente agli antipodi: entrambi portano sulle spalle una perdita insanabile che per motivi diversi gli sta condizionando equilibrio mentale ed esistenza. Per Christian è quella di una madre morta di cancro che lo ha lasciato con un padre tornato solo per approfittarsi dei suoi soldi, mentre per Valerio è quella di un figlio portato via da meningite fulminante, ma per il quale lui si sente, in parte, responsabile. E allora ci sta che, attutite le schermaglie iniziali, queste due anime finiscano col trovarsi, con l'entrare in contatto, parlare la stessa lingua e comprendersi. Ci sta che, ognuno a modo suo, provi a far sentire all'altro la propria gratitudine, felicità, spirito di rinascita: mettendo davanti, magari, una lastra meno spessa a far da schermo, giusto per non rischiare troppo, visti i precedenti. Una pista narrativa rischiosa, appassionante, che la regia di D’Agostini riesce a tenere viva abbastanza, superando addirittura dei leggeri ostacoli in cui avremmo scommesso sarebbe caduta: gli stessi in cui, poi, decide lei stessa di volersi adagiare, per far posto a una chiusura coerente con le premesse, ma probabilmente troppo canonica e confortevole, se consideriamo dove ci si poteva spingere.

Restando in materia di esami e di maturità, tuttavia, “Il Campione” resta lo stesso una piacevolissima sorpresa, una di quelle capaci di regalare un paio d’ore di ottimo intrattenimento e di risate, complice anche un cast azzeccato e in formissima e una scrittura, a tratti, davvero brillante e acuta.

Trailer: